MARINO‑S.MARIA DELLE MOLE. ALL’ASSEMBLEA COMUNISTA, CHIAREZZA DAI PROTAGONISTI DEL CENTROSINISTRA: UNITA’

MARINO‑S.MARIA DELLE MOLE. ALL’ASSEMBLEA COMUNISTA, CHIAREZZA DAI PROTAGONISTI DEL CENTROSINISTRA: UNITA’

21/03/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2716 volte!

MARINO‑S.MARIA DELLE MOLE. ALL’ASSEMBLEA COMUNISTA, CHIAREZZA DAI PROTAGONISTI DEL CENTROSINISTRA: UNITA’. 

Ste­fano  Ender­le ha aper­to l’assemblea comu­nista ringrazian­do gli ospi­ti, tut­ti di pre­gio e tut­ti apprez­za­ti nei loro con­tribu­ti. Il vice­seg­re­tario comu­nista ha ricorda­to come sia sta­to un grande impeg­no, quel­lo uni­tario, corianoPCI2ol quale i comu­nisti di Mari­no han­no carat­ter­iz­za­to la pro­pria inizia­ti­va fin dall’esperienza delle ammin­is­tra­tive di Albano. Dove ha vin­to l’unità, ha vin­to il cen­trosin­is­tra, han­no vin­to i comu­nisti col loro con­trib­u­to attuale a gov­ernare la cit­tà gra­zie ad un con­sigliere e ad un assessore.

Con questo stes­so spir­i­to è inter­venu­to il seg­re­tario, Mau­r­izio Aver­sa, che ha ricorda­to come l’opzione attuale di giun­gere a ques­ta grande unità del cen­trosin­is­tra ampio, si deb­ba al ruo­lo deter­mi­nante di Sel e di Lib­er­azione in Cor­so che tramite l’accoglimento del­la pro­pos­ta uni­taria avan­za­ta dai comu­nisti, ha con­sen­ti­to di giun­gere ad un raf­forza­men­to da quel­lo può essere defini­to un polo di sin­is­tra in ques­ta coal­izione. E, suc­ces­si­va­mente al cor­ag­gioso, gius­to e altret­tan­to deter­mi­nante ruo­lo del PD con la pro­pria scelta di rin­un­cia­re alle pri­marie. Di fat­to, fautri­ci, in ques­ta fase, solo di divi­sione nel cen­trosin­is­tra. In più, ha ricorda­to il seg­re­tario comu­nista, ques­ta assem­blea che nasce dopo il con­fron­to e le deci­sioni con­di­vise di riu­nione del comi­ta­to diret­ti­vo e dell’attivo di par­ti­to, vede chiara­mente già espresse in questi giorni, in cui si sta redi­gen­do il pro­gram­ma, già linee chiare, scelte fon­da­men­tali, appun­to pro­gram­matiche, per il gov­er­no del­la cit­tà. Pro­prio come ha già trac­cia­to in pub­bli­co il can­dida­to Ori­ano De Luca. Can­dida­to che noi defini­amo e riconos­ci­amo come figlio dell’alveo del­la cul­tura di sin­is­tra, social­ista e comu­nista che nel­la sto­ria di Mari­no ha sem­pre dato buone ammin­is­trazioni. Del resto, ha ter­mi­na­to Aver­sa, l’unità che andi­amo a ren­dere vis­i­bile alla cit­tà, ha già acquisi­to il pri­mo obi­et­ti­vo comune: cac­cia­re la destra da Palaz­zo Colon­na per­ché gen­er­a­trice di guasti, di cat­ti­va ges­tione di abbas­sa­men­to del liv­el­lo di legal­ità nel­la città.

Ha quin­di pre­so la paro­la Faus­to Bas­sani, del­e­ga­to PD che sen­za mezzi ter­mi­ni, ha ricorda­to politi­ca­mente come il pas­so indi­etro del PD è sta­ta una scelta con­sapev­ole per­ché era ed è l’unico modo per met­tere insieme il mag­gior numero di forze ed energie a dis­po­sizione di un prog­et­to demo­c­ra­ti­co ambizioso. Ripren­dere il gov­er­no del­la cit­tà, trac­cia­re un chiaro pro­gram­ma di cen­trosin­is­tra, puntare forte sull’unità di queste forze sane che sono a dis­po­sizione dei cittadini.

