Anzio: incontro con Flavio Vanetti, autore di “Turisti per Ufo” a Villa Sarsina il 7 aprile scorso

Anzio: incontro con Flavio Vanetti, autore di “Turisti per Ufo” a Villa Sarsina il 7 aprile scorso

13/04/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1252 volte!

P1010124Anzio: incon­tro con Flavio Vanet­ti, autore di “Tur­isti per Ufo” a Vil­la Sarsi­na il 7 aprile scor­so

 Pres­so la sala del con­siglio comu­nale di Anzio, nel­la set­te­cen­tesca “Vil­la Sarsi­na” di via Ambrosi­ni, ha avu­to luo­go nel pomerig­gio del­lo scor­so 7 aprile, l’incontro con l’autore del libro “Tur­isti per Ufo”  ( casa editrice Bradipo Lib­ri), il gior­nal­ista del “Cor­riere del­la Sera”, Flavio Vanet­ti, che da 8 anni è gestore del blog sul­la pag­i­na web del gior­nale di via Solferi­no, http://misterobufo.corriere.it/.

Ad aprire l’incontro è sta­ta la pres­i­dente del­la Asso­ci­azione cul­tur­ale nero­ni­ana, “00042”, Elis­a­bet­ta Civ­i­tan, che ha riv­olto un salu­to al gior­nal­ista di Varese e ai parte­ci­pan­ti (numerosi a dire il vero) pre­sen­ti in sala nonché ai due mod­er­a­tori, i gior­nal­isti locali Gio­van­ni Del Giac­cio e Ange­lo Pugliese.

Dopo, c’è sta­ta da parte di Flavio Vanet­ti e Ange­lo Pugliese, la proiezione di alcu­ni fil­mati iner­en­ti la fenom­e­nolo­gia dell’avvistamento degli ogget­ti volan­ti non iden­ti­fi­cati, che è servi­ta in qualche maniera a col­oro che non era­no adeguata­mente infor­mati alla tem­at­i­ca, ad appren­dere alcune infor­mazioni in mer­i­to ad essa, come ad esem­pio, la pre­sen­za fin dai tem­pi del mon­do clas­si­co di rifer­i­men­ti che pos­sano far pen­sare a delle visioni in cielo di quel­li che oggi comune­mente chi­ami­amo “Ufo”, ma che all’epoca pote­vano sem­brare seg­nali del­la pre­sen­za del­la divinità di turno.

E’ segui­ta poi una rap­i­da rasseg­na di immag­i­ni  e video in mer­i­to alla cosid­det­ta ufolo­gia mod­er­na, che si col­lo­ca di soli­to a par­tire dal 24 giug­no 1947, data in cui Ken­neth Arnold, con il suo aereo pri­va­to , avvistò in cielo, nelle vic­i­nanze del Monte Rainier, nel­lo sta­to di Wash­ing­ton, una “squadriglia” di quel­li che da quel momen­to in poi saran­no banal­mente chia­mati “dis­chi volan­ti”.

Da quell’incontro in poi, negli ulti­mi 70 anni, si è pos­ta in evi­den­za, come in tut­to il mon­do, com­pre­so il nos­tro Paese, ci siano sta­ti avvis­ta­men­ti di tut­ti i tipi, da parte delle cat­e­gorie di per­sone più dis­parate: dai poliziot­ti ai piloti di aerei di lin­ea o mil­i­tari; dai con­ta­di­ni ad alte fig­ure nel mon­do del­la polit­i­ca nazionale e inter­nazionale.

Il libro che Vanet­ti ha pre­sen­ta­to ha pro­prio uno scopo anche “edonis­ti­co” lega­to alla grande e var­ie­ga­ta dis­tribuzione sul globo di questi avvis­ta­men­ti: rac­cogliere e dare con­sigli su come rag­giun­gere e vis­itare quel­li che sono i 51 posti al mon­do, di grande inter­esse per avvis­ta­men­ti o incon­tri ravvi­c­i­nati negli ulti­mi anni.

Sia Gio­van­ni Del Giac­cio che Ange­lo Pugliese han­no pos­to varie domande e sol­lecita­to vari spun­ti all’autore su quel­li che sono gli aspet­ti più dis­parati del fenom­e­no e delle sue man­i­fes­tazioni, ma le domande più inter­es­san­ti sono venute dal­la platea pre­sente a Vil­la Sarsi­na. Tra queste vi è sta­ta una incen­tra­ta sul­la pre­sen­za o meno sul ter­ri­to­rio litora­neo a sud di Roma di avvis­ta­men­ti di Ufo.
La rispos­ta è sta­ta sor­pren­dente: fin dal mar­zo 1949 si sono avu­ti quel­li che si pos­sono con­sid­er­are avvis­ta­men­ti di quel­li che in ital­iano si usa definire “OVNI” (Ogget­ti volan­ti non iden­ti­fi­cati), con dei pic­chi negli anni ’50, nel 1978 e infine nel 2009.

La pre­sen­tazione si è chiusa con l’anticipazione da parte del gior­nal­ista di Varese di un pos­si­bile nuo­vo lavoro let­ter­ario che trat­terà sem­pre il fenom­e­no Ufo e che ovvi­a­mente ver­rà pre­sen­ta­to, non appe­na real­iz­za­to ad Anzio.

Con­di­vi­di:
error0