PSI ARDEA: CONSIGLIO COMUNALE TUTTI CONTRO TUTTI

PSI ARDEA: CONSIGLIO COMUNALE TUTTI CONTRO TUTTI

29/03/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1972 volte!

ardeaPSI ARDEA: CONSIGLIO COMUNALE TUTTI CONTRO TUTTI
Ardea 29/03/2016 Indub­bi­a­mente l’ultimo Con­siglio comu­nale può essere ascrit­to come una delle peg­giori assise con­sumatosi ad Ardea all’insegna del “tut­ti con­tro tut­ti”. Il Con­siglio era sta­to con­vo­ca­to per dis­cutere la mozione di sfidu­cia al sin­da­co Luca Di Fiori a segui­to dell’impegno pub­bli­ca­mente fat­to da tre com­po­nen­ti del­la mag­gio­ran­za, di fir­mare con l’opposizione le dimis­sioni da con­sigliere per far decadere il con­siglio comu­nale e quin­di resti­tuire la paro­la ai cit­ta­di­ni. Poi accam­pan­do scuse, più o meno varie, rin­viano la loro ade­sione ad una mozione di sfidu­cia da dis­cutere in aula. Pun­tual­mente poi non avvenu­ta.

E’ sta­to sco­moda­to un paese intero per andare ad assis­tere ad una inutile quan­to squall­i­da dis­cus­sione che dove­va essere fat­ta, da parte di tut­ti, nelle sedi politiche. Le sedi isti­tuzion­ali non pos­sono essere infan­gate, avvilite e detur­pate da tan­ta igno­ran­za e da tan­ta arro­gan­za. Se non si è in gra­do di risol­vere i prob­le­mi politi­ci interni a cias­cun par­ti­to o movi­men­to, l’aver immag­i­na­to di portare in aula con­sil­iare le ques­tioni che si han­no all’interno è vera­mente sin­go­lare.

Acclara­to quan­to è suc­ces­so occorre guardare all’oggi e, quin­di al domani. Il Sin­da­co Di Fiori non ha più la sua mag­gio­ran­za e che, inutil­mente, è all’esasperata ricer­ca con atti e deci­sioni dem­a­gogiche promet­ten­do opere pub­bliche ed altre inizia­tive che giammai ver­ran­no alla luce.

Per quan­to riguar­da ciò che spet­ta ora all’opposizione è ben chiaro che se non ci sarà una azione comune dei sei con­siglieri oltre quel­la acclara­ta da tem­po del con­sigliere Fan­co anche la nos­tra battaglia, di man­dare a casa ques­ta dan­nosa ammin­is­trazione, rischia un insuc­ces­so clam­oroso. E’ prin­ci­pal­mente il Par­ti­to demo­c­ra­ti­co che dovrà far­si cari­co di un fat­ti­vo chiari­men­to al suo inter­no per rag­giun­gere una una­nim­ità di com­por­ta­men­to che superi per­son­al­is­mi e con­trasti, sen­za il quale non si va da nes­suna parte. Per quan­to ci riguar­da, rib­a­di­amo che il PSI è com­ple­ta­mente a dis­po­sizione per col­lab­o­rare ad assol­vere il gravoso impeg­no che attende tutte le forze che si oppon­gono alle sceller­ate scelte del­la mag­gio­ran­za Di Fiori. Ricor­diamo inoltre al PD che quan­do par­la di richi­es­ta di acces­so agli atti, questo è un dirit­to-dovere dei con­siglieri comu­nali già esistente e che il PSI, tramite la pro­pria con­sigliera Cristi­na Capraro, ha numerose volte uti­liz­za­to questo stru­men­to pre­dispo­nen­do e por­tan­do alla dis­cus­sione in aula moltepli­ci interrogazioni/mozioni come nel caso di Igiene Urbana, tar­iffe idriche, Stazione Uni­ca appaltante,Consultorio e sui servizi san­i­tari, deb­iti fuori bilan­cio, ecc. molte delle quali con­di­vise con l’intera mino­ran­za e che han­no por­ta­to alle pre­dis­po­sizione di inter­ven­ti cor­ret­tivi da parte delle autorità pre­poste.

Diret­ti­vo PSI Ardeati­no
Con­di­vi­di:
error14
fb-share-icon0
Tweet 20
fb-share-icon20