AEROPORTO CIAMPINO, CECCHI: “CONDIVIDO ALLARME CITTADINI. LAVORARE PER RIDUZIONE VOLI”

AEROPORTO CIAMPINO, CECCHI: “CONDIVIDO ALLARME CITTADINI. LAVORARE PER RIDUZIONE VOLI

07/04/2016 2 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1569 volte!

Stefano Cecchi

Ste­fano Cec­chi

AEROPORTO CIAMPINO, CECCHI: “CONDIVIDO ALLARME CITTADINI. LAVORARE PER RIDUZIONE VOLI

Con­di­vi­do l’allarme medi­ati­co, lan­ci­a­to in queste ore dal comi­ta­to cit­tadi­no che si bat­te per la riduzione del traf­fi­co aereo pres­so l’Aeroporto di Ciampino, il cui impat­to ambi­en­tale e acus­ti­co incide grave­mente sul­la vivi­bil­ità delle popo­lazioni di Ciampino, Roma e Mari­no. Una realtà peri­colosa, cer­ti­fi­ca­ta da moltepli­ci indagi­ni epi­demi­o­logiche, e con­tro la quale, sia come ammin­is­tra­tore che come cit­tadi­no, mi sto bat­ten­do da un decen­nio. Unen­do­mi alle istanze e alle richi­este di cit­ta­di­ni e isti­tuzioni locali, per il nec­es­sario e imme­di­a­to decre­men­to dei voli sul Pas­tine. Eppure siamo nel 2016 e l’aeroporto reg­is­tra il “record” stori­co di passeg­geri, toc­can­do qua­si sei mil­ioni. Numeri che sto­nano con le azioni di AdR e Enac, sino­ra immo­bili sul ritorno del Pas­tine nei lim­i­ti di legge. Non pos­so, dunque, che essere d’accordo con il comi­ta­to cit­tadi­no e asso­cia­r­mi alla richi­es­ta di con­vo­cazione di una con­feren­za dei servizi, che pos­sa affrontare e risol­vere defin­i­ti­va­mente l’annoso prob­le­ma, lega­to all’inquinamento ambi­en­tale del sec­on­do sca­lo capi­toli­no”. Così, in una nota, Ste­fano Cec­chi, can­dida­to sin­da­co del­la coal­izione “L’Officina delle Idee” in vista delle elezioni comu­nali di Mari­no.