Il made in Cori alla Notte Italiana di Cracovia

Il made in Cori alla Notte Italiana di Cracovia

11/03/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1955 volte!

cracovia notte2Mart­edì 15 Mar­zo le eccel­len­ze del ter­ri­to­rio di Cori saran­no pro­tag­o­niste del­la Notte Ital­iana, inizia­ti­va orga­niz­za­ta dall’Istituto Ital­iano di Cul­tura di Cra­covia, nell’ambito degli even­ti cul­tur­ali di pro­mozione e dif­fu­sione del­la lin­gua e del­la cul­tura ital­iana in Polo­nia. Una vet­ri­na pro­mozionale impor­tante per la Cit­tà di Cori, con­sideran­do solo che Cra­covia con­ta ben oltre mez­zo mil­ione di abi­tan­ti, di cui seim­i­la par­lano italiano.

Il Sin­da­co Tom­ma­so Con­ti e la Del­e­ga­ta al’Agricoltura Sab­ri­na Pis­til­li saran­no ospi­ti del Diret­tore dell’Istituto Ital­iano di Cul­tura di Cra­covia, dott. Ugo Rufi­no. Il Sin­da­co e il Diret­tore ave­vano già avu­to modo di incon­trar­si a Gen­naio, gra­zie alla preziosa opera di inter­me­di­azione dell’ex Sin­da­co di Cori Pietro Vitel­li, atten­to conosc­i­tore del­la Polo­nia. In quell’occasione il dott. Rufi­no ave­va riv­olto l’invito al Comune di Cori a rap­p­re­sentare il Lazio nel­la Notte Ital­iana con le sue tipic­ità. All’incontro parteciper­an­no rap­p­re­sen­tan­ti del­la Cam­era di Com­mer­cio di Cra­covia e dell’imprenditoria locale.

Dopo il tavo­lo coor­di­na­to nei giorni scor­si dall’Assessorato alle Attiv­ità Pro­dut­tive e dal­la locale Pro Loco, a Cra­covia ver­rà pre­sen­ta­ta una ric­ca rap­p­re­sen­tan­za del Made in Cori. Saran­no esposte le guide stori­co-cul­tur­ali e proi­et­tati video e fil­mati del paese, con i suoi mon­u­men­ti, fra cui i due Mon­u­men­ti Nazion­ali Tem­pio di Ercole e Chiesa dell’Annunziata e il Mon­u­men­to Nat­u­rale Lago di Giu­lianel­lo, e il suo folk­lore inter­nazionale, incar­na­to nei tre grup­pi di sbandier­a­tori, nel­la Com­pag­nia di Danze Rinasci­men­tali Tres Lusores e nel Coro dei can­ti con­ta­di­ni delle Donne di Giulianello.

Spazio anche agli spet­ta­co­lari pilas­tri estivi, il Carosel­lo Stori­co dei Rioni di Cori e il Latium World Folk­loric Fes­ti­val. Non mancherà l’enogas­trono­mia di qual­ità, conosci­u­ta ed apprez­za­ta in tut­to il mon­do, Polo­nia com­pre­sa. Nell’ex cap­i­tale polac­ca, oggi prin­ci­pale cen­tro cul­tur­ale, artis­ti­co ed uni­ver­si­tario del Paese, le degus­tazioni di prodot­ti nos­trani spazier­an­no dall’olio al vino, pas­san­do per i dol­ci, i salu­mi, lo zaf­fer­a­no e l’agroalimentare.