ROMA, CENTRO COMMERCIALE A VALLE AURELIA: VAS CHIEDE SE I LAVORI SONO REGOLARI

ROMA, CENTRO COMMERCIALE A VALLE AURELIA: VAS CHIEDE SE I LAVORI SONO REGOLARI

14/07/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 4305 volte!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

ROMA, CENTRO COMMERCIALE A VALLE AURELIAVAS CHIEDE SE I LAVORI SONO REGOLARI

Con una let­tera alla Sin­da­ca Rag­gi, ai Dipar­ti­men­ti inter­es­sati e alla Pres­i­dente del XIII Munici­pio, l’associazione Ver­di Ambi­ente e Soci­età – VAS ha chiesto di conoscere i motivi che stan­no per­me­t­ten­do la con­tin­u­azione dei lavori per la real­iz­zazione di un mega Cen­tro Com­mer­ciale pres­so la stazione del­la Metro di Valle Aure­lia a pochi pas­si da San Pietro.

Abbi­amo rac­colto – dichiara Rodol­fo Bosi, Respon­s­abile del Cir­co­lo Ter­ri­to­ri­ale di Roma dell’associazione – le numerose seg­nalazioni che il nos­tro asso­ci­a­to Ste­fano Zup­pel­lo ha invi­a­to ai Dipar­ti­men­ti cen­trali nel­la ves­ta di Vicepres­i­dente del Munici­pio XIII, car­i­ca che ha ricop­er­to fino alle ultime elezioni. Oltre alla forte pre­oc­cu­pazione più volte espres­sa per l’impatto che ques­ta opera (pre­vista dal Pro­gram­ma di Recu­pero Urbano n 8 – art 11 L 493/93) avrà sicu­ra­mente per quan­to riguar­da il già frag­ile sis­tema idro­ge­o­logi­co dell’area inter­es­sa­ta e per quel­lo che accadrà con l’aumento del traf­fi­co veico­lare su strade di cer­to non idonee a sop­por­tar­lo, la nos­tra let­tera chiede prin­ci­pal­mente di conoscere i motivi per cui non è sta­to dato segui­to alla sospen­sione dei lavori che il Dipar­ti­men­to Pro­gram­mazione e Attuazione Urban­is­ti­ca  del Comune di Roma ha richiesto con una nota dell’8 aprile 2016.

Aspet­ti­amo quin­di risposte a quan­to abbi­amo richiesto per sapere se i lavori che stan­no andan­do avan­ti fin trop­po spedi­ta­mente risul­tano con­for­mi a tutte le pre­scrizioni richi­este in sede di Con­feren­za dei Servizi.

VAS comunque – con­clude Bosi — con­tin­uerà a vig­i­lare sui lavori e a richiedere che si rive­da  insieme ai Comi­tati e ai cit­ta­di­ni tut­to il prog­et­to a com­in­cia­re dal piano del­la via­bil­ità pre­vista”