Pomezia: il Comune annuncia un avanzo di oltre 15 milioni di euro

Pomezia: il Comune annuncia un avanzo di oltre 15 milioni di euro

23/04/2016 1 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3239 volte!

Pomezia-piazza-con-chiesaPomezia, Eser­cizio finanziario 2015, la Giun­ta delib­era il ren­di­con­to con un avan­zo di ammin­is­trazione di oltre 15 mil­ioni di euro.

Il Sin­da­co e la Giun­ta han­no delib­er­a­to ieri pomerig­gio il ren­di­con­to di ges­tione dell’esercizio finanziario 2015 (Delib­era di G.C. n. 100 del 21/04/2016).

“Il Bilan­cio con­sun­ti­vo del 2015 – spie­ga l’Assessore Emanuela Avesani – con­fer­ma che il piano di risana­men­to delle casse comu­nali che l’Amministrazione sta por­tan­do avan­ti sta dan­do dei frut­ti. Le attiv­ità messe in atto in questi anni han­no per­me­s­so di alleg­gerire le spese di com­pe­ten­za dimostran­do la buona ges­tione dell’Ente, che ha con­sen­ti­to di risparmi­are e accan­tonare più del pre­vis­to, sen­za aumentare le tasse o ridurre i servizi”.

Il ren­di­con­to di com­pe­ten­za 2015 si chi­ude infat­ti con un avan­zo di 15.641.850,05 euro (vedi Schema 1), con­sen­ten­do anche di accan­tonare fon­di con­sis­ten­ti quali: Fon­do Antic­i­pazione di liq­uid­ità (D.L. 78/2015) per oltre 8 mil­ioni di euro e Fon­do Rischi per Pas­siv­ità Poten­ziali per qua­si 7 mil­ioni di euro.

“A questo si aggiunge un dato ril­e­vante – con­tin­ua Avesani — il Comune sta rispet­tan­do il piano di rien­tro del dis­a­van­zo stra­or­di­nario, quan­tifi­ca­to in misura trenten­nale con una rata annua pari a 4.193.969,33 euro (Delib­era di C.C. n. 37 del 16/6/2015, ndr), che per l’anno 2015 reg­is­tra addirit­tura un miglio­ra­men­to del risparmio, rispet­to alla rata annuale, di 816.144,88 euro”.

Il dis­a­van­zo stra­or­di­nario al 31 dicem­bre 2014 era infat­ti di oltre 125 mil­ioni che, sec­on­do il piano di rien­tro sareb­bero dovu­ti scen­dere in un anno a cir­ca 121 mil­ioni. Il risul­ta­to con­se­gui­to invece è miglio­ra­ti­vo di oltre 800 mila euro, con un dis­a­van­zo tec­ni­co a segui­to del riac­cer­ta­men­to stra­or­di­nario dei residui (Delib­era G.C. n. 103/2015) che si attes­ta al 31/12/2015 a 120.808.965,61 euro (vedi Schema 2).

“Con­tinuiamo a dimostrare che il taglio delle spese super­flue e l’ottimizzazione del­la macchi­na ammin­is­tra­ti­va pagano – dichiara il Sin­da­co Fabio Fuc­ci – Chi­u­di­amo il ren­di­con­to 2015 con un risul­ta­to pos­i­ti­vo di oltre 15 mil­ioni di euro, rag­giun­to gra­zie alle azioni messe in atto in questi anni, dal­la chiusura delle soci­età parte­ci­pate inutili al taglio delle ret­ribuzioni ai diri­gen­ti, dal risparmio sug­li affit­ti delle sedi comu­nali a quel­lo dell’appalto sul­la rac­col­ta dei rifiu­ti. Tut­to questo sen­za alzare le tasse ai cit­ta­di­ni, ben­sì for­nen­do loro servizi più effi­ci­en­ti e impeg­nan­do impor­tan­ti risorse eco­nomiche nelle opere pub­bliche. I numerosi cantieri avviati e con­clusi nel cor­so del 2015 dimostra­no che i rispar­mi con­se­gui­ti ci han­no con­sen­ti­to di rispon­dere conc­re­ta­mente alle esi­gen­ze del­la Cit­tà e dei cit­ta­di­ni. L’azione di risparmio attua­ta non mira esclu­si­va­mente all’azzeramento del deb­ito ered­i­ta­to, ma a fornire a Pomezia i servizi e le infra­strut­ture che i cit­ta­di­ni mer­i­tano. Con­fer­mi­amo quin­di anche quest’anno che il cam­bio di rot­ta avvi­a­to dal­la nos­tra Ammin­is­trazione sta dan­do frut­ti sem­pre più ric­chi: abbi­amo trova­to un Comune sull’orlo del disses­to, oggi, dopo tre anni di buona ges­tione delle casse comu­nali, pos­si­amo iniziare a lavo­rare con più agio cer­can­do di rispon­dere in maniera sem­pre più effi­ciente alle esi­gen­ze del­la cittadinanza”.

 

Schema 1. 

Avan­zo di amministrazione

image001

 

 

 

 

 

 

 

Schema 2. 

Piano di rientro

image002