MARINO: DI GIULIO E ZINGARETTI CHIUDONO CAMPAGNA ELETTORALE E QUESTIONE DIVINO AMORE

MARINO: DI GIULIO E ZINGARETTI CHIUDONO CAMPAGNA ELETTORALE E QUESTIONE DIVINO AMORE

03/06/2016 2 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3830 volte!

2giugno_1MARINO: DI GIULIO E ZINGARETTI CHIUDONO CAMPAGNA ELETTORALE E QUESTIONE DIVINO AMORE

Il par­co di Cave di Peperi­no e’ sta­ta la scenografia del­la chiusura del­la cam­pagna elet­torale di Eleono­ra Di Giulio, can­di­da­ta a Sin­da­co del­la coal­izione di cen­tro sin­is­tra. Gran­dis­si­mo l’af­flus­so dei cit­ta­di­ni, dei can­di­dati delle 7 liste del­la coal­izione, delle autorità isti­tuzion­ali oltre alla pre­sen­za del Pres­i­dente del­la Regione Lazio Nico­la Zin­garet­ti. Dopo le note del­l’in­no ital­iano,  per fes­teggia­re il 2 giug­no, la Di Giulio ha tenu­to un inter­ven­to asciut­to e molto den­so. Le prime parole le ha ded­i­cate alla gio­vane vita di Sara, “uccisa da chi la con­sid­er­a­va una pro­pri­età. Oggi sono 70 anni dal­la con­quista del voto da parte delle donne, ma anco­ra dob­bi­amo par­lare di vio­len­za con­tro le donne. Io darò voce a tutte le donne con­tro ogni tipo di vio­len­za”. Poi, pro­gram­ma alla mano, ha aper­to con un forte invi­to alla parte­ci­pazione e all’in­ser­i­men­to atti­vo dei cit­ta­di­ni nel­la vita del­l’am­min­is­trazione. Un’at­ten­zione par­ti­co­lare ai gio­vani “per­ché dob­bi­amo facil­itare loro la percezione del­la polit­i­ca come momen­to di respon­s­abil­ità, di parte­ci­pazione e con­di­vi­sione delle scelte. E’ ques­ta la vera Cit­tad­i­nan­za Atti­va. E’ questo il sig­ni­fi­ca­to di fare il cit­tadi­no e non sem­plice­mente di essere cit­tadi­no. Fare il cit­tadi­no deve essere prat­i­ca quo­tid­i­ana, non è una qual­i­fi­ca”.

2giugno_3Un pas­sag­gio sul­l’am­bi­ente e sul­la rac­col­ta dif­feren­zi­a­ta, spin­oso prob­le­ma che vede anco­ra oggi Mari­no fanali­no di coda dei Comu­ni dei Castel­li Romani. La Di Giulio ha ripreso quan­to sostenu­to durante i numerosi incon­tri elet­torali delle ultime set­ti­mane, con dati e prospet­tive che han­no sus­ci­ta­to più volte applausi e grande inci­ta­men­to da parte del pub­bli­co. Ha quin­di sot­to­lin­eato con forza la ques­tione del­la legal­ità a 360°“Mari­no ha urgen­za di una vera e pro­fon­da riv­o­luzione demo­c­ra­t­i­ca e morale che pas­sa nec­es­sari­a­mente attra­ver­so il rin­no­va­men­to del­la classe diri­gente. Dob­bi­amo par­tire da noi stes­si, dal nos­tro modo di fare”. Forte l’at­ten­zione ded­i­ca­ta al tema del­la mobil­ità, argo­men­to per il quale la Di Giulio ha chiam­a­to in causa diret­ta­mente il Pres­i­dente Zin­garet­ti ringrazian­do­lo per l’at­ten­zione e l’op­er­a­tiv­ità dimostra­ta: “é cronaca degli ulti­mi giorni un incon­tro con Regione e Cit­tà Met­ro­pol­i­tana per trovare le giuste soluzioni. Non pos­si­amo fare tut­to da soli! Occorre un dial­o­go molto forte con queste Ammin­is­trazioni, un dial­o­go e non uno scon­tro con­tin­uo, Ecco dunque come e quan­to è reale il nos­tro mot­to fac­ciamosquadra, insieme soprat­tut­to con la Regione”.

2giugno_2Le ultime bat­tute le ha ded­i­cate al voto del prossi­mo 5 giug­no, sot­to­lin­e­an­do come den­tro i seg­gi si ha la vera e reale pos­si­bil­ità di cam­biare la polit­i­ca — ottusa e ille­gale — che ha por­ta­to Mari­no al crol­lo sociale, eco­nom­i­co, ammin­is­tra­ti­vo e cul­tur­ale. Quin­di la paro­la al Pres­i­dente Zin­garet­ti, che ha rimar­ca­to quan­to det­to dal­la Di Giulio e sot­to­lin­eato il con­cet­to di col­lab­o­razione tra le ammin­is­trazioni. Ha amplia­to la panoram­i­ca su quan­to fat­to dal­la Regione Lazio anche in una situ­azione di ogget­ti­va dif­fi­coltà eco­nom­i­ca. E non si è tira­to indi­etro quan­do si è par­la­to del­la ques­tione più spin­osa: il Divi­no Amore. “La Regione non farà mai niente di male con­tro Mari­no. E ogni deci­sione sarà pre­sa insieme con l’am­min­is­trazione comu­nale”.

Oggi la coal­izione del­la Di Giulio si ritro­verà a Piaz­za Sciot­ti per l’ul­ti­mo appel­lo, anco­ra tut­ti insieme.  La paro­la, poi, passerà alle urne.

bannersilvanivenanzoni_edited-1