MARINO/S.MARIA DELLE MOLE: SUCCESSO PER L’INIZIATIVA DEL PDCI

MARINO/S.MARIA DELLE MOLE: SUCCESSO PER L’INIZIATIVA DEL PDCI

23/05/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2198 volte!

appant22051MARINO/S.MARIA DELLE MOLE: SUCCESSO PER L’INIZIATIVA DEL PDCI

Sec­on­do quan­to orga­niz­za­to, la can­di­da­ta sin­da­co Eleono­ra Di Giulio, l’archeologo Mar­co Cavac­chi­oli, can­dida­to indipen­dente del­la Lista Comu­nista e diri­gen­ti del­la sezione PCdI, han­no accolto un grup­po di parte­ci­pan­ti alla visi­ta gui­da­ta sull’Appia Anti­ca.

Pri­ma del­la vera e pro­pria passeg­gia­ta che si è pro­trat­ta oltre le due ore pro­gram­mate, Mau­r­izio Aver­sa, a nome del­la Sezione ha ringrazi­a­to gli inter­venu­ti e mes­so l’accento su un pun­to basi­lare dell’azione politi­co-ammin­is­tra­ti­va che i comu­nisti inten­dono portare avan­ti nel­la gui­da del­la cit­tà. In par­ti­co­lare, il seg­re­tario PCdI ha det­to: “Ci conoscete per le qual­ità per­son­ali e lo spes­sore morale di cui siamo por­ta­tori, abbi­amo scel­to di met­tere pro­prio il val­ore del­la cul­tura come stru­men­to e come con­tenu­to infor­ma­tore, capace di ele­vare ogni squallore di mal­go­v­er­no abbia attra­ver­sato il nos­tro Comune; capace di essere prospet­ti­va di pro­gram­ma per­ché ispi­ra­tore di una visione dif­fer­ente del ruo­lo di ques­ta cit­tà, del rap­por­to tra cit­ta­di­ni e ammin­is­tra­tori, del­la pre­sen­za di elet­ti e di polit­i­ca svol­ta da Par­ti­ti sani.”. Subito dopo, Eleono­ra Di Giulio, pro­prio a ricor­dare che la cul­tura ed i beni cul­tur­ali ed arche­o­logi­ci sono una reale risor­sa ha affer­ma­to “Sia a Mari­no cen­tro, dove preziosi beni arche­o­logi­ci ed architet­toni­ci sono spes­so citati da alcu­ni can­di­dati sin­da­co, evi­den­te­mente molto atten­ti solo a Mari­no cen­tro, sia, dici­amo noi, qui nel resto del ter­ri­to­rio, a com­in­cia­re dal­la grandiosità ed unic­ità dell’Appia Anti­ca, pos­sono essere imme­di­ata­mente occa­sioni di volano eco­nom­i­co per il tur­is­mo e l’economia di tut­to il comune. E’ miope non aver svolto, in questi ulti­mi anni, una azione ammin­is­tra­ti­va che attin­gen­do risorse dai Fon­di Europei potesse met­tere in atto una buona prat­i­ca, ed un vali­do ind­i­riz­zo politi­co-ammin­is­tra­ti­vo. Noi invece lo fare­mo. Chieden­do disponi­bil­ità di lavoro inter­set­to­ri­ale, non solo all’associazionismo, ma a tutte le isti­tuzioni. Va sot­to­lin­eato, infat­ti, che noi siamo il comune che insiste su due parchi: quel­lo dell’Appia Anti­ca e quel­lo dei Castel­li romani.”. L’archeologo Mar­co Cavac­chi­oli, come intro­duzione, alla visi­ta gui­da­ta vera e pro­pria, ha snoc­ci­o­la­to facili dati: “Pro­prio a raf­forzare le cose dette dal seg­re­tario comu­nista e dal­la can­di­da­ta sin­da­co, sull’importanza dei nos­tri giaci­men­ti arche­o­logi­ci cul­tur­ali, vi mostro una tabel­la car­tografi­ca. Qui si vede che a fronte di un centi­naio di siti ed eve­nien­ze pre­sen­ti ad Albano e Fras­cati, e poco meno a Ciampino, a Mari­no, cioè nel ter­ri­to­rio dell’intero comune, ci sono oltre due­cen­to di queste tes­ti­mo­ni­anze che ci giun­gono, non da ieri, ma da sec­oli, migli­a­ia di anni. Purtrop­po, devo rac­con­tarvi, che aven­do fat­to io stu­di e ricer­ca sul ter­ri­to­rio, e svol­gen­do una attiv­ità, oltre che di volon­tari­a­to, anche di gui­da tur­is­ti­ca, sono sta­to chiam­a­to a rap­p­re­sentare in riu­nioni impor­tan­ti sovra­co­mu­nali, dove era nec­es­sario pro­gram­mare ed orga­niz­zare per avere ben­efi­ci di attiv­ità eco­nom­i­co-tur­is­ti­ca. Ebbene, situ­azioni da far cadere le brac­cia: tranne qualche spo­rad­i­ca pre­sen­za del Comune di Ciampino, per non dire di altri, il comune di Mari­no, non ha mai avu­to rap­p­re­sen­tan­za, non è mai sta­to pre­sente. Come si pen­sa che pos­sano sor­tire effet­ti eco­nom­i­co tur­is­ti­ci le attiv­ità arche­o­logiche, artis­tiche e cul­tur­ali se non sono orga­niz­zate, pro­gram­mate e segui­te da un prog­et­to? Occorre che appas­sion­ati del­la mate­ria, com­pe­ten­ze pro­fes­sion­ali, siano unite alla volon­tà polit­i­ca di atti­vare questi canali e con­cretiz­zare queste oppor­tu­nità uniche. Uniche al mon­do. Sono cer­to, per questo sono qui, che con il pro­gram­ma sot­to­scrit­to dal­la coal­izione e con Eleono­ra Di Giulio sin­da­co questo sarà pos­si­bile.”. Quin­di, tra l’illustrazione delle terme pic­cole pre­sen­ti vici­no la stazione FS a S. Maria delle Mole, e poi a seguire le spie­gazioni sul trac­cia­to dell’Appia Anti­ca e alcune tombe (ad esem­pio una gemel­la del­la pri­ma è sita a S. Maria Capua Vet­ere) l’attento grup­po, che al ter­mine  han­no tenu­to a ringraziare l’archeologo, la can­di­da­ta e gli orga­niz­za­tori, ha ter­mi­na­to ques­ta bel­lis­si­ma espe­rien­za.