Marino, Prinzi riparte dalla politica urbanistica e rivaluta la raccolta porta a porta

Marino, Prinzi riparte dalla politica urbanistica e rivaluta la raccolta porta a porta

18/04/2016 0 Di puntoacapo

Hits: 14

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2443 volte!

Massimo Prinzi

Mas­si­mo Prinzi

MARINO, IL METODO RIFORMATORE DEL MCD CON STEFANO CECCHI: “RILEGGIAMO TUTTA LA POLITICA URBANISTICA DAL 1998 A OGGI PER TUTELARE LEGALITA’ E DIRITTI DI TUTTI I CITTADINI”

Avvio del­la rac­col­ta dif­feren­zi­a­ta por­ta a por­ta, rilan­cio del com­mer­cio e azioni mirate a una mag­giore sicurezza.
Sono queste le pri­or­ità che il Movi­men­to Civiltà Demo­c­ra­t­i­ca ha indi­ca­to al can­dida­to sin­da­co Ste­fano Cec­chi come emer­gen­ze alle quali met­tere mano quan­to prima.
Il resto del pro­gram­ma, invece, per il movi­men­to che vuole rap­p­re­sentare la vera novità e il ponte ide­ale tra la vec­chia sta­gione polit­i­ca bipo­lar­ista e le nuove prospet­tive che si van­no delin­e­an­do per il futuro sarà la sin­te­si tra due capisal­di con­cettuali: la dis­con­ti­nu­ità nei meto­di e la coeren­za nell’azione pro­gram­mat­i­ca avvi­a­ta e sin­te­tiz­za­ta già nel cor­so del­la prece­dente espe­rien­za ammin­is­tra­ti­va dal­lo slo­gan “il cor­ag­gio delle scelte, la forza delle idee” richiam­a­to da Mas­si­mo Prinzi, coor­di­na­tore del MCD, al ter­mine dell’articolato inter­ven­to che ha con­clu­so la ker­messe di pre­sen­tazione del can­dida­to sin­da­co Ste­fano Cec­chi nel­la sala del­lo Zodi­a­co di via Net­tunense a Castel­luc­cia, frazione di Marino.
Un sosteg­no, quel­lo dato al can­dida­to Ste­fano Cec­chi, apprez­za­to per val­ori umani come la sen­si­bil­ità e la dedi­zione al lavoro ammin­is­tra­ti­vo per la col­let­tiv­ità che è giun­to al ter­mine di un lun­go ragion­a­men­to politi­co fonda­to dal Movi­men­to Civiltà Demo­c­ra­t­i­ca sulle idee lib­er­alde­mo­c­ra­tiche  e il meto­do rad­i­cal­mente rifor­ma­tore, incen­tra­to sul­la parte­ci­pazione dal bas­so e sul­la pari dig­nità di ogni sin­go­lo attivista, che MCD intende appli­care e col quale vuole con­t­a­m­inare nel pro­fon­do il dna del­la nuo­va sta­gione politi­co-ammin­is­tra­ti­va locale e nazionale.
Pro­prio per queste ragioni Prinzi ha indi­ca­to in tem­atiche come il sociale, l’avvio dell’isola pedonale al cen­tro stori­co, la rior­ga­niz­zazione del­la Polizia Locale, la stesura del­lo statu­to fonda­ti­vo del­la Polisporti­va Mari­no e la ripresa di un ruo­lo di medi­azione atti­va da parte del Comune sulle scelte del­la Regione e del­la Asl in mer­i­to alle sor­ti del rina­to ospedale San Giuseppe, i pun­ti car­dine del pro­gram­ma che MCD pro­por­rà alla coalizione.
“La Mari­no di oggi è una cit­tà spen­ta” ha det­to Prinzi che per rilan­cia­r­la intende met­tere al cen­tro l’asse gen­er­azionale tra gio­vani e anziani per ren­der­la nuo­va­mente “bel­la e vivibile”.
Mas­si­mo Prinzi, da tre anni pres­i­dente del Con­sorzio Bib­liote­cario dei Castel­li Romani, intende met­tere a dis­po­sizione  del­la cit­tà di Mari­no alcune idee in cantiere nel­la realtà bib­liote­caria: puntare sul­la rete di comu­ni per lo svilup­po del turismo.
Ulti­ma cer­ta­mente non per ril­e­van­za la polit­i­ca urban­is­ti­ca che il Movi­men­to Civiltà Demo­c­ra­t­i­ca non intende subire ma rilan­cia­re con l’obiettivo di portare van­tag­gi, servizi e lavoro per la col­let­tiv­ità marinese.
Nec­es­saria in questo sen­so sarà una rilet­tura di tut­ti gli atti prodot­ti in mate­ria di pro­gram­mazione e svilup­po de ter­ri­to­rio dal 1998 a oggi, sot­to­po­nen­do i risul­tati al Con­siglio comu­nale e alle isti­tuzioni sovra­co­mu­nali com­pe­ten­ti in mate­ria per dare inizio anche in questo del­i­ca­to ambito  davvero a una nuo­va stagione.
Un per­cor­so che, per dram­mati­co para­dos­so – ha con­clu­so Prinzi in un cli­max di emozioni e con­cetti pro­fon­di – nel­lo stes­so tem­po si è con­clu­so il 9 aprile del­lo scor­so anno, giorno dell’arresto dell’ex pri­mo cit­tadi­no ma che da quel giorno ha pure ideal­mente get­ta­to le fon­da­men­ta per il rilan­cio di una rin­no­va­ta azione di gov­er­no che si basi real­mente su lealtà, pari dig­nità e ritrova­to cor­ag­gio nel rispet­to del­la legal­ità e dei dirit­ti di tut­ti i cit­ta­di­ni di Marino.