Tarquinia: il Partito Democratico lancia la sfida sul programma

Tarquinia: il Partito Democratico lancia la sfida sul programma

19/05/2016 0 Di puntoacapo

Hits: 65

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 6903 volte!

Piero Rosati

Piero Rosati

Tar­quinia: il Par­ti­to Demo­c­ra­ti­co lan­cia la sfi­da sul programma

Il cir­co­lo “Domeni­co Emanuel­li” pron­to al con­fron­to su idee e prog­et­ti per Tar­quinia in vista delle amministrative

 «Noi vogliamo par­lare di Tar­quinia. Las­ci­amo agli altri il gio­co stuc­chev­ole del “toto sin­da­co”». Lo affer­ma il seg­re­tario del Par­ti­to Demo­c­ra­ti­co, cir­co­lo “Domeni­co Emanuel­li”, Piero Rosati.

«Per noi è sì impor­tante scegliere il can­dida­to sin­da­co, ma lo è anco­ra di più capire come accom­pa­gnare per mano la cit­tà nel futuro, per sostenere il lavoro, i gio­vani e le famiglie. — pros­egue — Abbi­amo la fer­ma con­vinzione che tan­tis­si­mo è sta­to fat­to ma non tut­to. Per questo moti­vo non pos­si­amo e non dob­bi­amo fer­mar­ci. Per­ciò rite­ni­amo indis­pens­abile, oggi, met­tere al cen­tro del­la dis­cus­sione idee e prog­et­ti, lan­cian­do una sfi­da ai cit­ta­di­ni, alle asso­ci­azioni, ai movi­men­ti e ai par­ti­ti politici.

Il nos­tro obi­et­ti­vo è rispon­dere alle uniche domande che i cit­ta­di­ni si pon­gono: ovvero sapere chi sarà il nuo­vo pos­si­bile sin­da­co, ma con quale pro­gram­ma, e cosa la polit­i­ca ha inten­zione di fare per la cit­tà». Il seg­re­tario Rosati indi­ca i pri­mi pun­ti: «Per noi sarà pri­or­i­taria l’istituzione di un codice eti­co che sia accetta­to da chi­unque deci­da di can­di­dar­si. Rite­ni­amo, poi, che, per creare oppor­tu­nità di lavoro, ser­va un ampio inter­ven­to di svilup­po del set­tore tur­is­ti­co, attra­ver­so la cos­ti­tuzione di un mar­chio col­let­ti­vo “Tar­quinia Cit­tà Etr­usca”, da legare alle attiv­ità pre­sen­ti sul ter­ri­to­rio, per­ché pos­sano diventare vei­co­lo di pro­mozione nel cam­po in cui oper­a­no. Occorre allo­ra coin­vol­gere gli uffi­ci già pre­sen­ti che abbi­amo e poten­ziare la fun­zione di mar­ket­ing e pro­mozione in modo coor­di­na­to con le aziende non solo tur­is­ti­co-alberghiere, ma anche con quelle dei com­par­ti agri­co­lo e alimentare».

E sot­to­lin­ea infine: «Nei prossi­mi giorni fare­mo conoscere tutte le nos­tre pro­poste, per­ché è su questo che i cit­ta­di­ni ci devono giudicare».