Velletri – Greci (Live) sui rifiuti: ‘Febbraio è passato, va presa una decisione”

Velletri – Greci (Live) sui rifiuti: ‘Febbraio è passato, va presa una decisione”

21/03/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1660 volte!

Greci-aula-consiliareVel­letri – Gre­ci (Live) sui rifiu­ti: ‘Feb­braio è pas­sato, va pre­sa una deci­sione”

A 3 mesi dal con­siglio comu­nale chiam­a­to a recepire quan­to dedot­to dal­la Com­mis­sione spe­ciale da lui pre­siedu­ta il capogrup­po del­la Lista Live, Gior­gio Gre­ci, tor­na a dire la sua sul fronte delle politiche dei rifiu­ti, sol­lecitan­do i ver­ti­ci comu­nali ad un’ac­cel­er­azione che ten­ga fede ai proposi­ti col quale si chiuse quel­la sedu­ta con­sil­iare, nelle bat­tute finali del­la quale ci si impeg­nò a tornare nel­l’aula con­sil­iare entro la fine di feb­braio.

“Cre­do che, al di là delle buone inten­zioni, che sono cer­to ani­mi­no tut­ti, sia nec­es­sario evitare cer­ti procla­mi se non si è poi in gra­do di rispet­tar­li, adoperan­dosi mag­gior­mente al rispet­to dei pro­pri impeg­ni. Dal­la data pre­fis­sa­ta sono pas­sati già diver­si giorni e nul­la trapela in tal sen­so. L’aus­pi­cio — dichiara Gre­ci — è che non ci si ritro­vi ad agire in emer­gen­za e si torni presto in aula dis­quisendo civil­mente su una tem­at­i­ca così impor­tante, fer­mo restante il ruo­lo che dovrà recitare una Regione che, in maniera colpev­ole, anco­ra non appro­va il Piano dei Rifiu­ti”.

Tiran­dosi fuori dalle ster­ili polemiche che in queste ultime set­ti­mane sono divam­pate in cit­tà, Gre­ci si riv­olge all’Am­min­is­trazione, invi­tan­dola a “chiarire per­en­to­ri­a­mente quale ind­i­riz­zo voglia pren­dere sul­la ges­tione dei rifiu­ti, pren­den­do atto delle con­clu­sioni del­la Com­mis­sione da me pre­siedu­ta, che ave­va sanci­to, in maniera inequiv­o­ca­bile, tramite l’ausilio di esper­ti, l’inop­por­tu­nità di un Impianto di diges­tione aner­o­bi­ca dei rifiu­ti, da sos­ti­tuir­si con una ges­tione fon­da­ta sul­la com­parte­ci­pazione del Com­postag­gio di Comu­nità e del com­postag­gio domes­ti­co obbli­ga­to­rio per i cit­ta­di­ni che abi­tano fuori dal­la cin­ta urbana”. 

L’aus­pi­cio, al soli­to, è che preval­gano gli inter­es­si del­la col­let­tiv­ità e che la sal­va­guardia del­la salute dei cit­ta­di­ni e la tutela del­l’am­bi­ente siano i car­di­ni che toc­cher­an­no le corde del­la coscien­za di chi – con­clude Gre­ci — sarà chiam­a­to a decidere in favore di un futuro più ecososteni­bile”.