FIUMICINO: È BATTAGLIA TRA AMMINISTRAZIONE E OPPOSIZIONE SUL DESTINO DEI CANI RANDAGI

FIUMICINO: È BATTAGLIA TRA AMMINISTRAZIONE E OPPOSIZIONE SUL DESTINO DEI CANI RANDAGI

25/02/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3076 volte!

CANI RANDAGIFIUMICINO: È BATTAGLIA TRA AMMINISTRAZIONE E OPPOSIZIONE SUL DESTINO DEI CANI RANDAGI

BANDO CANILI, MONTINO: “PROCEDURE DI GARA VANNO RISPETTATE, CI SARÀ PUNTUALE VERIFICA SU REQUISITI VINCITORE”

In mer­i­to alla rac­col­ta di firme e alle polemiche soll­e­vate sul ban­do pub­bli­co per l’aggiudicazione del servizio di “ricovero, assis­ten­za, cus­to­dia, man­ten­i­men­to e assis­ten­za vet­eri­nar­ia dei cani e gat­ti cat­turati sul ter­ri­to­rio comu­nale” il sin­da­co di Fiu­mi­ci­no Esteri­no Mon­ti­no pre­cisa quan­to segue: “L’Amministrazione comu­nale ha ritenu­to e ritiene che non ci deb­bano essere più affi­da­men­ti diret­ti sen­za gare di evi­den­za pub­bli­ca, fat­ta eccezione per pro­roghe tec­niche legate allo svol­gi­men­to e alla con­clu­sione delle gare d’appalto.
Il ban­do in ques­tione è sta­to emana­to il 21 otto­bre 2015 con un capi­to­la­to pub­bli­ca­to sul­la Gazzetta e sui siti pre­visti e sen­za che nes­suno soll­evasse eccezioni sul con­tenu­to del capi­to­la­to e del dis­ci­pli­nare, anche per­ché i con­tenu­ti prevede­vano una serie di pun­teg­gi rel­a­tivi allo stress degli ani­mali, alla pos­si­bil­ità di super­vi­sione da parte degli oper­a­tori, etc. Ban­do che si alle­ga al comu­ni­ca­to.
La gara si è con­clusa con la pre­sen­tazione di due offerte. In base alle pro­ce­dure d’appalto si è cos­ti­tui­ta una com­mis­sione tec­ni­ca per pren­dere in esame la qual­ità di queste offerte, affi­dan­do dei pun­teg­gi pre­visti dal ban­do in base al con­tenu­to e alla qual­ità dei prog­et­ti pre­sen­tati dalle due ditte parte­ci­pan­ti all’avviso pub­bli­co. Attual­mente c’è un aggiu­di­catario che ha ottenu­to il pun­teg­gio mag­giore. Non siamo all’atto con­clu­si­vo del pro­ced­i­men­to di evi­den­za pub­bli­ca di affi­da­men­to di un con­trat­to pub­bli­co di lavori, servizi o for­ni­ture. Tant’è che, a oggi, non c’è un con­trat­to stip­u­la­to tra la Pub­bli­ca Ammin­is­trazione e il sogget­to vinci­tore del ban­do. Infat­ti, sul­la base del­la nor­ma­ti­va esistente, pri­ma di essere con­trat­tual­iz­za­ta, la gara d’appalto deve essere pun­tual­mente ver­i­fi­ca­ta dall’ufficio inter­es­sato, in modo da con­trol­lare la veridic­ità di quan­to affer­ma­to nel pro­ced­i­men­to, per con­trol­lare, tra l’altro, anche qual­ità delle strut­ture e req­ui­si­ti richi­esti, con­sen­ten­do per­al­tro, a chi ne avesse l’interesse, di pre­sentare even­tu­ali ricor­si pre­visti dal­la nor­ma­ti­va esistente. Per ulti­mo, ma cer­ta­mente non meno impor­tante, il Comune di Fiu­mi­ci­no è e sarà sem­pre dal­la parte di chi difende i dirit­ti degli ani­mali. C’è un Asses­so­ra­to ded­i­ca­to, un uffi­cio pre­pos­to, un numero uni­co di assis­ten­za e sal­va­guardia 24h su 24, spi­agge per gli ami­ci a quat­tro zampe, il divi­eto asso­lu­to di orga­niz­zare sul ter­ri­to­rio comu­nale inizia­tive che riguardi­no lo sfrut­ta­men­to a qual­si­asi tito­lo degli ani­mali e un’attività polit­i­ca e ammin­is­tra­ti­va di grande sen­si­bil­ità e atten­zione su un tema strate­gi­co per questo Comune. Tant’è che, in due anni e mez­zo, da 92 cani ricoverati nel canile con­ven­zion­a­to siamo pas­sati a 39 nel 2016, con un trend annuale di adozioni in con­tin­uo aumen­to. E questo gra­zie anche a una polit­i­ca vir­tu­osa di sgravi e a un rap­por­to pos­i­ti­vo con le asso­ci­azioni che si occu­pano del benessere e del­la salute degli ani­mali. Ma, det­to questo, va sem­pre chiar­i­to un prin­ci­pio ine­ludi­bile: il rispet­to delle pro­ce­dure di affi­da­men­to delle gare di appal­to deve essere sem­pre rig­orosa­mente rispet­ta­to”.

