MONTE PORZIO: MOBILITAZIONE PER VILLA GAMMARELLI, UNO STRAORDINARIO BENE ARCHITETTONICO DA RESTITUIRE ALLA COLLETTIVITA’

MONTE PORZIO: MOBILITAZIONE PER VILLA GAMMARELLI, UNO STRAORDINARIO BENE ARCHITETTONICO DA RESTITUIRE ALLA COLLETTIVITA

26/05/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1487 volte!

VG d'epocaMONTE PORZIO: MOBILITAZIONE PER VILLA GAMMARELLI, UNO STRAORDINARIO BENE ARCHITETTONICO DA RESTITUIRE ALLA COLLETTIVITA

Il Gov­er­no ha stanzi­a­to 150 mil­ioni di euro per recu­per­are, ristrut­turare o rein­ventare un luo­go pub­bli­co da resti­tuire alla col­let­tiv­ità chieden­do ai cit­ta­di­ni di seg­nalare con una sem­plice email dove inter­venire. La Comu­nità Mon­tana Castel­li Romani e Pren­es­ti­ni nell’ambito di ques­ta inizia­ti­va ha deciso di pro­porre un inter­ven­to per il defin­i­ti­vo recu­pero  di  Vil­la Gam­marel­li Monte Porzio Catone.

VG 1Lo splen­di­do edi­fi­cio risalente pre­sum­i­bil­mente al  1870 , si inserisce nel­la tradizione delle ville nobil­iari  costru­ite nel ter­ri­to­rio fin dal­l’an­ti­chità. La parte più anti­ca del­la vil­la, che prende il nome dal­la famiglia che la fece costru­ire, cor­risponde alla strut­tura semi-quadra­ta dove è ubi­ca­to l’ingresso. Ques­ta fu ogget­to di ristrut­turazioni e ampli­a­men­ti dei quali il più sig­ni­fica­ti­vo è il cor­po absi­dale aggiun­to sul lato nord che con­tiene una vol­ta affres­ca­ta con strut­tura in leg­no, ormai qua­si dis­trut­ta. In ques­ta parte dell’edificio si pos­sono riconoscere in maniera evi­dente  carat­ter­is­tiche costrut­tive ed ele­men­ti dec­o­ra­tivi del­la fine dell’ottocento sia nelle stanze interne, che nei prospet­ti esterni. Le scale e la pic­co­la corte inter­na divi­dono ques­ta ala del fab­bri­ca­to dall’ala “mod­er­na” di for­ma ret­tan­go­lare, real­iz­za­ta intorno al 1925, dopo il pas­sag­gio dell’edificio all’Istituto di ried­u­cazione del­la gioven­tù abban­do­na­ta.

Il par­co che cir­con­da il fab­bri­ca­to prin­ci­pale è carat­ter­iz­za­to da essen­ze arboree di par­ti­co­lare pre­gio , quali lec­ci, castag­ni, querce, ulivi e piante da frut­ta, che donano a questo luo­go un forte carat­tere nat­u­ral­is­ti­co. Questo si unisce al val­ore panoram­i­co e a quel­lo stori­co-arche­o­logi­co lega­to alla pre­sen­za di resti arche­o­logi­ci all’interno del sito.

VG 2Dopo anni di abban­dono  l’intera pro­pri­età è sta­ta acquis­ta­ta dal­la Comu­nità Mon­tana che ha inizia­to un per­cor­so di recu­pero   delle strut­ture del­la Vil­la con il con­sol­i­da­men­to delle strut­ture por­tan­ti e il ripristi­no delle fac­ciate esterne e del tet­to. Restano però da recu­per­are gli interni!

Per questo vi chiedi­amo di aiutar­ci a sostenere il prog­et­to. Bas­ta inviare entro il 31 mag­gio una  mail a bellezza@governo.it  scriven­do nel­l’ogget­to: Vil­la Gam­marel­li, Monte Porzio Catone (Rm) .

Insieme potremo resti­tuire alla col­let­tiv­ità questo stra­or­di­nario pat­ri­mo­nio architet­ton­i­co.