Ballottaggio a Marino. Zingaretti: la Di Giulio un esempio da premiare e poi la proposta Olimpiadi

Ballottaggio a Marino. Zingaretti: la Di Giulio un esempio da premiare e poi la proposta Olimpiadi

15/06/2016 0 Di puntoacapo

Hits: 11

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2834 volte!

13445804_1071772846193591_754769520225259560_nBal­lot­tag­gio a Mari­no. Zin­garet­ti: la Di Giulio un esem­pio da pre­mi­are e poi la pro­pos­ta olimpiadi

Zin­garet­ti di nuo­vo a Mari­no per sostenere Eleono­ra Di Giulio, che rap­p­re­sen­ta il cen­tro sin­is­tra al bal­lot­tag­gio di domeni­ca prossi­ma. Il Pres­i­dente del­la Regione ha prefer­i­to scen­dere a pie­di il Cor­so del­la cit­tad­i­na castel­lana, per ren­der­si con­to di per­sona del dram­ma del com­mer­cio locale,  ormai ridot­to ai min­i­mi ter­mi­ni. Ha scam­bi­a­to qualche paro­la con i (pochi) com­mer­cianti rimasti, per poi salutare dal­la sede del Comi­ta­to del­la Di Giulio. Appas­sion­a­to e con­vin­cente l’intervento del can­dida­to Sindaco.

13428395_1071772886193587_7456429281322368438_n“In questi ulti­mi giorni di cam­pagna elet­torale i miei avver­sari si stan­no acca­nen­do con­tro di me e la mia coal­izione, get­tan­do fan­go e dis­cred­i­to. Conosco bene questo meto­do, è quel­lo che si usa sem­pre quan­do non si han­no argo­men­ti. Io ho rispos­to per set­ti­mane a tutte le domande sul mio pro­gram­ma. Loro mai, solo slo­gan su slo­gan. Sul­la com­p­lessa vicen­da delle lot­tiz­zazioni ho pro­pos­to una Com­mis­sione spe­ciale Con­sil­iare, per leg­gere e stu­di­are sino in fon­do tut­ti gli atti, con il con­trib­u­to di tut­ti col­oro che vogliono dare una mano. Loro nul­la. Mari­no è ridot­ta ai min­i­mi ter­mi­ni, lo stes­so Pres­i­dente Zin­garet­ti ha volu­to ren­der­si con­to di per­sona del dis­as­tro com­pi­u­to in questi anni a Mari­no nei set­tori pro­dut­tivi. Occorre ricostru­ire una comu­nità, con voglia di fare e di coin­vol­gere tut­ti. Non si ricostru­isce con la rab­bia, la promes­sa di asfaltare tut­ti  che ricor­da lon­tani e tristi meto­di del sec­o­lo scor­so. Io con­tin­uo così, casa per casa, a spie­gare ai cit­ta­di­ni, che mi auguro vadano comunque a votare domeni­ca, che a Mari­no serve un Sin­da­co com­pe­tente e non eterodi­ret­to, che non fac­cia promesse vaghe e che si sen­ta il Sin­da­co di tut­ti e non di una parte.”

13427797_1071772852860257_1360983380906628903_nUna bat­tuta finale la Di Giulio la ris­er­va alle scelte degli avver­sari sull’eventuale squadra di gov­er­no: “Curioso. I miei avver­sari si sono dati, da soli, un rego­la­men­to, a loro dire traspar­ente, per la scelta degli asses­sori, sal­vo poi vio­lar­lo e pro­porre un ex can­dida­to a Sin­da­co di un altro schiera­men­to.  Ma è ormai cosa nota, ai vari liv­el­li, che le regole deb­bono valere solo per gli altri”. Ha affer­ma­to Eleono­ra Di Giulio.

Mari­no è pronta anche a dare il suo con­trib­u­to in caso di asseg­nazione a Roma, da parte del Cio, dei Giochi Olimpi­ci del 2024. Ad assi­cu­rar­lo è sem­pre Eleono­ra Di Giulio, can­di­da­ta per il cen­trosin­is­tra alla car­i­ca di sin­da­co di Mari­no. “Roma 2024 è un’op­por­tu­nità di cresci­ta per tut­ta l’area met­ro­pol­i­tana — ha det­to la Di Giulio — E Mari­no potrebbe offrire accoglien­za e strut­ture qualo­ra la can­di­datu­ra andasse a buon fine. Potrem­mo, ad esem­pio, ospitare la Nazionale di cal­cio, così come accadde per i Mon­di­ali di Italia ’90. Una sede ‘azzur­ra’ che portò bene, vis­to che in quel­l’oc­ca­sione vincem­mo la medaglia di bronzo”.

13435505_1071772906193585_7998362675444412833_nNon solo cal­cio: il Comi­ta­to Pro­mo­tore del­la “Mara­tona Boville-Roma Olimpia­di 2024” è molto atti­vo e la Di Giulio ha subito sposato il prog­et­to del­la gara regi­na del­l’atlet­i­ca che, ricor­da, “potrebbe per­cor­rere l’Ap­pia Anti­ca per arrivare ai Fori Impe­ri­ali, rega­lan­do ad atleti, sportivi e spet­ta­tori tele­vi­sivi emozioni uniche al mondo”.

Per la Di Giulio, infine, ci sarebbe spazio anche per Castel­gan­dol­fo: “Sulle acque del lago si potreb­bero dis­putare le prove olimpiche di canoa e can­ot­tag­gio, nel ricor­do anche di quel­l’in­cred­i­bile e indelebile edi­zione dei Giochi di Roma 1960”.