MARINO, SILVANI (PD): “ZINGARETTI HA INAUGURATO IL CONSULTORIO. FINALMENTE FATTI CONCRETI E RISPOSTE CERTE ALLE NECESSITÀ DEI CITTADINI”

MARINO, SILVANI (PD): “ZINGARETTI HA INAUGURATO IL CONSULTORIO. FINALMENTE FATTI CONCRETI E RISPOSTE CERTE ALLE NECESSITÀ DEI CITTADINI”

29/04/2016 1 Di puntoacapo

Hits: 10

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3843 volte!

Franca Silvani

Fran­ca Silvani

MARINO, SILVANI (PD): “ZINGARETTI HA INAUGURATO IL CONSULTORIO. FINALMENTE FATTI CONCRETI E RISPOSTE CERTE ALLE NECESSITÀ DEI CITTADINI”

“Dopo tan­ti anni di promesse, passerelle e voli in eli­cot­tero, final­mente a Mari­no si è vis­to qual­cosa di con­cre­to che riguar­da l’Ospedale: l’inaugurazione del nuo­vo Con­sul­to­rio, un servizio fon­da­men­tale in un paese ormai svuo­ta­to di tutto!”

Così com­men­ta Fran­ca Sil­vani, Seg­re­taria del Pd di Mari­no, l’inaugurazione avvenu­ta ieri alla pre­sen­za del Pres­i­dente del­la Regione Lazio, Nico­la Zin­garet­ti, del nuo­vo Con­sul­to­rio famil­iare all’Ospedale San Giuseppe di Marino.

“Un momen­to impor­tante questo per Mari­no, per­ché l’ospedale è sta­to ogget­to di sceller­ate ed inop­por­tune promesse elet­torali del cen­trode­stra che si sono risolte sem­pre in un nul­la di fat­to. Oggi il Par­ti­to Demo­c­ra­ti­co ed il Pres­i­dente Zin­garet­ti han­no dimostra­to che le chi­ac­chiere stan­no a zero e che solo i fat­ti contano.

Par­ti­amo già dall’ubicazione: la nuo­va sede del Con­sul­to­rio è ubi­ca­ta all’interno del Pre­sidio Ospedaliero San Giuseppe, Padiglione A, sec­on­do piano, è facil­mente rag­giun­gi­bile, lim­itro­fa ai servizi san­i­tari e socio-assis­ten­ziali del dis­tret­to (CAD e Uffi­cio Vac­ci­nazioni), pri­va di bar­riere architet­toniche e dota­ta di ambi­en­ti ampi ed accoglienti.

La scelta dei locali è avvenu­ta non per capric­cio di qualche politi­co di turno, ma a segui­to di una pun­tuale ricer­ca effet­tua­ta dal­la Direzione del­la ASL Roma 6 di con­cer­to con la UOC Pro­cre­azione Cosciente e Respon­s­abile, allo scopo di poten­ziare e riqual­i­fi­care l’as­sis­ten­za ter­ri­to­ri­ale. È questo un pas­so fon­da­men­tale, che col­lo­ca Mari­no in un piano più ampio che prevede un per­cor­so di val­oriz­zazione delle fun­zioni e delle attiv­ità svolte dai Con­sul­tori Famil­iari del­la ASL.

Inoltre, non bisogna dimen­ti­care che pro­prio quest’anno ricor­rono i 40 anni del­la Legge Regionale n. 15 del 1976 che isti­tu­i­va i Con­sul­tori famil­iari, legge per la quale tante donne si sono gius­ta­mente bat­tute, anche recentemente.

Il Con­sul­to­rio è un pun­to fon­da­men­tale per i servizi socio-san­i­tari alla famiglia. I cit­ta­di­ni pos­sono trovarvi un’assistenza gra­tui­ta in tante dis­ci­pline, con oper­a­tori esper­ti nel cam­po clin­i­co, psichico e delle relazioni inter­per­son­ali che si occu­pano di attiv­ità di pre­ven­zione e pro­mozione, ma anche di sosteg­no e cura.

Mai come adesso, Mari­no ha bisog­no di puntare sui servizi al cit­tadi­no e dare risposte con­crete. Come don­na e come politi­co sen­to par­ti­co­lar­mente ques­ta tem­at­i­ca e mi onoro di aver­la por­ta­ta avan­ti in questi anni, soprat­tut­to per­ché final­mente si vede un risul­ta­to concreto.

Al cen­trode­stra dem­a­gogi­co e pretes­tu­oso, che pro­va a sminuire la valen­za di ques­ta aper­tu­ra, rispon­dono i fat­ti. La memo­ria dei mari­ne­si non è cor­ta e l’arrivo del Pres­i­dente Zin­garet­ti, qua­si in sor­di­na, dimostra che se si otten­gono risul­tati con­creti, non c’è bisog­no di passerelle, claque ed eli­cot­teri. Una lezione di stile che ad alcu­ni in questi anni è senz’altro mancata.”