LIBERO SCAMBIO, PARTE IL PROGETTO DI BOOKCROSSING DEL COMUNE DI GENAZZANO

LIBERO SCAMBIO, PARTE IL PROGETTO DI BOOKCROSSING DEL COMUNE DI GENAZZANO

10/06/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1466 volte!

GenazzanoLIBERO SCAMBIO, PARTE IL PROGETTO DI BOOKCROSSING DEL COMUNE DI GENAZZANO. ED I CONTENITORI SARANNO INSTALLAZIONI DI ARTISTI CONTEMPORANEI.

Ver­rà inau­gu­ra­to Saba­to 11 e Domeni­ca 12 giug­no Libero Scam­bio, prog­et­to BookCross­ing del Comune di Genaz­zano per la cir­co­lazione lib­era e gra­tui­ta dei lib­ri negli spazi pub­bli­ci.
Numerose le inizia­tive messe in cam­po per l’avvio del prog­et­to, pen­sate soprat­tut­to per i più gio­vani con invi­ti alla let­tura con­di­visa e ad una diver­sa fruizione dei luoghi.
I lib­ri ver­ran­no col­lo­cati all’interno delle “casette” posizion­ate nei gia­r­di­ni, nelle vie, nelle piazze del paese per facil­i­tarne la fruizione e lo scam­bio.
“Ognuno potrà pren­dere lib­era­mente un libro – ha dichiara­to il Sin­da­co Fabio Ascen­zi – leg­ger­lo, scri­vere su di esso com­men­ti, e ripo­sizionarlo in una qual­si­asi delle postazioni di Libero Scam­bio dis­lo­cate sul ter­ri­to­rio. È un prog­et­to per incen­ti­vare la let­tura, ma anche per far nascere la con­di­vi­sione di sen­sazioni, espe­rien­ze, sti­moli che da quel­la let­tura pos­sono essere derivate.”
Nel­la pri­ma fase del prog­et­to le casette già real­iz­zate ver­ran­no posizion­ate all’interno del Cen­tro Stori­co pres­so il Cor­tile del Castel­lo, il Par­co degli Elci­ni, il gia­r­dinet­to di Piaz­za­le del­la Pace, il gia­rdi­no di Piaz­za­le Mat­teot­ti e in piaz­za Giuseppe Emilio D’Amico. Suc­ces­si­va­mente saran­no cop­erte anche le altre zone del paese dove sono pre­sen­ti spazi pub­bli­ci e parchi gio­co.
A vol­er rib­adire la speci­ficità di Genaz­zano come Cit­tà d’Arte, l’Amministrazione ha com­mis­sion­a­to la real­iz­zazione delle casette ad alcu­ni degli Artisti che in questi ulti­mi anni han­no espos­to le loro opere all’interno del Ciac, il Cen­tro Inter­nazionale di Arte Con­tem­po­ranea sit­u­a­to all’interno del Castel­lo Colon­na. Ognuno ha potu­to real­iz­zarle lib­era­mente per forme, dimen­sioni e mate­ri­ali, ma tutte seguen­do il tema del rici­clo di mate­ri­ali.
“E’ un prog­et­to in itinere – ha aggiun­to l’Assessore alle Politiche Cul­tur­ali Michela Luc­ci – ogni anno si potran­no aggiun­gere nuove postazioni e lo stes­so pat­ri­mo­nio librario mes­so a dis­po­sizione del­la fruizione pub­bli­ca potrà aumentare. I pri­mi lib­ri sono sta­ti prel­e­vati dal fon­do comu­nale, arric­chi­tosi anche gra­zie a numerose don­azioni. Ma i cit­ta­di­ni potran­no las­cia­re i pro­pri lib­ri anche diret­ta­mente nelle casette, aiu­tan­do così l’iniziativa a crescere”.