Ladispoli: a settembre Piano Particolareggiato campeggi

Ladispoli: a settembre Piano Particolareggiato campeggi

24/08/2016 0 Di puntoacapo

Hits: 19

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3180 volte!

DCIM100MEDIADJI_0757.JPG

DCIM100MEDIADJI_0757.JPG

Ladis­poli: campeg­gi e aree per attiv­ità tur­is­ti­co-ricettive, entro set­tem­bre l’adozione del Piano Particolareggiato

 

Le oper­azioni di sgombero dei campeg­gi e delle aree di sos­ta dei camper sono avvenute nei giorni scor­si sen­za par­ti­co­lari prob­le­mi di ordine pub­bli­co e di via­bil­ità. La man­can­za di prob­lem­atiche impor­tan­ti è dovu­ta al fat­to che c’è sta­ta piena accettazione da parte dei vari sogget­ti des­ti­natari delle ordi­nanze: tutte le Autorità, Isti­tuzioni e le Forze dell’ordine ave­vano svolto il loro ruo­lo nei mesi prece­den­ti affinché fos­se chiaro che la legge dove­va essere appli­ca­ta, anche se con modal­ità che pote­vano evitare situ­azioni di tensione. 

DCIM100MEDIADJI_0750.JPG

DCIM100MEDIADJI_0750.JPG

Sicu­ra­mente il set­tore del tur­is­mo di Ladis­poli lega­to ai campeg­gia­tori e ai camperi­sti ha risen­ti­to delle ordi­nanze e del­la nuo­va situ­azione che si è venu­ta a creare: il Comune ha svolto il ruo­lo che la legge affi­da agli Enti locali, con le ordi­nanze di demolizione nell’ultimo anno, con le relazioni con­seg­nate all’Autorità giudiziaria e con i con­tat­ti costan­ti con la stes­sa Autorità giudiziaria al fine di ottenere la pos­si­bil­ità alle famiglie pro­pri­etarie di ter­reni l’uso delle abitazioni di res­i­den­za e soprat­tut­to al fine di con­sid­er­are pos­i­ti­va­mente l’esecuzione delle demolizioni delle opere non autor­iz­zate da parte di alcu­ni gestori delle aree.  Per quan­to riguar­da la prospet­ti­va delle tre aree di Ladis­poli che era­no già attive pri­ma del 1974 l’Amministrazione ha già atti­va­to la Con­feren­za dei servizi pre­vista del­la legge Regionale ed ha incar­i­ca­to i tec­ni­ci per la redazione del Piano Par­ti­co­lareg­gia­to che porterà alla Vari­ante di Prg   alla defin­i­ti­va des­ti­nazione di queste aree ad attiv­ità tur­is­ti­co-ricettive. Anche l’area più este­sa di torre Flavia, che già i Prg (quel­lo adot­ta­to e quel­lo in itinere) des­ti­nano ad attiv­ità com­pat­i­bili con il tur­is­mo, sarà segui­ta dal­la stes­sa Con­feren­za dei Servizi che pre­dis­porrà gli atti per il voto del Con­siglio Comunale.