Grottaferrata: Nasce il progetto SportivaMente-Abile rivolto ai ragazzi disabili

Grottaferrata: Nasce il progetto SportivaMente-Abile rivolto ai ragazzi disabili

18/02/2016 0 Di Federico Ghera

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 6949 volte!

LOCANDINA 

Un pro­gram­ma di dieci mesi per lo svilup­po fisi­co e l’inclusione sociale, approva­to e pro­mosso dal­l’Am­min­is­trazione comu­nale del­la cit­tad­i­na criptense.

L’Amministrazione di Grotta­fer­ra­ta, con Delib­er­azione del­la Giun­ta comu­nale numero 172 del 30.12.2015, ha approva­to il prog­et­to Sporti­va-Mente Abile, un per­cor­so arti­co­la­to di attiv­ità sportive com­ple­ta­mente gra­tu­ite riv­olte alle per­sone con dis­abil­ità o dis­a­gio sociale.

L’iniziativa, dal­la dura­ta com­p­lessi­va di dieci mesi, arri­va in un momen­to di par­ti­co­lare atten­zione al tema a segui­to degli avven­i­men­ti che han­no inter­es­sato l’Istituto Vil­lag­gio Lit­ta. L’attività, quin­di, rap­p­re­sen­ta anche l’occasione per rib­adire la neces­sità di tute­lare la salute e la dig­nità dei ragazzi con dis­abil­ità, attra­ver­so pro­gram­mi strut­turati e nuovi stru­men­ti mes­si a loro disposizione.L’obiettivo è quel­lo di pro­muo­vere il recu­pero fun­zionale e sociale, oltre a miglio­rare l’integrazione, coni­u­gan­do lo svilup­po fisi­co e cog­ni­ti­vo. Numerosi saran­no gli sport pro­posti: nuo­to, cal­cet­to, dan­za, ma anche equi­tazione, bowl­ing e drag­on boat. É sta­ta inoltre introdot­ta una nuo­va espe­rien­za chia­ma­ta “Sit­ting Vol­ley”, pallavo­lo da prati­care sedu­ti che rap­p­re­sen­ta un con­fron­to sporti­vo alla pari tra atleti dalle diverse abil­ità, in modo da raf­forzare tan­to l’inclusione sporti­va quan­to i rap­por­ti di ami­cizia. Pro­prio in vista di tale dis­ci­plina sono sta­ti acquis­ta­ti mate­ri­ali che per­me­t­ter­an­no di orga­niz­zare par­tite, in maniera con­tin­u­a­ti­va, sia all’aperto che nelle palestre.

Le attiv­ità sportive si svol­ger­an­no sia in strut­ture di Grotta­fer­ra­ta, come il Cam­po Sporti­vo comu­nale, il Palazzet­to del­lo Sport, il Cen­tro Sporti­vo “La Madon­nel­la”, la Pisci­na e il cam­po di cal­cet­to Hydro­cam­pus, che quelle ader­en­ti all’ATS “Polo Sporti­vo Inte­gra­to dei Castel­li Romani”. Si potran­no dunque prati­care anche pres­so il Lago di Albano-Cas­tel Gan­dol­fo, Il CIV “Cen­tro Ippi­co del Vivaro” di Roc­ca di Papa e in altri Cir­coli sportivi del Ter­ri­to­rio. Questo ampio prog­et­to, pro­mosso dall’Amministrazione comu­nale con il sup­por­to di Onlus AGENDA, Asso­ci­azione impeg­na­ta da tem­po nelle attiv­ità di inte­grazione sociale riv­olte a ragazzi con dis­abil­ità men­tali, è segui­to dagli Asses­sori Michela PALOZZI e Francesca Maria PASSINI.

Foto «Riten­go che ques­ta attiv­ità si riv­ol­ga, più di altre, pro­prio a tut­ti.» Ha com­men­ta­to l’Assessore PALOZZI, aggiun­gen­do: «Nel tem­po sarà mia cura pro­porre l’inserimento di nuove attrez­za­ture pres­so i nos­tri impianti sportivi, per miglio­rarne l’accesso a chi pre­sen­ta prob­lem­atiche psi­co­mo­to­rie. Riten­go impor­tante, per un’iniziativa in cresci­ta come ques­ta, il coin­vol­gi­men­to dei Comu­ni lim­itrofi, gra­zie ai quali sarà pos­si­bile esten­dere il prog­et­to e aumentare la parte­ci­pazione di ragazzi e famiglie». L’Assessore PASSINI, ha ritenu­to doveroso ricor­dare l’importanza del­la Delib­era: «Rius­cire ad avvic­inare i ragazzi ai loro part­ner nor­mod­otati, è indis­pens­abile per quel­la cul­tura dell’Inclusione che è alla base di ogni Servizio Sociale. La pos­si­bil­ità di affrontare obi­et­tivi a lun­go ter­mine, inoltre, si dis­cos­ta da analoghe pro­poste che si svol­go­no “una tan­tum”, per­me­t­ten­do una cresci­ta conc­re­ta ed un sosteg­no costante ai nuclei famil­iari dis­agiati». Inoltre, uno spe­ciale staff for­ma­to da Orga­niz­za­tori, Istrut­tori e Psi­colo­gi effettuerà un mon­i­tor­ag­gio durante tut­ta la dura­ta degli even­ti, val­u­tan­do le modal­ità di inter­ven­to sui des­ti­natari, le com­pe­ten­ze del per­son­ale coin­volto e la con­for­mità tra le risorse mate­ri­ali e finanziarie pre­dis­poste. Le man­i­fes­tazioni finali saran­no accom­pa­g­nate dalle pre­mi­azioni di ogni sin­go­lo atle­ta, attra­ver­so momen­ti di aggregazione sociale. Un’attività che risul­ta quin­di con­tin­u­a­ti­va e che per­me­t­terà, ai ragazzi che ne vor­ran­no ben­e­fi­cia­re, la pos­si­bil­ità di effet­tuare più di uno sport dif­fer­ente fino al prossi­mo anno. Lo scor­so 28 gen­naio, pres­so l’Aula Con­sil­iare del palaz­zo comu­nale, si è tenu­to un impor­tante incon­tro con le famiglie dei ragazzi, al quale han­no parte­ci­pa­to il pro­fes­sore Bia­gio BORTUNE, Pres­i­dente dell’Associazione Onlus AGENDA, la psi­colo­ga Manuela DELLERMA e gli Asses­sori. In ques­ta occa­sione sono state illus­trate le modal­ità per for­mu­la­re le domande di ade­sione.

Sporti­va­Mente-Abile è a tut­ti gli effet­ti un for­mat modella­bile e che può rap­p­re­sentare un esem­pio di inter­ven­to ammin­is­tra­ti­vo esporta­bile al di fuori del ter­ri­to­rio stes­so di Grotta­fer­ra­ta.