Marino, Leandri: a proposito di Scuolabus…

Marino, Leandri: a proposito di Scuolabus…

09/05/2016 0 Di puntoacapo

Hits: 3

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3282 volte!

Fabrizio Leandri

Fab­rizio Leandri

Mari­no, Lean­dri: a propos­i­to di Scuolabus…

In questi giorni mi è cap­i­ta­to di ascoltare moltepli­ci rimostranze di mamme pre­oc­cu­pate per le nuove dis­po­sizioni denom­i­nate; “zoniz­zazione — pun­ti di rac­col­ta” adot­tate dal Com­mis­sario Prefet­tizio riguar­do lo Scuo­labus, che cam­bierà la modal­ità di rac­col­ta degli alun­ni del­la scuo­la Infanzia, Pri­maria e Sec­on­daria nel comune di Marino.

Vi chiederete quale sia il clam­ore e tan­ta agi­tazione, anche io non capi­vo il prob­le­ma dal momen­to che tut­ti gli sco­lari saran­no rac­colti e por­tati nelle rispet­tive scuole.

Una mam­ma molto infor­ma­ta, mi spie­ga­va che è vero che sec­on­do l’Ufficio del­la Pub­bli­ca Istruzione ci potran­no essere € 200 mila di risparmio con la dimin­uzione dei km da per­cor­rere, ma è altret­tan­to vero che tut­ti i gen­i­tori dovran­no rior­ga­niz­zare la loro vita, per­ché  questo nuo­vo piano di rac­col­ta stu­den­ti  prevede la divi­sione in zone del ter­ri­to­rio di Marino.

Quin­di per far com­pren­dere bene ai cit­ta­di­ni in modo sem­plice; chi per esem­pio vive a Local­ità Civitel­la ed ha un figlio che per motivi di orga­niz­zazione famil­iare, affet­ti­va oppure per­ché quell’istituto ha un ind­i­riz­zo artis­ti­co piut­tosto che lin­guis­ti­co, e fre­quen­ta l’Istituto com­pren­si­vo M. D’azeglio, ebbene questi dovrà accom­pa­gnare il figlio nel­la zona di rac­col­ta indi­ca­ta per quell’istituto sco­las­ti­co, oppure cam­biare istituto.

Cer­to non sem­bra una cosa stu­di­a­ta con intel­li­gen­za e sen­si­bil­ità, è vero adop­er­ar­si per il risparmio in un Comune scon­volto dalle pes­sime ammin­is­trazioni di cen­trode­stra oltre che tra­volto dalle vicende giudiziarie, ma che a rimet­ter­ci sono sem­pre i cit­ta­di­ni ed in questo caso centi­na­ia di bam­bi­ni, mi sem­bra vera­mente triste, anche per­ché il ter­ri­to­rio di Mari­no è molto ampio e ci sono varie indi­vid­u­al­ità da considerare.

Avrei sper­a­to che la Com­mis­saria come Fun­zionario pro­tem­pore, non adot­tasse ques­ta dis­po­sizione del rego­la­men­to comu­nale approva­to, ben­sì si lim­i­tasse ad aspettare la prossi­ma ammin­is­trazione elet­ta dai cit­ta­di­ni, che su alcune ques­tioni come quel­la dell’istruzione e delle scuole, forse ha sen­si­bil­ità polit­i­ca anziché tecnica.

Ma una con­sid­er­azione la vor­rei val­utare. Sep­pur non respon­s­abile di quan­to accadu­to nel nos­tro paese, la Sig.ra E. Capo­rale non ha trat­ta­to gli argo­men­ti e le istanze por­tate a Palaz­zo Colon­na da movi­men­ti, asso­ci­azione e cit­ta­di­ni, (come nel caso Urban­is­ti­co del Divi­no Amore e dell’area Mugilla davan­ti alle scuole B. Cia­ri e G. Ver­di,  dove chiede­vano la sospen­sione dei lavori e quin­di la sal­va­guardia del­la salute dei tan­ti bam­bi­ni di quelle scuole), con la sol­erzia con cui si è adop­er­a­ta nel caso Scuolabus.

Aus­pi­co dunque ad un ripen­sa­men­to da parte del­la Sig.ra Com­mis­saria, rib­aden­do alle famiglie che si pos­sono fare le iscrizioni allo scuo­labus per l’anno sco­las­ti­co 2016–2017, per una ques­tione di orga­niz­zazione con l’azienda incar­i­ca­ta al servizio scuo­labus, ma rimet­ten­do alla prossi­ma Giun­ta Comu­nale la pos­si­bil­ità di rivedere il rego­la­men­to e le dis­po­sizioni in calce alla delib­er­azione approvata.

Fab­rizio Leandri