Cori e Artena verso il Gemellaggio della Bandiera

Cori e Artena verso il Gemellaggio della Bandiera

29/03/2016 0 Di Marco Castaldi

Hits: 7

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2324 volte!

Processed with VSCO with a4 preset

Processed with VSCO with a4 preset

Pros­eguono gli appun­ta­men­ti degli Sbandier­a­tori dei Rioni di Cori (LT) nell’anno del Cinquan­tes­i­mo anniver­sario del­la loro fon­dazione. I maestri dell’arte del maneg­giar l’insegna han­no avvi­a­to un per­cor­so di preparazione al Gemel­lag­gio con gli Sbandier­a­tori e Musi­ci Alfieri del Car­di­nal Borgh­ese di Arte­na (RM), per sug­gel­lare uffi­cial­mente entro l’estate del 2016 il rap­por­to di sti­ma, ami­cizia e col­lab­o­razione che li lega da tem­po e li vede impeg­nati in even­ti e scam­bi cul­tur­ali comu­ni, oltre ad essere entram­bi i grup­pi asso­ciati alla Fed­er­azione Ital­iana Sbandieratori.

Le due gior­nate di accoglien­za, ad Arte­na il 19 Mar­zo e a Cori il 26, sono servite per appro­fondire la conoscen­za tra Gemel­li Diver­si, due scuole di bandiera, dif­fer­en­ti tra loro. Gui­dati dai Pres­i­den­ti, Ange­lo Pianel­li e Vito Notar­fon­so, e dai Diret­tori Artis­ti­ci, Andrea Pis­til­li e Mat­teo Ric­cel­li, i ragazzi han­no sper­i­men­ta­to le rec­i­proche pecu­liar­ità ed appre­so le carat­ter­is­tiche di cias­cu­na tradizione. Tipic­ità, storiche e tec­niche, che in buona sostan­za sca­tur­iscono dal mate­ri­ale dell’asta, in leg­no quel­la corese, con drap­po dip­in­to e cuci­to a mano, uni­ca in Italia, in fibra di car­bo­nio e piom­bata l’altra.

La vig­ilia di Pasqua inoltre è sta­to inau­gu­ra­to pres­so la sede dei Rioni il lab­o­ra­to­rio di ori­en­ta­men­to al lavoro Un pri­mo incon­tro con il futuro: Il cur­ricu­lum vitae’, tenu­to da Mar­co De Cave e Francesco Zar­al­li e riv­olto ai gio­vani dell’associazione, che han­no rispos­to in tan­ti all’appello dei Rioni, i pri­mi ad avviare sul ter­ri­to­rio anche un Prog­et­to Gio­vani, fonda­to sull’educazione com­p­lessi­va del­la per­sona, oltre che su un’attenta prat­i­ca sporti­va. Al ter­mine del­la pri­ma lezione un buf­fet a Km 0 a base di prodot­ti locali.

I parte­ci­pan­ti seguiran­no una set­ti­mana di for­mazione sulle tec­niche di ricer­ca del lavoro, sia online che offline; sul­la val­u­tazione delle pro­prie atti­tu­di­ni e delle com­pe­ten­ze trasver­sali acquisite; su come redi­gere un CV, di cui è sta­to con­seg­na­to un mod­el­lo da aggiornare sec­on­do quan­to impara­to durante il cor­so. L’esperienza ver­rà ripetu­ta ad Otto­bre, spo­stan­do l’attenzione sul pro­gram­ma di mobil­ità gio­vanile Eras­mus e allargan­do la platea a tut­ti i gio­vani di Cori e Giulianello.