Book’n’Roll: tra musica e libri a Giulianello si parla di migrazione

Book’n’Roll: tra musica e libri a Giulianello si parla di migrazione

13/07/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1630 volte!

Domeni­ca 17 Luglio, dalle ore 17, a Piaz­za Umber­to I, la III edi­zione del­la Rasseg­na di scrit­ture urgen­ti. In pro­gram­ma la Fiera del Libro; la mostra fotografi­ca “The Long Run” di Giuseppe Chi­antera; la pre­sen­tazione del lib­ri di Leonar­do Palmisano “Ghet­to Italia. I brac­cianti stranieri tra capo­rala­to e sfrut­ta­men­to”, introdot­to dal­lo stori­co Alessan­dro Portel­li; la tavola roton­da “Tra capo­rala­to e sfrut­ta­men­to, la ques­tione pon­ti­na” con Mar­co Omiz­zo­lo, pres­i­dente dell’; i con­cer­ti di Emanuele Colan­drea e Gio­van­ni Trup­pi.

Tor­na Book’n’roll, la rasseg­na che unisce lib­ri e musi­ca nel cen­tro stori­co di Giu­lianel­lo. Scrit­ture urgen­ti, lib­ri tes­ti­mo­ni­ali,  can­tau­tori ital­iani. Dopo mafia e lavoro il tema di ques­ta terza edi­zione è la migrazione.

L’evento, in pro­gram­ma per domeni­ca 17 Luglio, dalle ore 17, a Piaz­za Umber­to I, a Giu­lianel­lo, si aprirà con la mostra fotografi­ca “The Long Run” cura­ta da Giuseppe Chi­antera. Un viag­gio tes­ti­mo­ni­ale lun­go la trat­ta dei Bal­cani, in par­ti­co­lare in Croazia, una delle ultime tappe del­la ‘rot­ta bal­cani­ca’, inter­rot­ta brus­ca­mente dal muro ungherese. Nel giro di pochissi­mi giorni Tovarnik, cit­tad­i­na rurale ai con­fi­ni con la Ser­bia, nel­la zona di Vuko­var, e il cam­po di tran­si­to di Opa­to­vac, diven­ta un nuo­vo impor­tante pun­to d’accesso per migli­a­ia di migranti che risal­go­no attra­ver­so alcu­ni pas­sag­gi per­cor­si ven­ti anni fa dai profughi che fug­gi­vano la guer­ra in Yugoslavia.

A seguire Leonar­do Palmisano pre­sen­terà il suo ulti­mo libro “Ghet­to Italia. I brac­cianti stranieri tra capo­rala­to e sfrut­ta­men­to” (ed. Fan­dan­go), scrit­to insieme a Ivan Sag­net. Intro­dur­rà lo stori­co Alessan­dro Portel­li. Un reportage fat­to di sto­rie rac­con­tate da chi vive nei nuovi ghet­ti dis­sem­i­nati per l’Italia da nord e sud, al lim­ite del­la sop­por­tazione fisi­ca e psi­co­log­i­ca, tra razz­is­mo, ingius­tizia e indif­feren­za.

Nel cor­so del­la tavola roton­da “Tra capo­rala­to e sfrut­ta­men­to, la ques­tione pon­ti­na” inter­ver­rà Mar­co Omiz­zo­lo, pres­i­dente dell’asso­ci­azione InMi­grazione, che par­lerà dei recen­tis­si­mi scioperi e proteste dei brac­cianti dell’Agro Pon­ti­no.

In ser­a­ta spazio al can­tau­tora­to ital­iano con Emanuele Colan­drea che pre­sen­terà il suo album/racconto “Un giorno di ven­to”, che mette insieme le vicis­si­tu­di­ni di alcu­ni per­son­ag­gi ritrat­ti nelle can­zoni, e Gio­van­ni Trup­pi con “Solo Piano tour”, un lavoro che par­la di amore e di ses­so, di polit­i­ca e di Dio, delle donne e degli uomi­ni.

La piaz­za ospiterà la Fiera del Libro, con gli stand di case editri­ci, del­la bib­liote­ca di Giu­lianel­lo, scrit­tori, arti­giani.

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR