Marino, Comandini: centrosinistra sia discontinuo dal sistema di potere

Marino, Comandini: centrosinistra sia discontinuo dal sistema di potere

03/02/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2279 volte!

Marco Comandini

Mar­co Coman­di­ni

IL CENTROSINISTRA DEVE ESSERE DISCONTINUO DAL SISTEMA DI POTERE E DI ILLEGALITA’ DELLE DESTRE, NEI FATTI OLTRE CHE NELLE PAROLE.

Neanche un paio di mesi facen­do segui­to all’appello dei Sin­daci delle gran­di cit­tà che richia­ma­vano all’unione del cen­trosin­is­tra, per scon­fig­gere le destre, abbi­amo anche noi richiam­a­to ed aus­pi­ca­to in ogni nos­tro comu­ni­ca­to, la creazione di un tavo­lo di cen­trosin­is­tra, che non sia solo un mero stru­men­to di per arrivare tec­ni­ca­mente alle elezioni ma che sia anche una con­di­vi­sione di ide­ali e val­ori, un alter­na­ti­va allo sfas­cio di ammin­is­trazioni di destra che han­no por­ta­to il paese al bara­tro ed alla lac­er­azione del tes­su­to sociale. Occorre ridare dig­nità ad una cit­tà, c’è bisog­no di un oper­azione trasparen­za, di un ammin­is­trazione cred­i­bile, di dare un net­to taglio a ges­tioni pes­sime del­la cosa pub­bli­ca; per questo c’è urgen­za che chi abbia fat­to oppo­sizione in questi anni si assuma respon­s­abil­ità ben pre­cise, per chi si richi­a­mi con­vin­ta­mente al cen­trosin­is­tra, e cioè di trasfor­mare quell’opposizione in azione di gov­er­no, di tra­mutare le pro­poste di anni in fat­ti con­creti, di riportare la legal­ità ed il rispet­to delle regole come pun­to impre­scindibile di ogni polit­i­ca ed azione ammin­is­tra­ti­va. Di riv­ol­ger­ci ai cit­ta­di­ni sen­za scheletri nell’armadio ed opac­ità, di dare un forte seg­nale di dis­con­ti­nu­ità, dimostran­do di pot­er e saper ben ammin­is­trare nell’interesse col­let­ti­vo, di essere una classe diri­gente respon­s­abile, è il momen­to di dis­cutere se fare scelte comu­ni, se dare un futuro di lib­ertà, democrazia e svilup­po alla Cit­tà di Mari­no, o se cedere il pas­so nuo­va­mente alla destra o al pop­ulis­mo, o ad occordic­chi che l’elettorato mari­nese non capirà. Abbi­amo scel­to la stra­da dell’estrema chiarez­za inizian­do a met­tere in rete pun­ti pro­gram­mati­ci e la nos­tra pro­pos­ta di can­di­datu­ra, ci siamo occu­pati di prob­lem­atiche spin­ose come quelle dei con­tinui guasti idri­ci, degli allog­gi Ater in con­dizioni pes­sime, del­la Mul­ti­servizi in par­ti­co­lare del­la Net­tez­za Urbana, del deco­ro urbano e dei parchi comu­nali, argo­men­ti affrontati e non esaus­tivi del­la mole di “lavoro” svol­ta. Abbi­amo quin­di incon­tra­to centi­na­ia di cit­ta­di­ni ogni giorno, forse migli­a­ia, e molti di questi, e ci con­for­ta, ci soster­ran­no, ricer­can­do cred­i­bil­ità, onestà e soprat­tut­to con­cretez­za. Per tale moti­vo abbi­amo in queste set­ti­mane parte­ci­pa­to a pochi incon­tri, con par­ti­ti e forze civiche di cen­trosin­is­tra, ma con queste abbi­amo facil­mente con­corda­to i pun­ti essen­ziali di un pos­si­bile e futuro pro­gram­ma, abbi­amo sem­pre pub­bli­ca­mente mes­so in rete anche sin­teti­ca­mente i risul­tati di questi pos­i­tivi incon­tri, per dare un seg­nale di trasparen­za che vogliamo riportare come lin­ea di con­dot­ta gen­erale, ora però serve uno scat­to di reni affinché i con­fron­ti siano con tutte le forze che si richi­amino al cen­trosin­is­tra e che abbiano inten­zione di costru­ire insieme l’auspicato “tavo­lo” sen­za indu­gi, in totale chiarez­za. Per questo rite­ni­amo che non si pos­sa tem­poreg­gia­re oltre, è il momen­to del con­fron­to schi­et­to, alla luce del sole, per questo ci met­ti­amo a dis­po­sizione per essere coor­ga­niz­za­tori insieme ad altri di questo con­fron­to, sem­pre che altri ne ravvisi­no la neces­sità, per questo aus­pichi­amo che ogni forza polit­i­ca si espri­ma in mer­i­to.

Però rib­a­di­amo e per l’ennesima vol­ta, che noi siamo di cen­trosin­is­tra e con­dan­ni­amo sen­za se e sen­za ma quan­ti han­no gesti­to in questi 10 anni il Comune di Mari­no, e ci riv­ol­giamo alle forze che si richi­amino al cen­trosin­is­tra ed a tut­ti i cit­ta­di­ni liberi del­la nos­tra cit­tà, per una nuo­va Pri­mav­era per Mari­no.

Comu­ni­ca­to con­giun­to IDV, Lista dis­oc­cu­pati e pen­sion­ati, Una Cit­tà per tut­ti

 

Con­di­vi­di: