“Il gusto dal sapore antico” di Cori al “Pitti Taste Firenze”

“Il gusto dal sapore antico” di Cori al “Pitti Taste Firenze”

13/03/2016 0 Di Marco Castaldi

Hits: 7

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2385 volte!

viviana agnoni con nazzareno e romualdo guidi‘Il gus­to dal sapore anti­co’ delle prim­izie dell’Azienda Agri­co­la Agnoni di Cori è pre­sente all’XI edi­zione del ‘Pit­ti Taste Firen­ze’ (12–14 Mar­zo), il salone delle eccel­len­ze del gus­to e del food lifestyle ideato dal Gas­tro­nau­ta Davide Paoli­ni. Il salot­to ital­iano del man­gia­re bene, annuale pun­to di rifer­i­men­to inter­nazionale dell’alta gas­trono­mia di qual­ità e del pub­bli­co food­ies, è real­iz­za­to  in col­lab­o­razione con Pit­ti Immagine.

Tra le 346 aziende scelte per rap­p­re­sentare il meglio delle pro­duzioni di tutte le regioni d’Italia, c’è anche la Famiglia Agnoni di Cori, che ha por­ta­to alla Stazione Leopol­da la pro­pria sec­o­lare espe­rien­za nel­la colti­vazione del­la ter­ra, nel­la trasfor­mazione dei suoi frut­ti e nel­la loro con­ser­vazione. Un’arte culi­nar­ia tra­man­da­ta con dedi­zione e rin­no­va­ta con sapien­za, nel pieno rispet­to del­la natu­ra e dei suoi rit­mi, per riportare sul­la tavola i cibi gen­ui­ni di una volta.

Per tre giorni i rap­p­re­sen­tan­ti dell’impresa corese a con­duzione famil­iare pro­por­ran­no, rac­con­ter­an­no e offriran­no in degus­tazione le spe­cial­ità del­la casa alle migli­a­ia di vis­i­ta­tori, in uno spe­ciale spazio espos­i­ti­vo: ortag­gi sott’olio (car­ciofi romani, melan­zane, pomodori, cipolle bal­samiche, funghi champignon, zuc­chine, cap­peri, peper­oni); paté di ortag­gi; olive in salam­oia; vino bian­co e rosso; prodot­ti spe­ciali come olii aro­m­a­tiz­za­ti, prodot­ti ess­ic­cati, miele e con­fet­ture di frutta.

Un even­to uni­co, che guar­da al cibo da una prospet­ti­va del tut­to par­ti­co­lare, nel quale gli Agnoni sono com­ple­ta­mente a loro agio. Per­ché si par­la di prodot­ti legati al ter­ri­to­rio, in una veste “modaio­la” per togliere all’agroalimentare quel­la pati­na “da sagra di paese” che spes­so l’accompagna: il cibo si mette l’abito delle gran­di occa­sioni e si pre­sen­ta in modo accat­ti­vante, per­ché ciò che è buono da man­gia­re deve essere anche bel­lo da vedere.