Marino: ecco l’ordinanza del Sindaco sui rifiuti

Marino: ecco l’ordinanza del Sindaco sui rifiuti

01/07/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 8769 volte!

Carlo Colizza

Car­lo Col­iz­za

EMERGENZA RIFIUTI A MARINO

L’INCENDIO ALLA DISCARICA DI RONCIGLIANO HA IMPOSTO L’ORDINANZA DI DIVIETO DI CONFERIMENTO FINO A DOMENICA 3 LUGLIO

             In con­seguen­za dell’incendio svilup­patosi ieri pres­so la dis­car­i­ca del­la Pon­ti­na Ambi­ente in local­ità Ron­cigliano che impedisce di fat­to di rac­cogliere i rifiu­ti dei Comu­ni autor­iz­za­ti e, quin­di, anche il nos­tro, il Sin­da­co Car­lo Col­iz­za ha emes­so in data odier­na 1° luglio 2016 una ordi­nan­za che vieta il con­fer­i­men­to nei cas­sonet­ti da parte di cit­ta­di­ni e com­mer­cianti fino alle ore 19,00 di domeni­ca 3 luglio prossi­mo.

            Nel cor­so del­la gior­na­ta la Regione Lazio, pronta­mente con­tat­ta­ta, ave­va dato indi­cazioni al nos­tro Comune di con­ferire i rifiu­ti indif­feren­ziati pres­so gli impianti di Viter­bo chiaren­do suc­ces­si­va­mente che i Comu­ni potran­no, sec­on­do le pro­prie com­pe­ten­ze, indi­vid­uare gli impianti ove con­ferire rifiu­ti indif­feren­ziati.

            Allo scadere del­la sospen­sione, domeni­ca 3 luglio, sarà pos­si­bile far fronte all’emergenza a costi sosteni­bili per la Cit­tad­i­nan­za in quan­to gli stes­si saran­no con­fer­i­ti pres­so la RI.DA di April­ia (LT).

            Con­sid­er­a­to che l’impianto di Ron­cigliano resterà ormai indisponi­bile in via defin­i­ti­va al con­fer­i­men­to, l’Amministrazione comu­nale, spin­ta anche da ques­ta esi­gen­za, si affret­terà nell’interesse del­la Cit­tad­i­nan­za, a ricor­rere sem­pre meno alle dis­cariche risparmian­do le risorse e des­ti­nan­dole alla cura di inter­es­si pub­bli­ci: a par­tire dal­la Sicurez­za ambi­en­tale e dal­la Salute dei Cit­ta­di­ni.

            Il Comune di Mari­no ha dis­pos­to l’affissione imme­di­a­ta di pub­bli­ci man­i­festi con­te­nen­ti l’ordinanza in ogget­to al fine di infor­mare più cap­il­lar­mente i cit­ta­di­ni.