Cori: nuovo riconoscimento internazionale per il Latium Festival

Cori: nuovo riconoscimento internazionale per il Latium Festival

12/05/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1085 volte!

Il Latium World Folk­loric Fes­ti­val — Musiche e danze popo­lari del mon­do per una cul­tura del­la Pace – CIOFF® di Cori e del Lazio ha rice­vu­to un nuo­vo riconosci­men­to inter­nazionale da parte del CIOFF® mon­di­ale.  Il pres­i­dente del Fes­ti­val, Tom­ma­so Duc­ci, è sta­to nom­i­na­to a far parte del­la più impor­tante tra le Com­mis­sioni apparte­nen­ti al CIOFF® mon­di­ale, la CIOFF® Fes­ti­vals Com­mis­sion.

Il CIOFF® (Inter­na­tion­al Coun­cil of Orga­ni­za­tions of Folk­lore Fes­ti­vals and Folk Arts) è part­ner uffi­ciale dell’UNESCO, accred­i­ta­to pres­so il Comi­ta­to per la sal­va­guardia del Pat­ri­mo­nio Cul­tur­ale Imma­te­ri­ale (PCI).  Cre­ato nel 1970, lo scopo prin­ci­pale del CIOFF® è la sal­va­guardia, la pro­mozione e la dif­fu­sione del­la cul­tura folk­lor­i­ca e tradizionale di tut­to il mon­do. Durante la 38^ Con­feren­za Gen­erale dell’UNESCO che si è tenu­ta a Pari­gi, nel Novem­bre scor­so, il CIOFF® è sta­to pro­mosso con lo sta­tus di “asso­ci­azione” oltre che ONG – Orga­niz­zazione Non Gov­er­na­ti­va — part­ner uffi­ciale dell’UNESCO, rien­tran­do nelle tre uniche ONG di tut­to il mon­do che han­no rice­vu­to questo sta­tus per l’anno 2015.

Dal­la sua fon­dazione, nel 1945, l’UNESCO ha cer­ca­to di col­lab­o­rare con le ONG, part­ner fon­da­men­tali del­la soci­età civile, per la mes­sa in opera delle attiv­ità e dei pro­gram­mi elab­o­rati da ques­ta impor­tante Orga­niz­zazione mon­di­ale. Col pas­sare degli anni, l’UNESCO ha costru­ito una preziosa rete di coop­er­azione con le ONG aven­ti un’esperienza acquisi­ta nei suoi campi di com­pe­ten­za quali l’educazione, la scien­za, le scien­ze umane e sociali, la cul­tura, la comu­ni­cazione e l’informazione. Attual­mente, l’UNESCO gode di part­ner­ship uffi­ciali con 373 ONG inter­nazion­ali e con 24 Fon­dazioni ed isti­tuzioni sim­i­lari di cui sola­mente una quar­an­ti­na ben­e­fi­cia del­lo sta­tus di “asso­ci­azione” men­tre gli altri han­no lo sta­tus di “con­sul­tazione”.

Questo riconosci­men­to dato al CIOFF® riflette il nuo­vo liv­el­lo di coop­er­azione con cui il CIOFF® ha saputo instau­rare in questi ulti­mi anni una part­ner­ship preziosa con l’UNESCO, dovu­ta soprat­tut­to al rag­giung­i­men­to di impor­tan­ti risul­tati nel­la real­iz­zazione degli obi­et­tivi dell’UNESCO e nel­la mes­sa in opera dei suoi pro­gram­mi nel cam­po del­la sal­va­guardia e del­la pro­mozione del Pat­ri­mo­nio Cul­tur­ale Imma­te­ri­ale (PCI) mon­di­ale.  Il CIOFF® è diven­ta­to così la sola orga­niz­zazione che opera nel cam­po del Pat­ri­mo­nio Cul­tur­ale Imma­te­ri­ale a rice­vere lo sta­tus di “asso­ci­azione” part­ner dell’UNESCO. Questo risul­ta­to estrema­mente impor­tante per il CIOFF® è arriva­to nel momen­to in cui quest’organismo si appres­ta a cel­e­brare il suo avven­i­men­to più impor­tante, la 5th CIOFF® World Folk­lo­ri­a­da (l’Olimpiade del Folk­lore) che si ter­rà a Zacate­cas in Mes­si­co il prossi­mo mese di Agos­to, un even­to che vedrà la parte­ci­pazione di più di 2.500 bal­leri­ni e musicisti rap­p­re­sen­tati di più di 70 pae­si del mon­do, tra cui gli Sbandier­a­tori del “Leone Ram­pante” di Cori.

