MARINO, MCD PRESENTA I SUOI CANDIDATI AL CONSIGLIO COMUNALE “TUTTI CON CECCHI MA PARTENDO  DALLA NOSTRA CARTA DEI VALORI”

MARINO, MCD PRESENTA I SUOI CANDIDATI AL CONSIGLIO COMUNALE “TUTTI CON CECCHI MA PARTENDO DALLA NOSTRA CARTA DEI VALORI”

30/05/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3101 volte!

IMG_0900MARINO, MCD PRESENTA I SUOI CANDIDATI AL CONSIGLIO COMUNALE “TUTTI CON CECCHI MA PARTENDO  DALLA NOSTRA CARTA DEI VALORI”

Il Movi­men­to Civiltà Demo­c­ra­t­i­ca accende i motori alla cam­pagna elet­torale mari­nese. Spariglia le carte. Fa capire per­ché il vec­chio cen­trode­stra, oggi si chia­ma “Offic­i­na delle idee” e non è più solo “mod­er­a­to” ma ha real­mente nuove idee da pro­porre. Persi­no dopo la tem­pes­ta giudiziaria cadu­ta su Mari­no.
Così ribolle di emozioni, pas­sione e parte­ci­pazione aut­en­ti­ca la sala del Grand Hotel Helio Cabala, che molte altre volte era sta­ta stan­ca passerel­la elet­torale.
IMG_0895Sta­vol­ta no. Alla pre­sen­tazione del­la vera novità del­la polit­i­ca mari­nese, il movi­men­to calami­ta di pen­sieri e con­t­a­m­i­nazioni politiche riv­olte al futuro di Mari­no, ognuno dei numerosi pre­sen­ti ha una ragione pre­cisa per stare lì.
Ce l’ha il coor­di­na­tore Mas­si­mo Prinzi che snoc­ci­o­la pil­lole del pro­gram­ma e lo fa con grinta:“Stavolta il cen­tro stori­co si chi­ud­erà davvero alle auto. Per­ché è l’u­ni­co modo per riportare Mari­no al liv­el­lo che le com­pete, bel­lo e prat­i­ca­bile come i borghi del­la Toscana e del­l’Um­bria.

