Libera Anzio-Nettuno: presidio del Belvedere di Nettuno sequestrato a Mancini

Libera Anzio-Nettuno: presidio del Belvedere di Nettuno sequestrato a Mancini

17/08/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2198 volte!

DSC_4934Come con­seguen­za dei sequestri effet­tuati in giug­no dal­la Guardia di Finan­za al pat­ri­mo­nio dell’imprenditore Fer­nan­do Manci­ni, è sta­to pos­to sot­to ammin­is­trazione giudiziaria anche lo sta­bil­i­men­to bal­n­eare Belvedere di Net­tuno. A segui­to di ciò l’amministrazione giudiziaria stes­sa, anche con l’invito dell’amministrazione comu­nale, ha deciso di con­tattare Lib­era per dare un seg­nale di legal­ità al ter­ri­to­rio ed alla cit­tad­i­nan­za.
I volon­tari del locale Pre­sidio di Lib­era “Don Cesare Boschin” Anzio-Net­tuno han­no rispos­to pos­i­ti­va­mente all’invito, coin­vol­gen­do anche i pre­si­di lim­itrofi di April­ia e Lati­na e le asso­ci­azioni con le quali lavo­ra­no in rete. Fra quelle che han­no deciso di impeg­nar­si atti­va­mente in ques­ta sfi­da tro­vi­amo l’AGESCI Grup­po Anzio-Net­tuno, l’AIFO Lati­na, l’Azione Cat­toli­ca del­la Dio­ce­si di Albano, il CNGEI Sezione Anzio-Net­tuno, il Cen­tro Sporti­vo Ital­iano, Pon­tum Asso­ci­azione Inter­cul­tur­ale, oltre all’appoggio di altre realtà locali come la Coop­er­a­ti­va Riparo di Anzio e l’Associazione Mamme Fuori, le quali svol­ger­an­no alcune delle loro attiv­ità al Belvedere.

I volon­tari pre­sen­ti al lido stan­no quin­di pre­stando il pro­prio servizio in appog­gio ai lavo­ra­tori del­la coop­er­a­ti­va suben­tra­ta nel­la ges­tione del­lo sta­bil­i­men­to ed ai bag­nan­ti, orga­niz­zan­do alcu­ni even­ti, ma soprat­tut­to aiu­tan­do a ren­dere di nuo­vo fruibile per tut­ta la cit­tad­i­nan­za una stor­i­ca spi­ag­gia di Net­tuno, che a luglio rischi­a­va di rimanere chiusa ed inuti­liz­za­ta.

Volen­do tut­ti noi dare un forte mes­sag­gio di legal­ità, di gius­tizia sociale, di rispet­to del lavoro onesto e del ter­ri­to­rio sul quale vivi­amo, invi­ti­amo la cit­tad­i­nan­za tut­ta a venir­ci a trovare; per­ché, come dice l’hashtag che abbi­amo scel­to, #unmare­di­ver­so è pos­si­bile.

Il comu­ni­ca­to è invi­a­to a fir­ma delle seguen­ti asso­ci­azioni:

AGESCI Grup­po Anzio-Net­tuno

AIFO Lati­na

Azione Cat­toli­ca del­la Dio­ce­si di Albano

CNGEI Sezione Anzio-Net­tuno

Cen­tro Sporti­vo Ital­iano

Lib­era Pre­sidio “Don Cesare Boschin” Anzio-Net­tuno

Pon­tum Asso­ci­azione Inter­cul­tur­ale

Con­di­vi­di:
error0