A Cori e Giulianello i Giovani hanno incontrato i Campioni

A Cori e Giulianello i Giovani hanno incontrato i Campioni

07/05/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1302 volte!

Il prog­et­to del CONI ‘I Gio­vani incon­tra­no i Cam­pi­oni’ ha fat­to tap­pa nelle scuole sec­on­darie infe­ri­ori di Giu­lianel­lo e Cori. Pri­ma alla ‘Sal­va­tore Mar­che­t­ti’, con il cen­trale del­la Top Vol­ley Lati­na, Francesco For­tu­na­to, e poi alla ‘Ambro­gio Mas­sari’, che ha accolto il pluri­cam­pi­one ital­iano e mon­di­ale di taek­won­do, Andrea Di Giro­lamo (foto di Fer­nan­do Bernar­di).

Gli alun­ni delle clas­si prime, sec­onde e terze, han­no vis­su­to con emozione e coin­vol­gi­men­to i due incon­tri con i cam­pi­oni del­lo sport. Han­no ascolta­to e parte­ci­pa­to alla nar­razione delle loro espe­rien­ze, non solo sportive, ponen­do numerose domande. I cam­pi­oni non si sono risparmiati, con risposte e pic­cole dimostrazioni del­la loro disciplina.

I due appun­ta­men­ti sono sta­ti pre­ce­du­ti da una fase di preparazione durante la quale gli stu­den­ti, insieme ai loro inseg­nan­ti, e sul­la base dei mate­ri­ali infor­ma­tivi inviati dal CONI Lazio, han­no avu­to modo di conoscere meglio gli atleti che si anda­vano ad incon­trare, anche in vista dei que­si­ti da porre loro durante i seminari.

Rac­con­tare come si pos­sono rag­giun­gere obi­et­tivi impor­tan­ti e l’orgoglio di esser­ci rius­ci­ti è sta­to un modo per riaf­fer­mare i val­ori del­lo sport e la prat­i­ca di attiv­ità fisi­ca come ben-essere. Lealtà, rispet­to delle regole, sana com­pet­i­tiv­ità e fair play, sono le fon­da­men­ta del­lo sport, che a sua vol­ta impli­ca la capac­ità di adottare cor­ret­ti stili di vita, e con­sente di inte­grare e aggre­gare le persone.

Questi esem­pi vir­tu­osi di ago­nis­mo e per­son­al­ità eti­ca pos­sono rap­p­re­sentare un’utile bus­so­la di ori­en­ta­men­to com­por­ta­men­tale per i ragazzi, in un’età, quel­la pread­o­lescen­ziale, emo­ti­va­mente dis­ar­mon­i­ca nei con­fron­ti di se stes­si e dei loro coetanei. Nel peri­o­do di pas­sag­gio dal­la fan­ci­ullez­za all’adolescenza infat­ti, si è più sen­si­bili agli impul­si, sia neg­a­tivi che positivi.

Il prog­et­to, che nel 2013/14 ha amplia­to a liv­el­lo regionale l’esperienza avvi­a­ta nel 2005/06 nel­la provin­cia di Roma, è giun­to per la pri­ma vol­ta pres­so l’I.C. ‘Cesare Chiom­into’ per volon­tà del CONI Lati­na e del Pres­i­dente del Con­siglio d’Istituto e ref­er­ente CONI per i Comu­ni di Cori e Roc­ca Mas­si­ma, dott. Emanuele Nobili.

Era­no pre­sen­ti all’iniziativa: il Del­e­ga­to del CONI Lati­na, prof. Fab­rizio Mal­gari; il Coor­di­na­tore tec­ni­co del CONI Lati­na, M.D.S. Mar­cel­lo Zan­da; la ref­er­ente provin­ciale del CONI Lati­na, Tiziana Di Pietro; il Diri­gente dell’I.C. ‘Cesare Chiom­into’, dott. Lui­gi Fabozzi; l’Assessore allo Sport del Comune di Cori, Chiara Cochi.