Marino, parlano i commercianti: il prossimo Sindaco faccia chiarezza

Marino, parlano i commercianti: il prossimo Sindaco faccia chiarezza

11/05/2016 0 Di puntoacapo

Hits: 16

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 5657 volte!

Marino - corso Trieste

Mari­no — cor­so Trieste

ELEZIONI AMMINISTRATIVE — MARINO (RM): CONFESERCENTI E UNIONE COMMERCIANTI MARINO  “LA GIUSTIZIA FACCIA IL SUO CORSO, MA AL PROSSIMO SINDACO CHIEDIAMO CHIAREZZA SUL FUTURO DELLA CATEGORIA” 

I com­mer­cianti di Mari­no (Rm), tramite le asso­ci­azioni sin­da­cali e di cat­e­go­ria, in rifer­i­men­to alle vicende politi­co-giudiziarie che, nell’ultimo peri­o­do, han­no tra­volto la cit­tà dove noi vivi­amo ed ope­ri­amo con il nos­tro lavoro, esp­ri­mono tut­to il loro dis­ap­pun­to per le vicende emerse dalle inchi­este in cor­so. Delusi ma non rasseg­nati a mar­cire nelle sab­bie mobili dell’ indif­feren­za o dell’omertà, sen­ti­amo il dovere di esprimere la nos­tra fidu­cia e sosteg­no alle autorità com­pe­ten­ti, affinché si fac­cia chiarez­za ed emergano le respon­s­abil­ità politiche del degra­do del­la nos­tra comu­nità. In questo con­testo, noi per pri­mi, ci sen­ti­amo parte lesa in quan­to ci è sta­to nega­to o cer­ca­to di negare l’applicazione cor­ret­ta di leg­gi e norme atte a tute­lare pari oppor­tu­nità di esercitare il pro­prio lavoro. La nos­tra posizione è chiara ed inequiv­o­ca­bil­mente a favore del­la legal­ità, per rispet­to delle leg­gi e delle regole, uni­ca risor­sa per la soprav­viven­za di una comu­nità che deve tornare ad essere sana e che guar­di al futuro con fidu­cia. In vista delle immi­nen­ti elezioni ammin­is­tra­tive del 5 giug­no, la Con­fe­ser­centi l’Unione Com­mer­cianti Mari­no chiedono a gran voce una pre­sa di posizione chiara sul futuro del­la cit­tà ed un pro­gram­ma politi­co che sap­pia dare nuo­va lin­fa al com­mer­cio cit­tadi­no. In una nota con­giun­ta, Alber­to Tim­pan­el­li, Pres­i­dente “Unione Com­mer­cianti Mari­no” e Ser­gio Sar­ti­ni, Pres­i­dente “Con­fe­ser­centi”, chiedono al prossi­mo sin­da­co “a) un tavo­lo di con­cer­tazione per­ma­nente con i sin­da­cati di cat­e­go­ria; b) tutela e riqual­i­fi­cazione del cen­tro stori­co e del Cen­tro Com­mer­ciale Nat­u­rale; c) piani com­mer­ciali e rego­la­men­ti a tutela del cen­tro stori­co e del C. C. N.; d) incre­men­to delle attiv­ità com­mer­ciali nel C. C. N.;  e) attuazione del “Piano del Col­ore”: pro­po­nen­do alla futu­ra ammin­is­trazione comu­nale di obbli­gare i pro­pri­etari degli immo­bili fatis­cen­ti al rifaci­men­to delle fac­ciate, anche con provved­i­men­ti coerci­tivi; f) aumen­to demografi­co del cen­tro stori­co, pro­po­nen­do con­ven­zioni agevolate per gio­vani cop­pie con isti­tu­ti ban­cari per l’ acquis­to di immo­bili nel cen­tro stori­co; g) piano di svilup­po tur­is­ti­co, incen­ti­van­do sog­giorni tur­is­ti­ci medi­ante il prog­et­to “Alber­go Dif­fu­so”; h) piano di col­lab­o­razione strut­turale con l’amministrazione di Ciampino, usufru­en­do al meglio dei viag­gia­tori tran­si­tan­ti dall’aeroporto di Ciampino”.