Nettuno, Eufemi chiusura in piazza: coalizione di persone libere senza padroni

Nettuno, Eufemi chiusura in piazza: coalizione di persone libere senza padroni

03/06/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1296 volte!

IMG_1673NETTUNO, IERI IN PIAZZA LA PRESENZA DI UNA COALIZIONE LIBERA, QUELLA DI CARLO EUFEMI SINDACO

Forte parte­ci­pazione ieri alla man­i­fes­tazione di chiusura del­la cam­pagna elet­torale di Car­lo Eufe­mi, in piaz­za­le delle Sirene. L’incontro si è aper­to con gli inter­ven­ti dei rap­p­re­sen­tan­ti delle liste a sosteg­no di Eufe­mi Sin­da­co: Car­la Guer­ci (Par­ti­to lib­erale); Mirella Lof­fre­di (La Voce del Popo­lo); Ernesto Flami­ni (Rete civi­ca Net­tuno); Ernesto Cas­san­dra (Noi con Salvi­ni); Luca Useli (Con la Gente per Net­tuno); Rober­to Loria (Fratel­li d’Italia); Mas­si­m­il­iano Rognoni (Allean­za Net­tunese).

E la volon­tà di Eufe­mi e del­la coal­izione è sta­ta pro­prio quel­la di dare spazio alla squadra, che più voci han­no defini­to “un insieme di per­sone libere, sen­za alcun padrone se non l’amore per la pro­pria cit­tà”.

Anche il can­dida­to Sin­da­co, con il suo inter­ven­to di chiusura, ha dichiara­to “Abbi­amo un solo obi­et­ti­vo, il bene di Net­tuno e dei net­tune­si, è ques­ta la cifra dell’impegno mio e di tut­ta la coal­izione”.

L’incontro ha inoltre vis­to la parte­ci­pazione del pre­sen­ta­tore Lam­ber­to Gior­gi e del comi­co Nino Taran­to, legati a Car­lo Eufe­mi da una lun­ga ami­cizia.

Chiusura Eufemi1L’intervento di Car­lo Eufe­mi ha chiu­so l’incontro pub­bli­co di ieri: “Nel­la mia cam­pagna elet­torale ho scel­to le piazze. L’ho fat­to con la mia squadra per­ché abbi­amo volu­to met­ter­ci la fac­cia e seguire la stra­da delle pro­poste. Abbi­amo lan­ci­a­to il dibat­ti­to su temi impor­tan­ti, ho ricorda­to le battaglie fat­te e quelle da fare fin dal pri­mo giorno di manda­to”. Eufe­mi ha cita­to Acqualati­na e la neces­sità di com­bat­ter­la come sis­tema di potere; i numeri civi­ci per i quali, da Sin­da­co, provved­erà a dis­ap­pli­care la deter­mi­nazione che ne prevede il paga­men­to. E poi anco­ra l’emergenza scuo­la, il bor­go, la san­ità, le opere incom­piute. “Ho ingag­gia­to una dura e tenace battaglia in questi anni con­tro il mal­go­v­er­no, la super­fi­cial­ità, l’improvvisazione e l’incompetenza – ha con­tin­u­a­to Eufe­mi – non ho fat­to scon­ti e non li farò nem­meno da Sin­da­co. La cit­tà è allo stremo, non si può più sbagliare!”.

Eufe­mi ha rib­a­di­to che è nec­es­sario met­ter­si all’opera da subito: “Dal giorno dopo le elezioni occorre com­in­cia­re a gov­ernare e dare risposte sul­la situ­azione finanziaria, sul fun­zion­a­men­to del­la macchi­na ammin­is­tra­ti­va. Serve un sis­tema di regole certe e uguali per tut­ti, per una cit­tà che guar­di con atten­zione ai più deboli e che inves­ta sulle scuole, dove crescono i cit­ta­di­ni di domani”.

Eufe­mi ha sot­to­lin­eato inoltre che ci saran­no dei dossier impor­tan­ti da affrontare, tra questi il parcheg­gio, il teatro, la pisci­na, il piano di zona 167 in local­ità Eschi­eto, la casa di riposo Tosi. Ma anche delle azioni impor­tan­ti da fare per il rilan­cio del­la cit­tà: il tur­is­mo, la riduzione delle tasse e gli incen­tivi per l’imprenditoria gio­vanile, il tema del­la sicurez­za per evitare il degra­do in cui ver­sa la cit­tà.

Con­di­vi­di:
error0