Comitato Aeroporto: Ciampino, Marino e Roma boccino il piano truffa di AdR

Comitato Aeroporto: Ciampino, Marino e Roma boccino il piano truffa di AdR

03/02/2016 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2234 volte!

aeroporto-cargo-fiumicinoComi­ta­to Aero­por­to: Ciampino, Mari­no e Roma boc­ci­no il piano truf­fa di AdR

Pro­pos­ta riduzione dei voli solo a par­tire dal 2021

A feb­braio 2014 i comu­ni di Ciampino, Mari­no e Roma boc­cia­rono il Piano Antiru­more pro­pos­to da ADR per il rien­tro entro i lim­i­ti acus­ti­ci di legge dei voli effet­tuati nell’Aeroporto di Ciampino. La pro­pos­ta era insuf­fi­ciente e non garan­ti­va affat­to il rispet­to delle norme. Nei due anni suc­ces­sivi, con una situ­azione che si è man­tenu­ta anco­ra com­ple­ta­mente ille­gale, nes­suna isti­tuzione è inter­venu­ta a ver­i­fi­care il rispet­to delle norme e così il traf­fi­co aereo a Ciampino è anco­ra aumen­ta­to, giun­gen­do a 5.800.000 passeg­geri nel 2015. Di nuo­vo c’è solo sta­to che l’UE ha avvi­a­to una indagine per pos­si­bile infrazione all’Italia nell’applicazione delle norme sull’impatto ambi­en­tale. A novem­bre 2015 ADR ha ripresen­ta­to un nuo­vo piano antiru­more.

I cit­ta­di­ni del Comi­ta­to per la Riduzione dell’Impatto Ambi­en­tale dell’Aeroporto di Ciampino (CRIAAC), dopo aver pre­so visione del Piano AdR, chiedono ai Comu­ni di Ciampino, Mari­no e Roma di boc­cia­re anco­ra una vol­ta il Piano. “Dici­amo subito una cosa chiara e forte a tutte le Isti­tuzioni” esor­disce il Comi­ta­to “non è accetta­bile che un piano di riduzione dei voli, in una situ­azione dram­mat­i­ca come quel­la dell’aeroporto di Ciampino, pro­pon­ga il pri­mo inter­ven­to per il 2021. Cioè a 20 anni dall’approvazione del­la legge (447/1995) del­la quale è appli­cazione.”

Il Piano pre­sen­ta­to da ADR è l’ennesimo pre­sa in giro ver­so i cit­ta­di­ni e ver­so la legge” con­tin­ua il Comi­ta­to.“ In una situ­azione di con­cla­ma­ta ille­gal­ità, sen­za una Val­u­tazione di Impat­to Ambi­en­tale, in difet­to di pre­sen­tazione dal 2002 come indi­ca l’Europa, l’ADR ha l’arroganza di indi­care una pos­si­bile riduzione dei voli solo a par­tire dal 2021, quan­do, forse, si potran­no avere dei nuovi motori aerei per il 50% del­la flot­ta che opera a Ciampino. E poi chi garan­tirà e con­trollerà che le flotte pri­vate si rin­nover­an­no dotan­dosi dei nuovi motori? La pro­pos­ta prevede poi una riduzione dei voli com­mer­ciali del 33%, ma solo a par­tire dal 2021.”

Con­clude il CRIAAC “questo nuo­vo Piano è una vera ver­gogna. La riduzione del numero dei voli deve essere imme­di­a­ta e deve riportare nei lim­i­ti di legge l’aeroporto in tem­pi stret­tis­si­mi vis­to che i voli fuori nor­ma van­no avan­ti da oltre dieci anni. Ci deve essere una riduzione imme­di­a­ta a 60/70 movi­men­ti com­p­lessivi gior­nalieri, così come indi­ca­to a suo tem­po dai mod­el­li appli­cati da ARPA Lazio. Chiedi­amo al Sin­da­co di Ciampino e ai Com­mis­sari di Mari­no e Roma di rice­vere una del­egazione del Comi­ta­to per ascoltare le ragioni dei cit­ta­di­ni e chiedi­amo loro, con fer­mez­za, di boc­cia­re sen­za indu­gio l’ennesima provo­cazione di AdR che, come dimostra­no i dati sul rumore elab­o­rati dall’ARPA Lazio anche in queste set­ti­mane, se ne infis­chia del­la salute dei cit­ta­di­ni e delle leg­gi.”

www.comitatoaeroportociampino.it

twit­ter: Comi­ta­to Ciampino@CiampinoCRIAAC

face­book: Comi­ta­to aero­por­to di Ciampino

info@comitatoaeroportociampino.it