Genzano, Giancarlo Pesoli sul ballottaggio: “Con Flavio Gabbarini per garantire stabilità, competenza, trasparenza e onestà”

Genzano, Giancarlo Pesoli sul ballottaggio: “Con Flavio Gabbarini per garantire stabilità, competenza, trasparenza e onestà”

13/06/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1742 volte!

Flavio Gabbarini

Flavio Gab­bari­ni

Gen­zano, Gian­car­lo Pesoli sul bal­lot­tag­gio: “Con Flavio Gab­bari­ni per garan­tire sta­bil­ità, com­pe­ten­za, trasparen­za e onestà”

È per me incon­sue­to uti­liz­zare lo stru­men­to telem­ati­co per comu­ni­care con i cit­ta­di­ni di Gen­zano, ma il risul­ta­to delle elezioni ammin­is­tra­tive del 5 giug­no mi ha spin­to a fare alcune con­sid­er­azioni e rif­les­sioni di ordine gen­erale. Lo fac­cio sia come apparte­nente al PD, che si ricon­fer­ma il pri­mo par­ti­to di Gen­zano, sia come cit­tadi­no, orgoglioso del­la nos­tra bel­la cit­tà che ho avu­to il priv­i­le­gio e l’onore di guidare come Sin­da­co inin­ter­rot­ta­mente dal 1997 al 2006. Mi preme rib­adire, a scan­so di inter­pre­tazioni malevoli, che non ho alcu­na velleità prospet­ti­ca e por­to questo con­trib­u­to esclu­si­va­mente per l’amore e il bene che nutro per la nos­tra cit­tà, che è ric­ca di sto­ria, di battaglie politiche, eco­nomiche e cul­tur­ali, di scelte  final­iz­zate al costante miglio­ra­men­to delle con­dizioni di vita dei nos­tri concit­ta­di­ni. Ed è a mio avvi­so impor­tante sot­to­lin­eare come la cresci­ta del­la nos­tra cit­tà nel cor­so degli anni sia avvenu­ta gra­zie all’impegno costante dei vari ammin­is­tra­tori che han­no fat­to del­la trasparen­za e dell’onestà le pre­con­dizioni fon­da­men­tali per gov­ernare. A chi uti­liz­za lo slo­gan “onestà, onestà” mi per­me­t­to di dire che noi a Gen­zano non abbi­amo nul­la da impara­re. E siamo sta­ti per questo un esem­pio per i Comu­ni vici­ni e anche per la Mag­i­s­tratu­ra.

Le elezioni del 5 giug­no han­no sanci­to che si dovrà andare al bal­lot­tag­gio tra il sin­da­co uscente Flavio Gab­bari­ni e il can­dida­to del Movi­men­to 5 stelle con uno scar­to tra i due di cir­ca 20 pun­ti per­centu­ali. La cam­pagna elet­torale, al di là dei toni acce­si da parte di qual­cuno, si è svol­ta in un cli­ma di rispet­to e con­fron­to civile, come sem­pre è avvenu­to nel nos­tro Comune. La paro­la uti­liz­za­ta ripetu­ta­mente è sta­ta “rin­no­va­men­to”: è un’esigenza legit­ti­ma e che mi tro­va per­fet­ta­mente d’accordo, ma ciò che si è ver­i­fi­ca­to in ques­ta tor­na­ta elet­torale nel­la quale dei ben 16 pos­si­bili con­siglieri 13 sono di nuo­va nom­i­na, con diverse gio­vani donne, cor­risponde o no ad un con­cre­to rin­no­va­men­to? Io cre­do di sì, è sta­to un buon seg­nale. Così come sono con­vin­to che ques­ta con­dizione pos­sa rap­p­re­sentare un per­cor­so sul quale pot­er lavo­rare per favorire prospet­tive di un ricam­bio gen­er­azionale sia politi­co che ammin­is­tra­ti­vo. Ma il rin­no­va­men­to si costru­isce for­man­do le clas­si diri­gen­ti attra­ver­so l’impegno dei sogget­ti, acquisendo espe­rien­za sul cam­po e soprat­tut­to moti­vati da una forte pas­sione per la pro­pria comu­nità. Sono con­vin­to che tut­ti ami­amo la nos­tra cit­tà e vogliamo impeg­nar­ci per ren­der­la sem­pre più bel­la e accogliente. Ma è d’obbligo la doman­da: può un comune come Gen­zano essere gov­er­na­to dai grilli­ni? Gio­vani rispet­ta­bili ma che sec­on­do me non pos­sono garan­tire quel­la espe­rien­za e com­pe­ten­za, con­dizioni nec­es­sarie e indis­pens­abili per il suo gov­er­no.

Lo dico con la grande con­vinzione e deter­mi­nazione che deri­va dal­la mia espe­rien­za per­son­ale, con­sapev­ole che, soprat­tut­to in ques­ta fase di dif­fi­coltà eco­nom­i­ca dei Comu­ni, è nec­es­sario garan­tire sta­bil­ità e com­pe­ten­za. Non pos­si­amo per­me­t­ter­ci di fir­mare cam­biali in bian­co o di fare salti nel buio.

Riten­go che i gen­zane­si sapran­no far prevalere la ragione degli inter­es­si gen­er­ali del­la cit­tà e garan­tire con Flavio Gab­bari­ni al gov­er­no del nos­tro comune sta­bil­ità, com­pe­ten­za, trasparen­za, onestà e lo svilup­po del proces­so di rin­no­va­men­to in atto”.

Con­di­vi­di:
error0