Giulianello di Cori: IV edizione della la Scuola del Canto della Passione e dei Canti Contadini

Giulianello di Cori: IV edizione della la Scuola del Canto della Passione e dei Canti Contadini

25/02/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1302 volte!

CORO DONNE DI GIULIANELLOPer il quar­to anno con­sec­u­ti­vo tor­na la scuo­la del Can­to del­la Pas­sione e dei Can­ti Con­ta­di­ni di Giu­lianel­lo. Le lezioni inizier­an­no ven­erdì 26 Feb­braio pres­so la scuo­la ‘Sal­va­tore Mar­che­t­ti’ e coin­vol­ger­an­no la mat­ti­na gli alun­ni del­la sec­on­daria di pri­mo gra­do. Il pomerig­gio invece, alle 17:30, pres­so la sede dell’ASBUC, ci sarà in pri­mo incon­tro tem­ati­co aper­to alla cit­tad­i­nan­za. Sia il cor­so che le riu­nioni pros­eguiran­no per quat­tro ven­erdì con­sec­u­tivi. Gli stu­den­ti parte­ci­pan­ti accom­pa­g­n­er­an­no il Coro delle Donne di Giu­lianel­lo durante la tradizionale pro­ces­sione del Ven­erdì San­to (25 Mar­zo) per le strade dell’antico bor­go.

Dopo il debut­to del­lo scor­so anno nel­la pri­maria ‘Don Sil­ve­stro Radic­chi’, si rin­no­va il prog­et­to dell’ASBUC di Giu­lianel­lo, accolto dall’Istituto Com­pren­si­vo Statale ‘Cesare Chiom­into’ e real­iz­za­to gra­zie alla disponi­bil­ità di alcu­ni inseg­nan­ti che met­tono a dis­po­sizione alcune delle loro ore cur­ric­u­lari. La tap­pa sco­las­ti­ca è fon­da­men­tale nel per­cor­so di dif­fu­sione del­la cul­tura con­tad­i­na giu­lianese tra le gio­vani gen­er­azioni, avvi­a­to negli anni ’70 dall’Avv. Raf­faele Mar­che­t­ti ed impor­tante momen­to di con­di­vi­sione di quel­lo che gli esper­ti definis­cono come un raro esem­pio di can­to polivo­cale e par­al­i­tur­gi­co. Ciò con­sen­tirà di esten­dere l’apprendimento dei can­ti con­ta­di­ni alla sto­ria e alla cul­tura locale.

Il Can­to del­la Pas­sione è un can­to antichissi­mo a cui si sono inter­es­sati i più gran­di conosc­i­tori di lin­guis­ti­ca ed etno­mu­si­colo­gia, cus­todi­to perfi­no a Pari­gi, nel Cen­tre Pom­pi­dou, come una delle tes­ti­mo­ni­anze più rare e preziose del­la musi­ca con­tad­i­na. Un can­to lega­to a tradizioni remote, a lun­go tra­manda­to oral­mente dalle donne che lavo­ra­vano nei campi. Inten­sa­mente e dram­mati­ca­mente rap­p­re­sen­ta­ti­vo di quel cantare con­tadi­no che ha seg­na­to l’identità del ter­ri­to­rio ed emblem­ati­co di quel­la pietà popo­lare che si trasmette nei sec­oli e vede nelle donne un seg­no pen­iten­ziale sig­ni­fica­ti­vo.

Un can­to into­na­to da voci fem­minili soliste che si alter­nano, con un coro che risponde. Il coro delle Donne di Giu­lianel­lo è cos­ti­tu­ito da con­ta­dine, deten­tri­ci del­la memo­ria orale di un’antica comu­nità, che quo­tid­i­ana­mente scan­dis­cono le pro­prie attiv­ità can­tan­do con quel­la sem­plic­ità e spon­taneità che le carat­ter­iz­za. Un grup­po che ad oggi van­ta un ric­co reper­to­rio e si esi­bisce su impor­tan­ti pal­cosceni­ci nazion­ali ed inter­nazion­ali.