Carosello Storico dei Rioni di Cori: ai nastri di partenza l’edizione 2016

Carosello Storico dei Rioni di Cori: ai nastri di partenza l’edizione 2016

16/06/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1460 volte!

Saba­to 18 Giug­no, alle ore 21.00, nel­la stor­i­ca Piaz­za di Sant’Oliva, l’evento si aprirà con il Giu­ra­men­to dei Pri­ori, la benedi­zione dei Palii e l’investitura dei cav­a­lieri. I due atte­si Palii si dis­put­er­an­no domeni­ca 26 Giug­no, alle ore 18:00, a piaz­za Sign­i­na (Madon­na del Soc­cor­so) e saba­to 30 Luglio, alle ore 21:00, allo Sta­dio comu­nale di Stoza (Sant’Oliva).

Sta per alzarsi il sipario sull’edizione 2016 del Carosel­lo Stori­co dei Rioni di Cori, man­i­fes­tazione idea­ta nel 1937 dall’Opera Nazionale Dopola­voro, dall’Ente Provin­ciale Tur­is­mo di Lit­to­ria e dal Comune di Cori e che trae la sua orig­ine dai fes­teggia­men­ti che si tenevano in onore del­la Madon­na del Soc­cor­so (sec­on­da domeni­ca di Mag­gio), apparsa a Cori nel 1521, e di S.Oliva (pri­ma domeni­ca di Agos­to), patrona del­la Cit­tà fin dal XII sec­o­lo. Nel 1992 il Comune di Cori ha isti­tu­ito un appos­i­to Ente Carosel­lo che si occu­pa in modo per­ma­nente del­la preparazione del Palio che si svolge due volte l’anno.

Saba­to 18 Giug­no, alle  ore  21.00, nel­la stor­i­ca Piaz­za di Sant’Oliva, l’evento si aprirà con il Giu­ra­men­to dei Pri­ori, la benedi­zione dei palii e l’investitura dei cav­a­lieri che si sfider­an­no nelle due tor­nate. Come avveni­va nell’età del­la Rinascen­za, ver­ran­no estrat­ti dal­la bus­so­la i nomi dei Pri­ori dei Rioni di Cori che prester­an­no giu­ra­men­to di fronte alle autorità comu­nali. Il Pri­ore è il per­son­ag­gio più impor­tante all’interno del grup­po di cias­cu­na Por­ta, anti­ca­mente era un mag­is­tra­to che ammin­is­tra­va la cosa pub­bli­ca. I Pri­ori veni­vano elet­ti ogni anno, la pri­ma domeni­ca di Otto­bre, pres­so la chiesa Sant’Oliva, con il sis­tema del­la“bus­so­la”, il loro incar­i­co era quadrimes­trale e tale elezione veni­va poi rat­i­fi­ca­ta dal Con­siglio Gen­erale del­la Cit­tà (Par­la­men­to). I Pri­ori risiede­vano nel Palaz­zo Comu­nale e tutte le domeniche, insieme al Podestà, al Giu­dice e ai Bir­ri, per­cor­re­vano le strade cit­ta­dine inter­ve­nen­do ove fos­se nec­es­sario reprimere pic­coli abusi o ingius­tizie.

La cer­i­mo­nia di nom­i­na e giu­ra­men­to delle antiche mag­i­s­tra­ture è il pri­mo atto di una rie­vo­cazione stor­i­ca capace di trascinare al mas­si­mo entu­si­as­mo lo spet­ta­tore e i parte­ci­pan­ti, gra­zie allo spir­i­to ago­nis­ti­co con il quale i tre Rioni o Porte del­la cit­tà (Nin­fi­na, Sign­i­na, Romana) si con­tender­an­no i due Palii, Madon­na del Soc­cor­so (domeni­ca 26 Giug­no, ore 18:00, piaz­za Sign­i­na) e Sant’Oliva (saba­to 30 Luglio, ore 21:00, Sta­dio comu­nale di Stoza), pre­ce­du­ti alla vig­ilia dalle cene propizia­to­rie e inter­val­lati dalle feste di por­ta. Centi­na­ia di fig­u­ran­ti in cos­tume del XVI sec­o­lo rap­p­re­sen­ter­an­no la Comu­nità e le tre Porte e attra­verser­an­no in cor­teo le stra­dine medievali imbandier­ate di Cori, pri­ma di dare inizio alle corse dell’anello nelle quali i cav­a­lieri di cias­cu­na Por­ta, in grop­pa ai destri­eri, dovran­no infi­lare più anel­li pos­si­bile con un pug­nale di leg­no, in una gara di destrez­za e abil­ità, nel­la quale è deter­mi­nante l’affiatamento uomo-cav­al­lo. I fes­teggia­men­ti con­tin­uer­an­no poi fino a tar­da notte nei rioni e nelle tav­erne fra enogas­trono­mia locale e can­ti dei con­tradaioli.

Mar­co Castal­di

Addet­to Stam­pa & OLMR