Basilicata presenta la candidatura a sindaco di Fara in Sabina

Basilicata presenta la candidatura a sindaco di Fara in Sabina

16/03/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 4156 volte!

Davide Basilicata

Davide Basil­i­ca­ta

Sala gremi­ta, per­sone in pie­di ed altre fuori dal­la sede dell’università agraria di Corese Ter­ra, a Fara in Sabi­na, per la con­feren­za stam­pa di pre­sen­tazione del­la can­di­datu­ra di Davide Basil­i­ca­ta, inten­zion­a­to a bis­sare il risul­ta­to del 2011 e restare alla gui­da del­la cit­tà. Si pre­sen­ta com­pat­to il grup­po di mag­gio­ran­za, raf­forza­to dal­la dimostrazione di affet­to di tan­ta gente comune che sen­za essere invi­ta­ta – non un man­i­festo e nem­meno un volan­ti­no per pub­bli­ciz­zare l’incontro – si è pre­sen­ta­ta spon­tanea­mente per dare ideal­mente una spin­ta alla vola­ta del pri­mo cit­tadi­no in car­i­ca.

«Sen­to intorno a me la volon­tà comune di pros­eguire ques­ta espe­rien­za – esor­disce Davide Basil­i­ca­ta – rac­cogliere la sfi­da da gio­care insieme per vin­cere anche il sec­on­do tem­po del­la par­ti­ta del­la vita: il futuro di Fara in Sabi­na. Nel pri­mo tem­po – dichiara il sin­da­co di Fara in Sabi­na – abbi­amo ered­i­ta­to una cit­tà dis­as­tra­ta, che non era deg­na di essere chia­ma­ta tale per come è sta­ta mal ammin­is­tra­ta negli ulti­mi decen­ni. Abbi­amo pre­so per mano Fara in Sabi­na e, gra­zie ad una riv­o­luzione dolce dura­ta cinque anni, è tor­na­ta a pot­er­si fre­gia­re dell’identità di cit­tà; l’abbiamo por­ta­ta ad un liv­el­lo di qual­ità del­la vita net­ta­mente supe­ri­ore a come era nel 2011. Oggi – annun­cia Basil­i­ca­ta – parte la cor­sa per il sec­on­do tem­po di ques­ta par­ti­ta, il tem­po in cui noi lancer­e­mo defin­i­ti­va­mente Fara in Sabi­na, le dare­mo una prospet­ti­va di futuro, la fare­mo decol­lare par­tendo da prog­et­ti con­creti. Dove­va essere una con­feren­za stam­pa – chiosa – invece è sta­to un bag­no di fol­la. Una parten­za entu­si­as­mante insieme a tan­ti cit­ta­di­ni che vogliono andare avan­ti e non tornare indi­etro».