Cori, Progetto Piedibus: bando per la selezione di 6 volontari

Cori, Progetto Piedibus: bando per la selezione di 6 volontari

31/03/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1673 volte!

PIEDIBUS12In vista del­la riat­ti­vazione del Prog­et­to Pied­ibus, l’Amministrazione comu­nale di Cori – Asses­so­rati all’Ambiente e alle Politiche Sociali – ha pre­dis­pos­to un ban­do per la selezione di 6 volon­tari (2 per il per­cor­so di Giu­lianel­lo, 2 per quel­lo da Cori monte, 2 per l’altro da Cori valle) da impeg­nare la mat­ti­na, dal lunedì al ven­erdì, per una trenti­na di minu­ti, nell’accompagnamento a pie­di dei bam­bi­ni a scuo­la. Per ques­ta attiv­ità di volon­tari­a­to ricev­er­an­no ogni giorno un buono pasto/voucher dal val­ore di 4 euro da spendere nei super­me­r­cati del ter­ri­to­rio. Pos­sono pre­sentare doman­da i gio­vani dis­oc­cu­pati o stu­den­ti tra i 18 e i 35 anni e donne tra i 35 e i 50 anni dis­oc­cu­pate. In entram­bi i casi è richiesto almeno un diplo­ma di scuo­la supe­ri­ore, preferi­bil­mente di liceo psi­co-ped­a­gogi­co e scien­ze umane.

I mod­uli pos­sono essere riti­rati pres­so i Servizi Sociali del Comune di Cori e pres­so la Del­egazione comu­nale di Giu­lianel­lo, tut­ti i giorni, in orario d’ufficio. Dovran­no poi essere ricon­seg­nati pres­so il Pro­to­col­lo gen­erale del Comune di Cori entro e non oltre le ore 12:00 del 15 Aprile 2016, con alle­ga­ta la doc­u­men­tazione richi­es­ta. Il Pied­ibus, approva­to dal­la Giun­ta di Tom­ma­so Con­ti già nel 2011, per inizia­ti­va dell’allora Ass.re all’Ambiente Enri­co Bernar­di­ni, è riv­olto agli alun­ni del­la scuo­la pri­maria di Cori (Vir­gilio Lau­ri­en­ti) e Giu­lianel­lo (Don Sil­ve­stro Radic­chi). In col­lab­o­razione con l’Istituto Com­pren­si­vo Statale «Cesare Chiom­into» si pun­ta ad incen­ti­vare la mobil­ità sosteni­bile per una migliore qual­ità del­la vita.

L’autobus che va a pie­di parte ad orario da tre diver­si capo­lin­ea (Giu­lianel­lo, Cori monte, Cori valle) e arri­va a scuo­la seguen­do un per­cor­so sta­bil­i­to e pro­tet­to, facen­do salire a bor­do i passeg­geri alle varie fer­mate lun­go il tragit­to. Due adul­ti, un autista e un con­trol­lore, guidano e chi­udono la fila. Il bus umano con­sente di andare a scuo­la in modo sano, sicuro, diver­tente ed eco­logi­co, pro­muoven­do una buona pras­si per ren­dere la cit­tà più vivi­bile, meno inquina­ta e peri­colosa. Per­cor­ren­do a pie­di le strade del paese aumen­ta l’autostima, si pos­sono risco­prire i quartieri e diventare pedoni respon­s­abili, favoren­do il movi­men­to fisi­co e la social­iz­zazione tra gli stu­den­ti che arrivano a lezione sveg­li e pim­pan­ti. Facili­ta l’apprendimento del­la cor­ret­ta cir­co­lazione stradale e aiu­ta a decon­ges­tionare il traf­fi­co, con un pic­co­lo ma sig­ni­fica­ti­vo appor­to alla riduzione dell’inquinamento atmos­feri­co ed acus­ti­co.