ARICCIA, CUCCIOLETTA (FDI): DEMOCRAZIA A RISCHIO!

ARICCIA, CUCCIOLETTA (FDI): DEMOCRAZIA A RISCHIO!

13/05/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1673 volte!

Roberto Cuccioletta

Rober­to Cuc­ci­o­let­ta

ARICCIA, CUCCIOLETTA (FDI): DEMOCRAZIA A RISCHIO!

Sta­mat­ti­na alle ore 11,00, pres­so la Casa delle Asso­ci­azioni di Aric­cia, si è riu­ni­ta la com­mis­sione elet­torale per la nom­i­na degli scru­ta­tori.

Lo spet­ta­co­lo cui siamo sta­ti tes­ti­moni oggi, all’atto del­la des­ig­nazione degli scru­ta­tori per le prossime elezioni del 5 giug­no, è sta­to avvi­lente e ver­gog­noso.

E’ davvero scan­daloso infat­ti che il can­dida­to sin­da­co delle liste civiche Rober­to di Felice e la can­di­da­ta Luisa Sal­lus­tio non abbiano accolto l’appello riv­olto loro nei giorni scor­si affinché si pro­cedesse all’es­trazione a sorte degli scru­ta­tori elet­torali, anche in con­sid­er­azione del fat­to che la com­mis­sione elet­torale è attual­mente rap­p­re­sen­ta­ta solo da mem­bri affer­en­ti alla coal­izione di Rober­to Di Felice.

L’as­sor­dante silen­zio a ques­ta richi­es­ta purtrop­po però non ci si stupisce più di tan­to vis­to, che è l’atteggiamento tipi­co del­la sin­is­tra rad­i­cale, poco incline a garan­tire la terzi­età, quale assi­cu­razione nec­es­saria per il cor­ret­to eser­cizio del voto. Vedere come can­di­dati a sin­da­co che han­no fat­to del­la trasparen­za e del rispet­to dei dirit­ti la loro bandiera in ques­ta cam­pagna elet­torale abbiano prefer­i­to scegliere la forza del­l’ar­ro­gan­za è davvero scon­for­t­ante. A volte lad­dove non arri­va la nor­ma sarebbe oppor­tuno arrivasse l’etic­ità e il rispet­to del­l’is­ti­tuzione demo­c­ra­t­i­ca.

E’ chiaro che quan­to accadu­to, dal nos­tro pun­to di vista, non può che gettare un’om­bra sul­lo svol­gi­men­to di ques­ta tor­na­ta elet­torale.

Invi­ti­amo quin­di tut­ti i sim­pa­tiz­zan­ti di Fratel­li d’Italia a con­tattar­ci per impeg­nar­si in pri­ma per­sona come Rap­p­re­sen­tan­ti di Lista al fine di difend­ere il voto espres­so dai cit­ta­di­ni di Aric­cia in ogni sezione, giac­ché anche 1 o 2 voti per­du­ti pos­sono fare la dif­feren­za sull’esito di una elezione che si deciderà “sul voto”.