Incontro tra Generazioni per il 50ennale degli Sbandieratori dei Rioni di Cori

Incontro tra Generazioni per il 50ennale degli Sbandieratori dei Rioni di Cori

05/07/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1413 volte!

Si è svolto domeni­ca pomerig­gio il pri­mo degli even­ti orga­niz­za­ti dai maestri dell’arte del maneg­giar l’insegna per il 50° anniver­sario del­la loro fon­dazione. Una grande fes­ta tra mostra fotografi­ca mul­ti­me­di­ale, pre­sen­tazione del libro di Mar­co Mal­os­si, san­ta mes­sa cel­e­bra­ta dal Vesco­vo Cro­ci­a­ta e il sag­gio di gruppo.

Fes­ta grande per gli Sbandier­a­tori dei Rioni di Cori, pri­mo grup­po nato nell’Italia cen­trale, che domeni­ca pomerig­gio nell’area del Com­p­lesso Mon­u­men­tale di S.Oliva han­no dan­no inizio ai fes­teggia­men­ti per il 50° anniver­sario del­la fon­dazione, con l’Incon­tro tra Gen­er­azioni 1966/2016, il pri­mo degli even­ti in pro­gram­ma nel cor­so dell’anno.

La man­i­fes­tazione si è aper­ta a Palazzet­to Luciani con l’inaugurazione del­la mostra fotografi­ca mul­ti­me­di­ale ‘Pas­sag­gi di Tem­po’. Le foto più sig­ni­fica­tive delle parte­ci­pazioni dei Rioni alle 1.200 rasseg­ne nazion­ali e ai 150 fes­ti­val inter­nazion­ali in tut­ti i con­ti­nen­ti. È sul­la base delle prime espe­rien­ze all’estero dei Rioni che nel 1974 si tenne il 1° Fes­ti­val del­la Col­li­na® – Incon­tri con il Folk­lore Inter­nazionale — e per la pri­ma vol­ta Cori aprì al mon­do le sue porte. Il Fes­ti­val del­la Col­li­na si è ripetu­to per XXXIII edizioni.

A seguire, Mar­co Mal­os­si ha pre­sen­ta­to il suo nuo­vo libro ded­i­ca­to al mon­do degli Sbandier­a­tori, ‘Pen­sieri oltre la lin­ea’. Anche il rica­va­to di questo suo ter­zo vol­ume andrà in benef­i­cen­za a favore dei più pic­coli e bisog­nosi. Poi la san­ta mes­sa cel­e­bra­ta nel­la Chiesa di S.Oliva dal Vesco­vo del­la Dio­ce­si di Lati­na-Ter­raci­na-Sezze-Priver­no, Mons. Mar­i­ano Cro­ci­a­ta.

Alle ore 18, Piaz­za Sant’Oliva si è riem­pi­ta di Alfieri. È sta­ta un’occasione uni­ca per rivedere all’opera alcu­ni di quegli oltre 300 ‘ragazzi’ che han­no fat­to la Sto­ria dei Rioni in questi 5 decen­ni, ma anche per riper­cor­rere l’evoluzione del­la bandiera (stru­men­to mil­itare, sim­bo­lo reli­gioso, giuo­co) e del­la scuo­la di sbandiera­men­to corese, uno stile esclu­si­vo, che più di tut­ti si avvic­i­na all’antica arte del maneg­giar l’insegna, coni­u­gan­do tradizione e innovazione.

In 110 han­no vesti­to i cos­tu­mi rinasci­men­tali frut­to di atten­ta ricostruzione stor­i­ca, per dare vita ad un sug­ges­ti­vo ed emozio­nante spet­ta­co­lo. I fonda­tori, tra cui il pri­mo Pres­i­dente Gio­van­ni Pis­til­li, han­no pas­sato il tes­ti­mone ai bam­bi­ni del Prog­et­to Gio­vani. Le squadre anni ’70, ’80, ’90, 2000-’10, si sono alter­nate tra pro­gres­sione, cer­chio, scher­maglia, esi­bizione a due bandiere, cuneo, parte acro­bat­i­ca e core­ografie inte­grate con la fan­fara dei musi­ci. Infine la giran­dola inter­gen­er­azionale. Un affet­tu­oso ricor­do anche per col­oro che non ci sono più.

Mar­co Castaldi

Addet­to Stam­pa & OLMR