Fonda­to nel 1970 a Con­folens in Fran­cia, il CIOFF® è rap­p­re­sen­ta­to adesso in 112 Pae­si di tut­to il mon­do nei quali cen­sisce più di 30.000 grup­pi di musi­ca e dan­za folk­lor­i­ca e orga­niz­zazioni di arti tradizion­ali. Oggi il CIOFF® coor­di­na glob­al­mente ogni anno più di 300 Fes­ti­val inter­nazion­ali di folk­lore e di arti tradizion­ali, rag­grup­pan­do attorno a questi even­ti migli­a­ia di volon­tari di tut­to il mon­do, la cui mis­sione è quel­la di incor­ag­gia­re lo scam­bio cul­tur­ale con lo scopo di pro­muo­vere uno spir­i­to cres­cente di fra­ter­nità e pace. Un coor­di­na­men­to impor­tante che viene rego­la­to soprat­tut­to attra­ver­so la CIOFF® Fes­ti­vals Com­mis­sion, Com­mis­sione che è com­pos­ta da sette mem­bri rap­p­re­sen­ta­tivi di tut­to il mon­do, con dirit­to di voto, tra cui appun­to Tom­ma­so Duc­ci in rap­re­sen­tan­za dell’Italia ed in par­ti­co­lare del LATIUM FESTIVAL di Cori.  Tra l’altro, del­la stes­sa Com­mis­sione, quale mem­bro aggiun­to, già fa parte la gio­vane Giu­lia Ciuf­fa, sem­pre del LATIUM FESTIVAL di Cori, anche in qual­ità di Seg­re­tario Gen­erale del Movi­men­to Mon­di­ale dei Gio­vani CIOFF®.

Un riconosci­men­to tan­gi­bile per Tom­ma­so Duc­ci e per il Latium Fes­ti­val che nasce dagli impor­tan­ti risul­tati ottenu­ti in questi ulti­mi anni attra­ver­so le orga­niz­zazioni del CIOFF® South Euro­pean And African Sec­tor Meet­ing nel 2014, tra Cori, Sabau­dia e Ser­mon­e­ta, e del CIOFF® Fes­ti­vals Com­mis­sion Meet­ing nel 2015 a Cori, con cui han­no avu­to modo di far­si conoscere diret­ta­mente dai ver­ti­ci del CIOFF® mon­di­ale, in prim­is dal Pres­i­dente Philippe Beaus­sant. Un Fes­ti­val Mon­di­ale del Folk­lore quel­lo di Cori, tra i più impor­tan­ti d’Italia e del mon­do, che in questo anno 2016 cele­br­erà un’edizione spe­ciale, orga­niz­za­ta dal 26 Luglio al 7 Agos­to 2016, tra Cori e 14 Cit­tà del Lazio, un’edizione che già si prospet­ta tra le più inter­es­san­ti di sem­pre con 9 grup­pi inter­nazion­ali di altissi­ma qual­ità che arriver­an­no da tut­ti i con­ti­nen­ti: Brasile, Geor­gia, Isole March­esi, Polo­nia, Spagna, Sri Lan­ka, Sud Africa, Tim­or Est e Uruguay.

Un ulte­ri­ore riconosci­men­to inter­nazionale quin­di per la Cit­tà di Cori e per il Lazio a dimostrazione del­la cresci­ta espo­nen­ziale del suo Fes­ti­val dovu­ta soprat­tut­to alla riconosci­u­ta com­pe­ten­za rag­giun­ta dal suo esec­u­ti­vo e dai suoi tan­tis­si­mi volon­tari, oltre al fon­da­men­tale sosteg­no del Comune di Cori, coor­ga­niz­za­tore del­la man­i­fes­tazione, e del­la REGIONE LAZIO (nel­la foto Tom­ma­so Duc­ci con il Pres­i­dente del CIOFF® mon­di­ale, Philippe Beaus­sant).

Con­di­vi­di:
error14
fb-share-icon0
Tweet 20
fb-share-icon20