IMG_0905A gen­naio par­tirà la rac­col­ta dif­feren­zi­a­ta por­ta a por­ta ma si farà davvero e ci saran­no gli ispet­tori. I com­mer­cianti dovran­no parte­ci­pare di più non fare la lot­ta sui sen­si uni­ci e ai politi­ci dico bas­ta a par­lar male di Mari­no per­ché non è quel­lo che vi porterà voti ma un nuo­vo modo di amare la nos­tra cit­tà per non far­ci schi­ac­cia­re dai prob­le­mi di Roma cap­i­tale che arrivano al con­fine dei nos­tri ter­ri­tori con le per­iferie, men­tre noi dob­bi­amo man­tenere salde le nos­tre tipic­ità, come il Mitreo, antiche quan­to Roma”. Sul­la stes­sa lunghez­za d’on­da l’ospite illus­tre, Mar­co De Car­o­lis, sin­da­co di Mon­te­com­pa­tri, pre­sente già al bat­tes­i­mo di MCD un anno e mez­zo fa.
Dopo gli accen­ni pro­gram­mati­ci, spazio agli applausi, al tan­to orgoglio e anche alla com­mozione pro­fon­da mis­chi­atasi pre­po­ten­te­mente alle parole di Prinzi pre­sen­tan­do i 24 can­di­dati al Con­siglio comu­nale. Una di loro, infat­ti, è Eleono­ra Maz­zone, mam­ma del­la pic­co­la Siria e figlia del pres­i­dente del cen­tro anziani, Alberi­co, rimasti coin­volti nel gravis­si­mo inci­dente di via Fer­en­tum.
IMG_0906“Siamo qui anche per loro. Eleono­ra ci ha chiesto di esser­ci e tenere duro”. Par­ti­co­lar­mente sen­tite anche le parole di Pamela Ermo, gio­vane don­na alla sec­on­da candidatura:“La mia pri­ma espe­rien­za in Con­siglio comu­nale non è sta­ta facile. Mi han­no det­to: ma non ti sei stan­ca­ta? Ho rispos­to di no, per­ché sta­vol­ta ho capi­to come si deve stare e cosa si deve fare vera­mente: dare voce a tut­ti, ascoltare tut­ti, non las­cia­r­si con­dizionare dai pregiudizi, andare fino in fon­do”.
Con loro la tes­ti­mo­ni­an­za di Maria­grazia Cug­i­ni, figlia del com­pianto Anto­nio Cug­i­ni, decano del­la viti­coltura mari­nese, tra i fonda­tori di MCD, scom­par­so nel­l’es­tate 2015.
IMG_0912Han­no par­la­to, quin­di, anche gli altri ex con­siglieri comu­nali che han­no deciso di rican­di­dar­si, come Mario Tisei e Emil­iano Pagliari­ni. Tut­ti inter­ven­ti all’in­seg­na del­la pas­sione per Mari­no, cit­tà feri­ta ma non doma.. Più di tut­ti, forse, quel­lo di Emanuele Ciamber­lano, nel 2014 can­dida­to sin­da­co del Pd, oggi nel­la coal­izione civi­ca che vede tra gli alleati anche Forza Italia. “È sta­ta una scelta sof­fer­ta — ha det­to — ero un quadro provin­ciale del Pd, uno dei soci fonda­tori del par­ti­to nel nos­tro ter­ri­to­rio. Ma quan­do ho vis­to che, igno­ran­do le Pri­marie e il lavoro per una coal­izione allarga­ta che in molti ave­va­mo por­ta­to avan­ti, la seg­rete­ria provin­ciale del par­ti­to com­mis­sari­a­va il cir­co­lo e sceglie­va come can­di­da­ta Eleono­ra Di Giulio, quel­la che dopo aver per­so con­tro di me nel 2014 si è can­di­da­ta con­tro il par­ti­to, ho capi­to che c’era un prog­et­to tipo ‘Mani sul­la cit­tà’ ed era con­tro di me. Così sono cor­so ai ripari, trovan­do in MCD un ambi­ente e un accoglien­za fan­tas­ti­ci che mi han­no fat­to sen­tire in famiglia”. Con lui molti mem­bri del diret­ti­vo mari­nese che l’han­no segui­to in ques­ta nuo­va avven­tu­ra.
Il can­dida­to sin­da­co Ste­fano Cec­chi ha con­clu­so la ser­a­ta inter­cettan­done lo spirito:“Mi sono can­dida­to sin­da­co sta­vol­ta che era la più dif­fi­cile, per­ché pen­so che quan­do si crede in un prog­et­to bisogna tirare fuori gli attribu­ti. Trop­po facile essere in pri­ma fila solo quan­do va tut­to bene”.
Quin­di Cec­chi ha cer­ca­to di ripren­dere le fila del cen­trode­stra attac­can­do il pre­mier Ren­zi ma non era la ser­a­ta delle tem­atiche nazion­ali.
Gli occhi dei numerosi sim­pa­tiz­zan­ti MCD sono pun­tati tut­ti su Mari­no.
La polit­i­ca di parte, inoltre, ha già delu­so trop­po. Ora occorre puntare al prog­et­to che per Civiltà Demo­c­ra­t­i­ca è chiaro.
Cec­chi sa di pot­er con­tare, nel­l’os­satu­ra del­la sua nuo­va coal­izione, sul­l’ap­por­to sostanziale di MCD. Non a caso richia­ma con con­vinzione “la com­pat­tez­za di una squadra che si prepara ad ammin­is­trare Mari­no”.
Men­tre MCD si prepara al bat­tes­i­mo del voto. Col gius­to tim­o­re e rispet­to ma sen­za pau­ra. Anche per­ché, da queste par­ti, il per­cor­so è seg­na­to con nettezza:“Ancor pri­ma del pro­gram­ma elet­torale — ha spie­ga­to Prinzi — c’è la nos­tra Car­ta dei Val­ori e un codice eti­co plu­rale, fonda­to sul ‘noi’ ”.
Non è più tem­po di uomi­ni soli al coman­do e di yes-men. Il che potrà essere solo una for­tu­na per Mari­no.

Banner Gabriele_edited-1