MARINO, SANTARELLI (PSI): “E’ STATA LA CAMPAGNA ELETTORALE PIU’ PROBLEMATICA DELLA STORIA CITTADINA. GIOVEDI DECIDEREMO CHE FARE AL BALLOTTAGGIO”

MARINO, SANTARELLI (PSI): “E’ STATA LA CAMPAGNA ELETTORALE PIU’ PROBLEMATICA DELLA STORIA CITTADINA. GIOVEDI DECIDEREMO CHE FARE AL BALLOTTAGGIO”

07/06/2016 1 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3721 volte!

Giulio Santarelli

Giulio Santarel­li

AMMINISTRATIVE MARINO, SANTARELLI (PSI): “E’ STATA LA CAMPAGNA ELETTORALE PIU’ PROBLEMATICA DELLA STORIA CITTADINA. MIGLIORATA LA CONSISTENZA DEL PARTITO. GIOVEDI DECIDEREMO CHE FARE AL BALLOTTAGGIO”

“Quel­la appe­na con­clusa è sta­ta la cam­pagna elet­torale più prob­lem­at­i­ca del­la sto­ria post­bel­li­ca di Mari­no. Tan­ti i fat­tori anom­ali. L’arresto di ammin­is­tra­tori e fun­zionari, l’annuncio di un’altra onda­ta di provved­i­men­ti a cari­co di altre 47 per­sone tra cui Palozzi che pon­gono un serio inter­rog­a­ti­vo sul futuro di Mari­no. La tran­suman­za da destra a sin­is­tra di liste e can­di­dati prove­ni­en­ti dalle ammin­is­trazioni gui­date da Palozzi e infine la sep­a­razione del Psi dal­la coal­izione del Pd nonos­tante la nos­tra con­dot­ta lin­eare e prote­sa in ogni fase delle trat­ta­tive al riconosci­men­to del “ruo­lo pri­mario spet­tante al Pd”.
“Il risul­ta­to delle sette liste del­la coal­izione del Pd a Mari­no coglie l’obiettivo del bal­lot­tag­gio ma con una per­centuale di voti infe­ri­ore a quel­la che nel 2014 il Pd ottenne da solo alle elezioni europee.
Un dato che deve far riflet­tere specie se si volge lo sguar­do ai delu­den­ti risul­tati di Aric­cia, comune da sem­pre gov­er­na­to dal cen­trosin­is­tra ed ora per­so, e di Roc­ca di Papa dove il Pd vince­va al pri­mo turno da vent’anni ed ora la sua can­di­da­ta è sec­on­da e dis­tanzi­a­ta di dieci pun­ti da una lista civica”.
Con queste parole Giulio Santarel­li, can­dida­to sin­da­co del Par­ti­to Social­ista Ital­iano, com­men­ta il risul­ta­to elet­torale del turno di Ammin­is­tra­tive a Marino.
“Il Psi, anche se non ha colto l’obiettivo del quoziente – pros­egue Santarel­li —  ha miglio­ra­to la sua con­sis­ten­za in un quadro regionale e nazionale dove in nes­sun altro comune in cui si è vota­to è sta­to pre­sente con il pro­prio sim­bo­lo il can­dida­to a sin­da­co con lista autono­ma, sim­bo­lo che era assente dalle elezioni comu­nali di Mari­no da oltre ven­ti anni”.
“Giovedì si ter­rà l’assemblea dei can­di­dati del­la lista social­ista per definire la lin­ea da tenere al bal­lot­tag­gio. Val­uter­e­mo atten­ta­mente – con­clude il leader social­ista —  le indi­cazioni da dare ai nos­tri elet­tori, tenen­do con­to, da un lato del fat­tore politi­co gen­erale dovu­to alla nos­tra pre­sen­za leale e cor­ret­ta nel Gov­er­no del­la Repub­bli­ca e delle ragioni pro­gram­matiche che ci han­no imped­i­to di parte­ci­pare alla coal­izione del Pd”.