STEFANELLI (MINTURNO CAMBIA) SCRIVE AL COMMISSARIO PER L’ISOLA ECOLOGICA, ANCORA SENZA ENERGIA ELETTRICA

STEFANELLI (MINTURNO CAMBIA) SCRIVE AL COMMISSARIO PER L’ISOLA ECOLOGICA, ANCORA SENZA ENERGIA ELETTRICA

02/05/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1335 volte!

Gerardo Stefanelli

Ger­ar­do Ste­fanel­li

STEFANELLI (MINTURNO CAMBIA) SCRIVE AL COMMISSARIO PER L’ISOLA ECOLOGICA, ANCORA SENZA ENERGIA ELETTRICA

Di segui­to la let­tera che Ger­ar­do Ste­fanel­li (Minturno Cam­bia) ha invi­a­to al Com­mis­sario prefet­tizio del Comune di Minturno, Bruno Strati, in mer­i­to alla man­ca­ta atti­vazione del col­lega­men­to elet­tri­co del­l’iso­la eco­log­i­ca di Piaz­za Gio­van­ni Pao­lo II a Scau­ri.

OGGETTO: Man­ca­ta atti­vazione del col­lega­men­to elet­tri­co dell’isola eco­log­i­ca a piaz­za Gio­van­ni Pao­lo II a Scau­ri

Egre­gio Com­mis­sario,

Dai pri­mi giorni del mese di mar­zo è sta­ta istal­la­ta in piaz­za Gio­van­ni Pao­lo II una iso­la eco­log­i­ca autom­a­tiz­za­ta per il con­fer­i­men­to dif­feren­zi­a­to dei rifiu­ti soli­di urbani, attivabile tramite tessera mag­net­i­ca.

La strut­tura è sta­ta acquis­ta­ta con i finanzi­a­men­ti del­la Provin­cia di Lati­na che il sot­to­scrit­to stanz­iò nel tri­en­nio 2011/2013 a favore del Comune di Minturno per la real­iz­zazione di un’isola eco­log­i­ca dota­ta di mezzi inno­v­a­tivi, investen­do in nuove attrez­za­ture e macchi­nari per l’igiene urbana e l’ambiente, e che la vec­chia ammin­is­trazione sta­va per man­dare in peren­zione ammin­is­tra­ti­va.

Di con­seguen­za, il finanzi­a­men­to, oltre per l’acquisto dei sud­det­ti macchi­nari per l’ambiente, fu riu­ti­liz­za­to per acquistare automezzi des­ti­nati all’avvio di una rac­col­ta dei rifiu­ti a parte per le attiv­ità eco­nomiche che, in par­ti­co­lare nel peri­o­do esti­vo, pro­ducono una quan­tità di rifiu­ti che ven­gono river­sa­ti inutil­mente nei bidoni stradali.

Vor­rei richia­mare la sua atten­zione sul fat­to che dopo due mesi dal­la posa in opera di tale macchi­nario, pres­so la Piaz­za Gio­van­ni Pao­lo II,  lo stes­so è anco­ra inuti­liz­za­to in quan­to sem­bra mancherebbe il col­lega­men­to all’impianto elet­tri­co.
Non so quale sia l’ufficio com­pe­tente che abbia l’onere di provvedere a tale “gravosa” incomben­za che, ad oggi, cos­ti­tu­isce un dis­servizio per la comu­nità, ma riten­go che se Lei non inter­ver­rà nell’immediato avre­mo per­so un’altra occa­sione per ren­dere la nos­tra cit­tà più puli­ta e deco­rosa.

Mi chiedo e, soprat­tut­to, Le doman­do come sia pos­si­bile che dopo due mesi nes­suno abbia provve­du­to a un sem­plice col­lega­men­to di lin­ea elet­tri­ca in un luo­go ampia­mente urban­iz­za­to del Comune: incu­ria o ostruzion­is­mo? Ciò  viene da pen­sare ai cit­ta­di­ni!
Mi auguro che Lei sap­pia riportare le cose nel­la dimen­sione oppor­tu­na e provvedere a ren­dere utili mezzi, attrez­za­ture e macchi­nari per l’igiene urbana acquis­ta­ti con fon­di provin­ciali per ren­der­li fun­zio­nan­ti, come con­ve­niente, al servizio del­la col­let­tiv­ità che ha il dirit­to che questo servizio ven­ga for­ni­to cor­ret­ta­mente.

In fede.

Dott. Ger­ar­do Ste­fanel­li