Carosello Storico dei Rioni di Cori: Cene Propiziatorie e Palio della Madonna del Soccorso 2016

Carosello Storico dei Rioni di Cori: Cene Propiziatorie e Palio della Madonna del Soccorso 2016

23/06/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1127 volte!

La rie­vo­cazione stor­i­ca entra nel vivo del­la gara con il Palio del­la Madon­na del Soc­cor­so in pro­gram­ma a piaz­za Sign­i­na per domeni­ca 26 Giug­no, pre­ce­du­to dal Cor­teo che par­tirà alle ore 16 da piaz­za del­la Croce. Saba­to sera le cene propizia­to­rie delle tre porte nelle rispet­tive tav­erne rion­ali.

Cori, cit­tà del Carosel­lo Stori­co dei Rioni, si prepara alla pri­ma delle due atte­sis­sime sfide del 2016. Dopo il Giu­ra­men­to dei Pri­ori e una set­ti­mana di fib­ril­lazione nelle tre con­trade del paese, domeni­ca 26 Giug­no si dis­put­erà il Palio Madon­na del Soc­cor­so, vin­to lo scor­so anno da Por­ta Romana. L’evento si aprirà alle ore 16 con il cor­teo stori­co. Centi­na­ia di fig­u­ran­ti in cos­tu­mi del Rinasci­men­to sfil­er­an­no da Piaz­za del­la Croce a Piaz­za Sign­i­na, lun­go le strade del cen­tro stori­co, il «brav­i­um». Nel cuore di Cori Monte avrà luo­go l’appassionante cor­sa all’anello nel­la quale i Cav­a­lieri delle tre Porte si con­tender­an­no l’ambito drap­po.

Il Palio Madon­na del Soc­cor­so 2016 è sta­to real­iz­za­to dall’artista Joana Amézqui­ta Téllez, con l’auspicio ‘Vir­tute duce, comite for­tu­na’, ossia ‘Sot­to la con­dot­ta del­la virtù, in com­pag­nia del­la for­tu­na’ (Cicerone, Epist. fam., X, 3), lad­dove la pri­ma è nec­es­saria per ben vivere, la sec­on­da per ben rius­cire.  L’immagine vuole rap­p­re­sentare un per­cor­so ide­ale immer­so nel pae­sag­gio. In bas­so, il più anti­co stem­ma del­la cit­tà evo­ca la tradizione e l’identità di un popo­lo scol­pi­to nel­la pietra. In oppo­sizione a questo ele­men­to stori­co e iden­ti­tario c’è il pug­nale, orna­to con i col­ori delle tre Porte, che pun­ta in alto ver­so l’anello sim­bol­i­co con­te­nente la luna, attrib­u­to del­la Madon­na. Lun­go il per­cor­so, incas­to­nati nel­la roc­cia, gli stem­mi dei tre Rioni. Nel­la cus­pi­de di questo pae­sag­gio ter­reno ci sono le ginestre che dan­no il nome al monte dove fin dall’origine posa il San­tu­ario. Fra la ter­ra e il cielo bril­lano i lumi­ni che incon­tra­no gli ex-voto dei fedeli. L’edificio, cul­mine del per­cor­so umano e spir­i­tuale, pog­gia sulle spighe di gra­no, sim­bo­lo del­la vita con­tad­i­na.

La vig­ilia sarà come sem­pre carat­ter­iz­za­ta da un’altra tradizione ormai con­sol­i­da­ta, quel­la delle cene propizia­to­rie. Saba­to 25 Giug­no i con­tradaioli si ritro­ver­an­no nelle rispet­tive tav­erne rion­ali, insieme ai cos­tu­man­ti e ai cav­a­lieri. Tra can­ti, bal­li, prodot­ti tipi­ci e spet­ta­co­lo, nelle vie e nelle piazze si ten­terà di esor­ciz­zare la notte pri­ma dell’esame, in atte­sa del­la sper­a­ta vit­to­ria del giorno dopo. Un’occasione per stare insieme, per dar­si forza e catal­iz­zare tut­to il pro­prio entu­si­as­mo nei con­fron­ti degli anel­la­tori che saran­no i pro­tag­o­nisti del­la con­te­sa a cav­al­lo e pug­nale (foto di Edoar­do Alessi).

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR

 

Con­di­vi­di:
error0