Impianti pubblicitari: a Frosinone rivoluzione estetica ed ornamentale

Impianti pubblicitari: a Frosinone rivoluzione estetica ed ornamentale

02/05/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3153 volte!

 Riccardo Mastrangeli

Ric­car­do Mastrangeli

Impianti pub­blic­i­tari: a Frosi­none riv­o­luzione estet­i­ca ed ornamentale

Un anno. Questo il tem­po che avran­no a dis­po­sizione i pri­vati per adeguar­si al nuo­vo piano di impiantis­ti­ca volu­to dal Comune di Frosi­none e, più pre­cisa­mente, dall’Assessorato alle finanze e al bilancio.

«La paro­la d’ordine è razion­al­iz­zazione – ha det­to l’assessore pre­pos­to, Ric­car­do Mas­trangeli — Uscen­do dal casel­lo autostradale per recar­si in Cit­tà si viene accolti da una sel­va di cartel­loni pub­blic­i­tari. Questo caos non gio­va né alle aziende pub­bli­ciz­zate – il cui annun­cio viene inghiot­ti­to in un mare indis­tin­to di immag­i­ni e slo­gan – né al deco­ro urbano. Per questo moti­vo, dare­mo un anno di tem­po ai pri­vati per rior­dinare e uni­for­mare gli impianti in base alla tipolo­gia pre­vista. I cartel­loni saran­no uni­for­mati ad uno stan­dard e saran­no posti a una dis­tan­za pre­cisa dal­la car­reg­gia­ta. La comu­ni­cazione diven­terà più razionale e cor­ret­ta e l’ingresso del­la cit­tà, all’uscita del casel­lo A1, godrà di mag­giore deco­ro, ispi­ra­to a prin­cipi di essen­zial­ità, uni­for­mità e sem­plic­ità. Il tut­to, anco­ra una vol­ta, a cos­to zero per le casse comunali».

«L’iniziativa a cari­co dell’impiantistica parte da lon­tano: dall’obiettivo dell’amministrazione di rior­ga­niz­zare l’arredo urbano cit­tadi­no per aumen­tarne il deco­ro. – Ha com­men­ta­to il sin­da­co di Frosi­none, Nico­la Otta­viani — In ques­ta direzione van­no moltissi­mi inter­ven­ti com­piu­ti in questi anni: si pen­si alle plance pub­blic­i­tarie di tipolo­gia diver­sa, a sec­on­da del­la zona (al cen­tro stori­co con stile “antichiz­za­to”; nel­la parte bas­sa di Frosi­none con un’impronta estet­i­ca più “mod­er­na”). Del prog­et­to rel­a­ti­vo al deco­ro urbano fan­no parte anche gli infor­ma­cit­tà, ossia gli impianti lumi­nosi dis­lo­cati per il capolu­o­go che dan­no infor­mazioni ai cit­ta­di­ni su even­ti, avvisi, sca­den­ze. È sta­ta rin­no­va­ta l’impiantistica fune­bre, attra­ver­so l’angolo del ricor­do. A breve inizier­e­mo la col­lo­cazione di totem nel Cen­tro Stori­co, veri e pro­pri con­teni­tori che daran­no indi­cazioni di natu­ra isti­tuzionale. Risale a pochi giorni fa, infine, la pre­sen­tazione del prog­et­to ‘Epi­grafi Murarie: dai muri alle mura’, un’altra inizia­ti­va dell’amministrazione a sosteg­no del­la cresci­ta cul­tur­ale, del­la memo­ria, del­la sal­va­guardia del nos­tro patrimonio».