Orgoglio e dig­nità per la cit­tà e per i mari­ne­si, è sta­ta la sot­to­lin­ea­tu­ra di Ori­ano De Luca, can­dida­to sin­da­co del­la coal­izione di cen­trosin­is­tra. Per­ché c’è una anal­isi che quel­la di denun­cia già fat­ta dai comu­nisti e che è con­di­visa; c’è una rispos­ta polit­i­ca per approntare alleanze e forme per la pro­pos­ta ai cit­ta­di­ni; e c’è una rispos­ta che com­in­cia d’ora in avan­ti nel pro­porre, pez­zo per pez­zo, ad ogni sin­go­lo cit­tadi­no, le buone soluzioni che sal­va­guardano l’interesse col­let­ti­vo e di tut­ti i cit­ta­di­ni. A com­in­cia­re dalle ques­tioni del­la sal­va­guardia ambi­en­tale, a quelle del­la pro­tezione e degli inter­ven­ti per le fasce deboli del­la soci­età. Ringrazio la coal­izione che sa che può con­tare sul­la mia dedi­zione e sul­la mia onestà. Di per­sona per bene, innanz­i­tut­to. Ringrazio la sin­is­tra che mi ha spin­to ver­so ques­ta scelta e il PD che ha accolto e caldeg­gia­to questo ruo­lo che porterò avan­ti con trasparen­za e dedi­zione. Ma soprat­tut­to, annun­cio fin d’ora che il mio appor­to non sarà quel­lo dell’uomo solo al coman­do. Ho una con­cezione ed una abi­tu­dine a lavo­rare in squadra, per la squadra: in questo sen­so vi dico, dico ai comu­nisti che voi sarete fon­da­men­tali nel­la costruzione del­la com­pagine che gov­ern­erà la cit­tà. Siete una delle colonne del­la squadra che abbi­amo mes­so in campo.

Con una grin­ta par­ti­co­lare, anche l’intervento di Eleono­ra Di Giulio, che ha rimar­ca­to molto come la lun­ga battaglia intrapre­sa negli anni, ha come obi­et­ti­vo quel­lo di aggredire la dev­as­tazione del ter­ri­to­rio che si è mostra­ta una cat­ti­va pro­pos­ta ammin­is­tra­ti­va. Così come in modo sim­i­le la nos­tra battaglia è fer­ma sul ritorno ad una piena legal­ità nelle cose di ammin­is­trazione ma anche nel­la vita del­la cit­tà. La nos­tra forza, il con­trib­u­to che Lib­er­azione dà a questo impeg­no è che siamo qui per fare squadra. Nes­suno di noi, anche se mal­iziosa­mente sol­let­i­cati da qual­cuno, ha mai espres­so alcun dub­bio cir­ca la soluzione, ad esem­pio, del­la scelta di chi dovesse guidare ques­ta coal­izione e ques­ta gov­er­no se i cit­ta­di­ni ci daran­no il con­sen­so che meri­ti­amo. Per noi tut­ti, davvero ogni per­sona, pote­va essere gui­da, Mirko, Ori­ano, Eleono­ra. La scelta è fat­ta: ora siamo uni­ti nel sosteg­no, fino alla vit­to­ria, affinchè pos­si­amo rius­cire nell’intento di fare pas­si avan­ti alla nos­tra città.

Mirko Lau­ren­ti, seg­re­tario di Sel, ha riven­di­ca­to tut­to l’impegno pro­fu­so, non scon­ta­to sul piano dell’iniziativa polit­i­ca; sul piano del­la ricer­ca dei car­di­ni pro­gram­mati­ci chiari; sul piano del­la indi­vid­u­azione dei sogget­ti e delle per­sone che saran­no chia­mate a ren­dere attua­bile una sana unità del cen­trosin­is­tra che serve a Mari­no. A Mari­no occorre che un gui­da come quel­la affi­da­ta a De Luca, sia sostanzi­a­ta di tan­ti con­tribu­ti tut­ti ind­i­riz­za­ti ver­so la dife­sa del ter­ri­to­rio, ver­so il ritorno alla piena legal­ità, ver­so la parte­ci­pazione dei cit­ta­di­ni alle scelte. Nonos­tante quel­lo che pen­sano alcu­ni pezzi del cen­trosin­is­tra – come Psi e Idv —  non è affat­to vero che esiste il cen­trosin­is­tra solo se foto­copia di quel­lo che sostiene il gov­er­no nazionale. E’ vero il con­trario che il cen­trosin­is­tra qui da noi, è sta­to sem­pre quel­lo ampio che abbi­amo conosci­u­to negli anni del­la buona ammin­is­trazione. Quin­di l’anomalia è cre­a­ta da chi non con­tribuisce oggi, non il contrario.

