Videosorveglianza urbana: il progetto del Comune di Cori è in graduatoria per il cofinanziamento della Regione Lazio

Videosorveglianza urbana: il progetto del Comune di Cori è in graduatoria per il cofinanziamento della Regione Lazio

12/08/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1746 volte!

La Pisana con­tribuirà con 90mila euro all’installazione sul ter­ri­to­rio comu­nale di tele­camere per la vig­i­lan­za di 16 pun­ti sen­si­bili dis­lo­cati tra i cen­tri stori­ci e le per­iferie di Cori e Giulianello.

Il prog­et­to per la real­iz­zazione del sis­tema di videosorveg­lian­za urbana elab­o­ra­to dall’Assessorato alla Sicurez­za e dal Coman­do di Polizia Locale di Cori, è sta­to ammes­so al cofi­nanzi­a­men­to regionale, per un impor­to pari a 90mila euro. Lo rende noto il vice Sin­da­co Ennio Afi­lani, rice­vu­ta con­fer­ma scrit­ta dal­la Pisana dell’approvato con­trib­u­to accorda­to all’ente lep­ino, giun­to 4° in grad­u­a­to­ria regionale su 300, di cui solo 52 finanziati.

“Queste risorse servi­ran­no per l’instal­lazione delle prime tele­camere nec­es­sarie all’ampliamento e al poten­zi­a­men­to del con­trol­lo e del­la vig­i­lan­za sul ter­ri­to­rio comu­nale, garan­ten­do un pre­sidio costante delle zone più a ris­chio sia a Cori che a Giu­lianel­lo – spie­ga Afi­lani – con la final­ità di tute­lare l’incolumità pub­bli­ca, cer­can­do di pre­venire atti di crim­i­nal­ità e di inciviltà, e con­trastare i fenomeni di devian­za e di degra­do urbano.”

Tra Cori monte, Cori valle e Giu­lianel­lo sono sta­ti indi­vid­uati 16 siti ritenu­ti sen­si­bili, sia nei cen­tri stori­ci che nelle per­iferie. Qui ver­ran­no posizion­ate le video­camere, dis­tribuite in modo tale da assi­cu­rare la più ampia cop­er­tu­ra spaziale, ben oltre i pun­ti di ingres­so ed usci­ta dal­la cit­tà, dove da alcu­ni mesi è in atto la pro­dut­ti­va sper­i­men­tazione del tar­ga sys­tem, che con­sente di fer­mare e seg­nalare veicoli rubati, privi di assi­cu­razione e non in rego­la con la revisione.

Come pre­vis­to nel Rego­la­men­to di videosorveg­lian­za approva­to dal Con­siglio comu­nale, la ges­tione del sis­tema di videosorveg­lian­za sarà affi­da­ta al Cen­tro di Con­trol­lo ubi­ca­to pres­so la sede del­la Polizia Locale dove con­verg­er­an­no tutte le immag­i­ni. Queste potran­no essere visu­al­iz­zate in tem­po reale, disponi­bili anche per le Forze dell’Ordine, e/o archivi­ate in for­ma­to dig­i­tale per una loro suc­ces­si­va consultazione.

“Seguiran­no ora ulte­ri­ori pas­sag­gi buro­crati­ci pri­ma di pot­er avviare il sis­tema di videosorveg­lian­za del paese — pre­cisa il Vice Sin­da­co Ennio Afi­lani – intan­to però è sta­ta riconosci­u­ta la bon­tà del lavoro svolto dall’Amministrazione e dal Coman­do di Polizia Locale in fase prog­et­tuale sul tema del­la sicurez­za urbana, par­ti­co­lar­mente sen­ti­to dai cit­ta­di­ni, alle cui istanze sti­amo cer­can­do di dare conc­re­ta rispos­ta, anche dotan­do­ci di stru­men­tazioni efficaci.”

Mar­co Castaldi

Addet­to Stam­pa & OLMR