Tournée ungherese per gli Sbandieratori dei Rioni di Cori

Tournée ungherese per gli Sbandieratori dei Rioni di Cori

10/08/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2178 volte!

Dal 9 al 14 Agos­to i maestri nell’arte del maneg­giar l’insegna parte­ci­pano al XVI Gyöngy Inter­na­tion­al Folk-Dance Fes­ti­val di Gyöngyös; dal 15 al 21 Agos­to sono a Debre­cen per il Virágkarnevál o Carnevale dei Fiori.

È inizia­ta la tournée ungherese degli Sbandier­a­tori dei Rioni di Cori. I maestri nell’arte del maneg­giar l’insegna rap­p­re­sen­ter­an­no l’Italia e il folk­lore corese del­la bandiera alla XVI edi­zione del Gyöngy Inter­na­tion­al Folk-Dance Fes­ti­val di Gyöngyös (9–14 Agos­to), ker­messe mon­di­ale che si tiene ogni due anni ai pie­di dei Mon­ti Mátra, insieme agli altri grup­pi inter­nazion­ali prove­ni­en­ti da Argenti­na, Repub­bli­ca Ceca, Mon­tene­gro, Rus­sia, Spagna, Tai­wan e Turchia, oltre alle com­pag­nie locali.

La man­i­fes­tazione, tra le più pres­ti­giose del Paese, ha orig­ine dal­la lun­ga tradizione folk­loris­ti­ca di ques­ta cit­tà, a 80 km da Budapest, incar­na­ta dal Folk-dance Vidrócz­ki Group, pri­mo orga­niz­za­tore del fes­ti­val nel 1969, e col pas­sare degli anni, non solo è diven­ta­to il pri­mo even­to cit­tadi­no, ma ha acquisi­to una popo­lar­ità tale da rice­vere il costante sup­por­to delle isti­tuzioni e di numerosi volon­tari. Lo sta­tus CIOFF, la per­fet­ta orga­niz­zazione ed il pro­gram­ma attraente lo ren­dono uno dei più autorevoli fes­ti­val dell’Europa ori­en­tale.

A Fer­ragos­to i Rioni rag­giunger­an­no Debre­cen, dove saran­no pro­tag­o­nisti del Virágkarnevál, il Carnevale dei Fiori, il più impor­tante carnevale ungherese. Fino al 21 Agos­to le prin­ci­pali strade del­la sec­on­da cit­tà dell’Ungheria saran­no ani­mate ogni giorno, mat­ti­na e sera, dalle sug­ges­tive sfi­late dei car­ri infio­rati, col­orate e pro­fu­mate e gigan­ti dec­o­razioni flo­re­ali alle quali faran­no da cor­nice i cortei e le esi­bizioni di numerosi artisti di ogni genere che regaler­an­no al pub­bli­co spet­ta­coli indi­men­ti­ca­bili.

L’iniziativa, uni­ca in tut­to il vec­chio con­ti­nente, tro­va il suo momen­to saliente il 20 Agos­to, in coin­ci­den­za con la fes­ta nazionale, il giorno di San­to Ste­fano, pri­mo Re del­lo Sta­to ungherese, e Fes­ta del Pane Nuo­vo, cel­e­bra­ta con il pane che viene prodot­to con l’ultimo gra­no rac­colto. Per gli Sbandier­a­tori dei Rioni di Cori si trat­ta di un gra­di­to ritorno in ter­ra magia­ra, nell’anno del loro 50° anniver­sario di fon­dazione. A Gyöngyös gli Alfieri di Cori era­no già sta­ti nel 2012, men­tre Debre­cen ave­va avu­to modo di apprez­zarli nel 2004.

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR