LAZIO. OK IN COMMISSIONE A DELIBERA AMPLIAMENTO AGEVOLAZIONI TRASPORTO

LAZIO. OK IN COMMISSIONE A DELIBERA AMPLIAMENTO AGEVOLAZIONI TRASPORTO

03/02/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2264 volte!

Convogli_Trasporti_di_NapoliLAZIO. OK IN COMMISSIONE A DELIBERA AMPLIAMENTO AGEVOLAZIONI TRASPORTO

La giun­ta regionale del Lazio intende ampli­are la platea dei ben­e­fi­cia­ri delle agevolazioni tar­if­farie sui servizi di trasporto pub­bli­co locale per il 2016. Lo schema di delib­er­azione è sta­to esam­i­na­to questo pomerig­gio dal­la com­mis­sione Ambi­ente, lavori pub­bli­ci, mobil­ità, politiche del­la casa e urban­is­ti­ca del Con­siglio regionale. L’or­gan­is­mo del­la Pisana, pre­siedu­to da Enri­co Panun­zi (Pd), ha espres­so parere favorev­ole all’unanimità, ma con osser­vazioni. Ora la delib­er­azione tor­na in giun­ta per l’esame e l’ap­provazione defin­i­tive.

Il lim­ite di red­di­to Isee per ben­e­fi­cia­re degli scon­ti sug­li abbona­men­ti annu­ali (Metre­bus e altri) sec­on­do lo schema che ha ottenu­to il via lib­era oggi passerà dai 23 mila euro del 2015 ai 25 mila pre­visti per il 2016. Per le mag­giori agevolazioni riconosciute alle cat­e­gorie più svan­tag­giate il lim­ite sarà fis­sato a 15 mila euro, sem­pre per red­di­to Isee (nel 2010 era a 10 mila euro). I ben­efi­ci, che van­no dal 30 per cen­to di agevolazione fino a mis­ure supe­ri­ori in ragione del numero di abbona­men­ti acquis­ta­ti, par­ti­co­lari con­dizioni famil­iari o di dis­a­gio sociale, saran­no con­ces­si “fino a con­cor­ren­za del­lo stanzi­a­men­to disponi­bile” in bilan­cio, pari a 11 mil­ioni e 500 mila euro per il 2006.

La com­mis­sione ha approva­to – a mag­gio­ran­za – un’osservazione da alle­gare al parere pro­pos­ta da Cris­tiana Ave­nali (Pd) “per dare incen­ti­vo alla mobil­ità sosteni­bile – ha det­to rifer­en­dosi a un ordine del giorno sul­lo smog approva­to durante la ses­sione di bilan­cio – e per favorire l’intermodalità”. Con essa si chiede alla giun­ta di inserire tra gli abbona­men­ti agevolati ris­er­vati a col­oro che possiedono i req­ui­si­ti pre­visti dal­lo schema di delib­er­azione anche quel­li annu­ali “Bici in Treno”, più 150 euro – a par­ti­co­lari con­dizioni e nel lim­ite totale di 400 mila euro – per l’acquisto di bici­clette pieghevoli com­pat­i­bili al trasporto sui mezzi pub­bli­ci. Chiesto anche, ma con un altro atto dis­tin­to dal­lo schema che ha rice­vu­to oggi parere favorev­ole, di coprire il 50 per cen­to del cos­to del­l’ab­bona­men­to “Bici in Treno”. Giuseppe Sime­one (Pdl – Forza Italia) si è astenu­to sull’osservazione e ha evi­den­zi­a­to che lo schema di delib­era ha per ogget­to agevolazioni legate al red­di­to Isee, non i temi con­tenu­ti nel­la pro­pos­ta di Ave­nali. Astenu­to, sem­pre sull’osservazione pro­pos­ta dal­la con­sigliera pd, anche Fab­rizio San­tori (Mis­to).