REGIONE LAZIO, SVILUPPO ECONOMICO: SI’ A PROGRAMMA OPERATIVO PER AREE FCA (EX FIAT)

REGIONE LAZIO, SVILUPPO ECONOMICO: SI’ A PROGRAMMA OPERATIVO PER AREE FCA (EX FIAT)

11/07/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 5946 volte!

Fiat Piedimonte San GermanoREGIONE LAZIO, SVILUPPO ECONOMICO: SI’ A PROGRAMMA OPERATIVO PER AREE FCA (EX FIAT)

In arri­vo 3,5 mil­ioni di euro nel tri­en­nio 2016–2018 per infra­strut­ture a Frosinone

 Parere favorev­ole con osser­vazioni dal­la otta­va com­mis­sione del Con­siglio regionale del Lazio, com­pe­tente in mate­ria di lavoro e svilup­po eco­nom­i­co, pre­siedu­ta da Daniele Fichera, sul­lo schema di delib­er­azione del­la giun­ta (n. 158) con­cer­nente il pro­gram­ma oper­a­ti­vo pre­vis­to dal­la legge regionale 31 dicem­bre 2002, n. 46 “Inter­ven­ti per il sosteg­no allo svilup­po ed all’oc­cu­pazione nelle aree inter­es­sate dal­la crisi del­lo sta­bil­i­men­to Fca (ex Fiat) di Pied­i­monte S. Ger­mano (Fr)”.

Lo schema di delib­era tor­na ora in Giun­ta per l’ap­provazione definitiva.

Il provved­i­men­to stanzia 3,5 mil­ioni di euro sud­di­visi in 700mila euro per il 2016, 1,8 mil­ioni per il 2017 e 1 mil­ione per il 2018 per sei inter­ven­ti di tipo viario e due di tipo idri­co finanziati con risorse regionali.

“Sap­pi­amo tut­ti il ruo­lo che ha il set­tore dell’automotive a Frosi­none e quan­to sia impor­tante non solo per quell’area ma per l’intera regione e a liv­el­lo nazionale il rilan­cio di quel­la realtà che ha subito un forte impul­so con il piano pro­dut­ti­vo di Fca che porterà da 4.300 a 7.700 i lavo­ra­tori imp­ie­gati entro il 2018”, ha det­to l’assessore allo svilup­po eco­nom­i­co Gui­do Fabi­ani. “Ques­ta misura – ha pros­e­gui­to – è parte di una com­p­lessi­va strate­gia del­la Regione Lazio per l’industrializzazione e per il ripo­sizion­a­men­to com­pet­i­ti­vo dell’automotive e dei sis­te­mi ter­ri­to­ri­ali di riferimento”.

L’obiettivo è quin­di di “accom­pa­gnare il per­cor­so di rilan­cio del set­tore” con l’aumento del­la dotazione infra­strut­turale e delle strut­ture di servizio al sis­tema pro­dut­ti­vo locale. Neces­sità emerse nei tavoli di con­sul­tazione delle par­ti coor­di­nati dal­la prefet­tura di Frosi­none, come ripor­ta­to dal con­sigliere pd Ric­car­do Agos­ti­ni, che ha rap­p­re­sen­ta­to l’ufficio di pres­i­den­za del­la otta­va com­mis­sione ai tavoli.

L’Astral sarà il sogget­to attua­tore dei sei inter­ven­ti riguardan­ti la rete viaria e di illu­mi­nazione stradale, in con­sid­er­azione del­la sua natu­ra “in-house” ma anche dell’esigenza, ha spie­ga­to Fabi­ani, “di dare con­ti­nu­ità alla real­iz­zazione degli inter­ven­ti a pre­scindere dalle mod­i­fiche cos­ti­tuzion­ali.” Quan­to ai lavori al servizio idri­co dell’acquedotto Terme Varo­ni­ane e al depu­ra­tore di Vil­la San­ta Lucia, sogget­to attua­tore sarà il Con­sorzio Asi di Frosinone.

Ma è sta­to pro­prio sull’individuazione dell’Astral che si è dichiara­to per­p­lesso il con­sigliere Gian­car­lo Righ­i­ni (FdI), trat­tan­dosi di strade provin­ciali e chieden­do al con­tem­po di audire pre­lim­i­n­ar­mente all’approvazione del piano l’amministratore dell’Azienda Strade Lazio, nonché sul fat­to che l’importo pre­vis­to per la real­iz­zazione dei lavori supera di cir­ca 1milione gli stanzi­a­men­ti ad oggi disponi­bili. Sec­on­do Fabi­ani, “sarà pos­si­bile finanziare tut­ti gli inter­ven­ti sul­la base dei rib­assi d’asta”.

Su pro­pos­ta del pres­i­dente Fichera è sta­to deciso di prevedere il riesame del piano a sei mesi e di inserire l’impegno del­la giun­ta a ten­er con­to delle osser­vazioni che dovessero sca­turire dall’audizione dei ver­ti­ci di Astral, Asi, Con­sorzio per lo Svilup­po indus­tri­ale del Lazio Merid­ionale (Cosil­am) e del­la Provin­cia di Frosi­none, pre­vista all’inizio del­la prossi­ma set­ti­mana. Lo schema di delib­era ha rice­vu­to per­tan­to il parere favorev­ole del­la com­mis­sione sen­za il voto di Righ­i­ni e con l’astensione del­la con­sigliera pen­tastel­la­ta Sil­via Blasi, il cui grup­po ave­va annun­ci­a­to ieri il ritorno nelle com­mis­sioni dei suoi rappresentanti.

“La Com­mis­sione con­sil­iare del­la Regione Lazio, com­pe­tente in mate­ria di lavoro e svilup­po eco­nom­i­co, ha dato, oggi, il via lib­era allo schema di delib­era del­la Giun­ta regionale che prevede uno stanzi­a­men­to di 3,5 mil­ioni di euro per sei inter­ven­ti di tipo viario e due di tipo idri­co per lo sta­bil­i­men­to Fca (ex Fiat) di Pied­i­monte S. Ger­mano. Il mio ringrazi­a­men­to alla Com­mis­sione e al Pres­i­dente Fichera per l’importante approvazione”. Lo dichiara in una nota l’Assessore Regionale Mau­ro Buschini.

“Il provved­i­men­to – ha spie­ga­to Bus­chi­ni – tornerà in giun­ta per l’approvazione defin­i­ti­va. Il rilan­cio del sito pro­dut­ti­vo di Fca è fon­da­men­tale vista l’importanza del set­tore dell’automotive nel­la parte sud del­la Provin­cia di Frosi­none e, nel com­p­lesso, per tut­to il ter­ri­to­rio regionale. Miglio­rare le infra­strut­ture, mate­ri­ali e imma­te­ri­ali, è un obi­et­ti­vo del­la Regione Lazio e questo sbloc­co di risorse risul­ta essen­ziale per ren­dere il nos­tro ter­ri­to­rio com­pet­i­ti­vo così da sostenere il piano pro­dut­ti­vo di Fca che porterà, così come annun­ci­a­to da Mar­chionne, da 4.300 a 7.700 i lavo­ra­tori imp­ie­gati entro il 2018”.