COMUNE MANDA ANIMALI NELLA TERRA DEI FUOCHI 

Ormai è chiaro, dietro l’animalismo di fac­cia­ta di ques­ta ammin­is­trazione si nasconde un’altra ver­ità. Ieri il numero verde: 20mila euro per 13 mesi. Oggi l’assegnazione del ban­do per il ricovero dei randa­gi che saran­no ‘ospi­tati’ in provin­cia di Caser­ta, nel­la Ter­ra dei Fuochi, 5 ore da qui. Mi chiedo quale uman­ità ci sia a prel­e­vare in piena estate dei poveri ani­mali e costringer­li a un viag­gio del genere che somiglia tan­to a una crudele depor­tazione.

Per questo appog­gio la battaglia di tutte quelle asso­ci­azioni di vero volon­tari­a­to, che si sono sem­pre messe a dis­po­sizione gra­tuita­mente di ques­ta ammin­is­trazione, e chiedo di annullare imme­di­ata­mente l’assegnazione del ban­do e pre­dis­porne uno nuo­vo che con­tenga clau­sole più rigide. La vic­i­nan­za del luo­go per esem­pio, cosa che eviterebbe agli ani­mali di essere trasportati a Caser­ta in un canile ogget­to anche di una inchi­es­ta gior­nal­is­ti­ca di un noto quo­tid­i­ano nazionale il 26 gen­naio scor­so. E per­me­t­terebbe al Comune di pot­er con­trol­lare in maniera più appro­fon­di­ta e diret­ta le con­dizioni dei randa­gi ospi­tati, ver­i­f­i­can­do anche che vengano effet­ti­va­mente affi­dati.

Ques­ta ammin­is­trazione evi­ti di nascon­der­si dietro la neces­sità di ‘rispettare l’esito delle gare’. Non mi pare che sia sta­ta così ligia in altre materie dove le asseg­nazioni, anche molto cospicue, sono state dirette. In quel caso la gara non era nec­es­saria?

Lo dichiara il con­sigliere comu­nale Mau­ro Gonnel­li 

SCARICA LA GARA D’APPALTO E LA DISCIPLINARE DELL’AFFIDAMENTO:

  Comune di Fiu­mi­ci­no: Capi­to­la­to D’Ap­pal­to CIG 6377670BC4 Assis­ten­za e cus­to­dia cani e gat­ti randa­gi
» 282,5 KiB — 25/02/2016

  Comune di Fiu­mi­ci­no: Dis­ci­pli­nare di Gara per cus­to­dia cani e gat­ti randa­gi
» 718,6 KiB — 25/02/2016
CIG 6377670BC4

Con­di­vi­di:
error14
fb-share-icon0
Tweet 20
fb-share-icon20