Affile: FDI torna a riproporre la tomba monumentale a Graziani, gerarca fascista

Affile: FDI torna a riproporre la tomba monumentale a Graziani, gerarca fascista

25/02/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2114 volte!

MUSEOAFFILE, RIGHINI (FDI) SULMUSEO DEL SOLDATO’: ‘INACCETTABILE RIVENDICARE PRETESTI IDEOLOGICI PER ATTI AMMINISTRATIVI IMPECCABILI

E’ sta­to anco­ra una vol­ta Gian­car­lo Righ­i­ni, capogrup­po regionale di Fratel­li d’I­talia, ad accen­dere i riflet­tori sul­la “incon­cepi­bile battaglia por­ta­ta avan­ti dal­l’Am­min­is­trazione regionale per la revo­ca del finanzi­a­men­to per il ‘Museo al Solda­to’ di Affile, inti­to­la­to alla memo­ria di Rodol­fo Graziani”. Il con­sigliere di Fdi, durante l’ul­ti­ma sedu­ta con­sil­iare, ha nuo­va­mente inter­roga­to la Giun­ta regionale per capire come inten­desse “con­clud­ere l’in­tera fac­cen­da, vis­to che vi era sta­ta una delib­era in cui si era inte­so revo­care il finanzi­a­men­to, delib­era poi ogget­to di impug­na­ti­va al Tar da parte del Comune”.
“La Regione — ha dichiara­to — non ha alcun tito­lo per riven­di­care certe somme ed è inac­cetta­bile che siano sta­ti appli­cati pretesti di carat­tere ide­o­logi­co rispet­to ad atti ammin­is­tra­tivi che il Comune di Affile ha por­ta­to avan­ti in maniera impec­ca­bile”.
“Quel­la di oggi — ha aggiun­to — era l’oc­ca­sione per met­tere una pietra tombale sul­la vicen­da, vis­to che, nonos­tante le reit­er­ate man­i­fes­tazioni del­l’An­pi, le somme sono state spese cor­ret­ta­mente, ren­di­con­tate al cen­tes­i­mo e cer­tifi­cate pun­tual­mente”.
Righ­i­ni ha poi ricorda­to come “gli even­tu­ali inter­es­si per ritarda­to paga­men­to e per gli oneri derivan­ti da un ulte­ri­ore con­tenzioso ammin­is­tra­ti­vo andreb­bero a pale­sare l’ipote­si di dan­no erar­i­ale. Se con­tin­uerete a riven­di­care queste cifre in sede civile — ha con­clu­so il capogrup­po di Fratel­li d’I­talia riv­ol­gen­dosi ai banchi del­la Giun­ta Zin­garet­ti — sarò io stes­so a pre­dis­porre gli atti da inviare alla Corte dei Con­ti”.