Sora: Consiglio Comunale di colpi di scena e grandi decisioni

Sora: Consiglio Comunale di colpi di scena e grandi decisioni

22/04/2016 0 Di puntoacapo
Vis­ite: 734
Ernesto Tersigni

Ernesto Ter­sig­ni

Con­siglio comu­nale, la mag­gio­ran­za: “Una sedu­ta frut­tu­osa con novità impor­tan­ti”

Una sedu­ta, quel­la del Con­siglio comu­nale di ieri, che si è aper­ta con un seg­nale chiaro del pri­mo cit­tadi­no. Rispet­to al pun­to “Diret­tive in ordine alle dichiarate indisponi­bil­ità delle posizioni diri­gen­ziali pre­viste dal­la dotazione organ­i­ca” il Sin­da­co ha dichiara­to subito: “Fac­cio gli inter­es­si di tut­ti i dipen­den­ti”.  Questo per spie­gare il ritiro dell’importante pun­to all’ordine del giorno, ogget­to di infon­date allu­sioni apparse sul­la stam­pa.

Dietro la deci­sione, quin­di, non c’è alcun par­ti­co­lar­is­mo. Le novità inter­pre­ta­tive sull’argomento, che si susseguono di giorno in giorno, han­no indot­to a sospendere tem­po­ranea­mente l’approvazione del­la pro­pos­ta di delib­era in atte­sa che gli organi statali for­niscano i dovu­ti chiari­men­ti. Una scelta det­ta­ta anche dal fat­to che la pro­pos­ta di delib­er­azione prevede­va comunque l’entrata in vig­ore del riordi­no orga­niz­za­ti­vo del Comune di Sora a par­tire dal 1° otto­bre 2016.

Buone notizie in arri­vo per il nodo dell’ex Tomas­si. Con l’approvazione del pun­to “Dis­po­sizioni per il defin­i­ti­vo com­ple­ta­men­to dei pro­gram­mi di riqual­i­fi­cazione urbana…”, gra­zie alla pro­ro­ga dei PRU, approva­ta con decre­to del Min­istro delle Infra­strut­ture, sarà  pos­si­bile portare a com­ple­ta­men­to tut­ti gli inter­ven­ti già avviati nell’ambito del PRU San Giu­liano. All’interno di ques­ta pro­ro­ga rien­tra anche l’ex Tomas­si la cui posizione giuridi­ca è aggra­va­ta dal­la pro­ce­du­ra fal­li­menta­re nel­la quale si è inseri­ta la soci­età AROS che sta lavo­ran­do per pre­sentare un prog­et­to di com­ple­ta­men­to e per ottenere una rateiz­zazione dei deb­iti gra­van­ti sul fal­li­men­to, fra i quali oltre 1.000.000 di euro a favore del Comune di Sora. Abbi­amo vota­to a favore di ques­ta delib­era, a dif­feren­za del­la mino­ran­za, per dare un aiu­to ai numerosi investi­tori che, in questo modo, potran­no recu­per­are parte dei loro cap­i­tali.

Abbi­amo scel­to di votare a favore anche dell’affidamento all’Ambiente Surl del servizio di igiene urbana che inglo­ba la pulizia e il dis­er­bo delle aree a mar­gine delle strade per­iferiche e la ges­tione dell’isola eco­log­i­ca, vero fiore all’occhiello dell’Ambiente. È sta­to dis­pos­to il rin­no­vo dell’affidamento per tre anni, in lin­ea con le pre­vi­sioni di razion­al­iz­zazione del­la munic­i­pal­iz­za­ta. Il cos­to per l’affidamento varia da 4.410.574 a 4.280.700 euro ivi com­pre­so il cos­to per il con­fer­i­men­to a dis­car­i­ca dell’indifferenziato che medi­a­mente si aggi­ra intorno ad euro 1.180.000.

Il piano di razion­al­iz­zazione dell’Ambiente Surl ha pre­vis­to da subito l’attivazione del­la rac­col­ta dif­feren­zi­a­ta con il sis­tema “por­ta a por­ta” su tut­to il ter­ri­to­rio comu­nale con risul­tati che, ad oggi, super­a­no ogni aspet­ta­ti­va aven­do rag­giun­to una per­centuale di poco supe­ri­ore al 60%. Un risul­ta­to stra­or­di­nario che è sta­to ottenu­to in soli 120 giorni e rap­p­re­sen­ta un vero e pro­prio record se si pen­sa che alla fine dell’anno 2015 la per­centuale rag­giunge­va solo il 15%.