Raf­faele Del Cam­po, con un piglio meno mar­cata­mente politi­co, ma che ha sus­ci­ta­to molto inter­esse pos­i­ti­vo, è inter­venu­to pro­prio in rap­p­re­sen­tan­za di Noi Gio­vani per Mari­no. Ha volu­to sot­to­lin­eare come, la pro­pria assen­za di espe­rien­za speci­fi­ca nel cam­po di fre­quen­tazione polit­i­ca di forze o com­pe­tizioni; gli ha fat­to cogliere però, in questo las­so di tem­po durante il quale si è con­fronta­to con molti, la bon­tà del grup­po che si è cre­ato. Lo ha vis­to coeso, schi­et­to, aper­to al con­fron­to, trovan­do benis­si­mo le sue sen­si­bil­ità in questo ambi­ente di sin­is­tra che pun­ta sul­la parte­ci­pazione e il con­fron­to e non su per­son­al­is­mi o altri inter­es­si dif­fer­en­ti da quel­lo che è il bene comune.

Anche Gio­van­ni­no San­na, seg­re­tario del­la Fed­er­azione Comu­nista dei Castel­li romani ha por­ta­to un con­trib­u­to. Ha evi­den­zi­a­to come un po’ in tut­ti i Castel­li, i comu­nisti si stan­no ori­en­tan­do pro­prio nel tessere un rap­por­to sano col cen­trosin­is­tra, PD inclu­so, per­ché dove le forze e le scelte lo con­sentono è bene che noi parte­cip­i­amo al gov­er­no del­la cit­tà e non che ci iso­liamo dai prob­le­mi da risol­vere dei cit­ta­di­ni. Lo sti­amo facen­do ad Aric­cia, prob­a­bil­mente lo fare­mo a Gen­zano, abbi­amo avvi­a­to un dis­cor­so anche per i prossi­mi anni, e soste­ni­amo anche ques­ta scelta di Marino.

Infine ha pre­so la paro­la Luca Bat­tisti, seg­re­tario regionale dei Comu­nisti ital­iani. La soci­età, ha ril­e­va­to Bat­tisti, purtrop­po negli ulti­mi decen­ni ha imboc­ca­to una stra­da di indi­vid­u­al­is­mo e soli­tu­dine. Uno scon­tro perenne tra sin­goli che atom­iz­za la soci­età. La rende mil­iar­di di mol­e­cole che non ser­vono una all’altra, ma che sono una con­tro l’altra. E’ il con­trario di quel­lo che le forze di pro­gres­so, le forze demo­c­ra­tiche, le forze e le cul­ture e i val­ori del­la sin­is­tra e dei comu­nisti devono affer­mare. Sap­pi­amo che il dis­cor­so a liv­el­lo nazionale in questo momen­to ci divide. Ma noi non pos­si­amo nascon­dere le divi­sioni. Dob­bi­amo uti­liz­zarle per con­frontare le dif­feren­ze e ren­der­le, con l’uso del dial­o­go e del­la democrazia, utili a quelle fasce di popo­lazione a cui noi ci sen­ti­amo di dedi­car­ci da sem­pre: le fasce più deboli e sfrut­tate. Nel­la pro­pos­ta polit­i­ca e pro­gram­mat­i­ca di una scelta per il gov­er­no del­la cit­tà, come nel caso è la cit­tà di Mari­no, cer­ta­mente occorre un faro gui­da per poi seguirne la luce. Il faro gui­da è ques­ta coal­izione che avete scel­to. Il faro gui­da è ques­ta capac­ità che avete dimostra­to di met­tere a frut­to. Lo ha fat­to il Par­ti­to Demo­c­ra­ti­co con le chiaris­sime parole pro­nun­ci­ate e con gli atti che sono sta­ti adot­tati e l’impegno che ne segue come illus­tra­to da Faus­to Bas­sani. Lin­ea che, per un dial­o­go che ho potu­to ver­i­fi­care anche col seg­re­tario regionale del PD, ha la stes­sa por­ta­ta. Questo cen­trosin­is­tra imposta­to qui a Mari­no è quan­to di gius­to va fat­to per la cit­tà. Allo stes­so modo ringrazian­do per la forza delle idee, dei con­tribu­ti espres­si da Sel e da Lib­er­azione come dagli altri, mi sen­to di riv­ol­ger­mi con sicurez­za a Ori­ano De Luca e chia­mar­lo com­pag­no De Luca. Per­ché se le anal­isi con­di­vise che ho ascolta­to sono alla base del vostro agire, se le scelte pro­gram­matiche illus­trate sono chiare per la pro­pos­ta di gov­er­no, è chiaro che il por­ta­to politi­co che state met­ten­do in cam­po è quel­lo del­la espe­rien­za del­la sin­is­tra e del cen­trosin­is­tra al gov­er­no nelle buone ammin­is­trazioni. Questo vogliamo per Mari­no. Per questo, con­tinuiamo l’impegno alla maniera dei comu­nisti: al lavoro e alla lot­ta com­pagne e compagni.

Quin­di l’assemblea ha approva­to la lin­ea adot­ta­ta dai comu­nisti mari­ne­si. Al Comi­ta­to Diret­ti­vo l’attuazione.