Nel­la sedu­ta di Con­siglio comu­nale è sta­to approva­to anche il Rego­la­men­to per la for­mazione dell’albo dei com­posta­tori che prevede agevolazioni sul­la TARI per i cit­ta­di­ni inter­es­sati alla pro­duzione del com­post. In sostan­za, il man­ca­to con­fer­i­men­to di sostanze des­ti­nate a gener­are il com­post, che deri­va dal­la trasfor­mazione dell’umido, alleg­gerirà il servizio in ter­mi­ni eco­nomi­ci. La stesura dell’albo dei com­posta­tori ren­derà pos­si­bile l’elaborazione di una grad­u­a­to­ria dei cit­ta­di­ni aven­ti dirit­to al ritiro di com­postiere gra­tu­ite, messe a dis­po­sizione dal Comune. Gra­zie al prog­et­to per la riduzione dei rifiu­ti finanzi­a­to dal­la Regione Lazio per euro 190.000,00 è sta­to pos­si­bile dis­porre di cir­ca 150 com­postiere che saran­no dis­tribuite ai cit­ta­di­ni iscrit­ti all’albo con ben­efi­ci per l’ente, per l’ambiente e per i cit­ta­di­ni.

Con grande piacere, gra­zie ad una votazione unanime, sono sta­ti approvati i pun­ti rel­a­tivi all’attivazione del cor­so di lau­rea tri­en­nale di Scien­ze giuridiche, al barat­to ammin­is­tra­ti­vo, al Rego­la­men­to per la ges­tione del fon­do micro­cre­d­i­to-sol­i­da­ri­età e alla Ces­sione a tito­lo gra­tu­ito di spazi ad uso pub­bli­co local­ità S. Giu­liano.

Grave scon­fit­ta per Pin­tori, Sora non accetta il pop­ulis­mo

Ieri sera in Con­siglio comu­nale è sta­ta anal­iz­za­ta la petizione rel­a­ti­va all’acqua pub­bli­ca pro­pos­ta dai 5 stelle”. Inizia così la nota a fir­ma del­la mag­gio­ran­za con­sil­iare.

Anco­ra una vol­ta emerge la dem­a­gogia e l’impreparazione dei rap­p­re­sen­tati a 5 stelle inten­zionati solo ad acquisire con­sen­si elet­torali, spec­u­lan­do sui bisog­ni dei cit­ta­di­ni”.

La pro­pos­ta è sta­ta dichiara­ta nel­la sua  for­ma orig­i­nar­ia ille­git­ti­ma. La mod­i­fi­ca del­lo Statu­to, infat­ti, così come pro­pos­ta con petizione popo­lare deposi­ta­ta dal Meet­up sora­no, non pote­va essere approva­ta per­ché in con­trasto con l’art. 6 del Codice degli Enti Locali.

Purtrop­po  l’idea, prob­a­bil­mente copi­a­ta dal Comune di Bologna, è final­iz­za­ta al rag­giung­i­men­to dell’obiettivo dell’acqua pub­bli­ca medi­ante “Coor­di­na­men­to del­la pro­pria azione con gli enti ter­ri­to­ri­ali com­pe­ten­ti” quin­di, da attuar­si di con­cer­to con Sta­to e Regione.

Ques­ta vari­azione, inseri­ta quale com­ma 8–9-10 dell’articolo 1 del­lo Statu­to comu­nale, non è con­fig­ura­bile come obi­et­ti­vo pro­gram­mati­co del Comune di Sora per­ché in tale arti­co­lo ven­gono defin­i­ti i carat­teri fon­da­men­tali del Comune e fra essi non può rien­trare il potere di dis­ci­pli­nare l’acqua pub­bli­ca.

Nel pieno rispet­to, però, dei 500 cit­ta­di­ni che han­no fir­ma­to la sot­to­scrizione, con­sapevoli del­la cam­pagna for­viante con­dot­ta da Pin­tori, abbi­amo deciso di approvare in Con­siglio una cor­rezione che elim­i­na gli aspet­ti ille­git­ti­mi del­la richi­es­ta di vari­azione dei 5 Stelle e che la trasfor­ma in un obi­et­ti­vo pro­gram­mati­co da rag­giun­gere di con­cer­to con lo Sta­to, la  Regione Lazio e l’ente gestore.

Ques­ta ammin­is­trazione come ha sem­pre fat­to accoglie con buon gra­do le inizia­tive popo­lari, ma resp­inge ogni tipo di inizia­ti­va pop­ulista, come quelle che pro­pos­ta dai 5 stelle. La mod­i­fi­ca di ieri è da con­sid­er­ar­si, quin­di, una vit­to­ria del­la democrazia cit­tad­i­na ma una grave scon­fit­ta per la dem­a­gogia dei grilli­ni”.

Sora, 20 aprile 2016

La mag­gio­ran­za

 

Con­di­vi­di:
0