Cori: va in scena il 36° Gran Galà di Carnevale

Cori: va in scena il 36° Gran Galà di Carnevale

02/02/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1388 volte!

GRAN GALA' DI CARNEVALEDomeni­ca 7 Feb­braio, alle ore 15:00, pres­so l’oratorio del­la Par­roc­chia SS. Pietro e Pao­lo, andrà in sce­na il 36° Gran Galà di Carnevale orga­niz­za­to dai par­roc­chi­ani di Cori monte. Una giran­dola di can­ti, bal­li e scenette comiche in dialet­to corese, dove il diver­ti­men­to è assicurato.

Gli sketch vedran­no alternar­si sul pal­co i vari grup­pi del­la par­roc­chia: i bam­bi­ni dell’Azione Cat­toli­ca Ragazzi (3^ ele­mentare – 3^ media), i gio­vanis­si­mi (14–18 anni), i gio­vani (18–30 anni) e gli edu­ca­tori dell’A.C.R. Uno spet­ta­co­lo esi­la­rante, che si rin­no­va di anno in anno.

Per il 2016 sono in pro­gram­ma cinque mini comme­die. In uno stranis­si­mo stu­dio medico, i più pic­coli, nelle vesti di pazi­en­ti, si sot­to­por­ran­no alle vis­ite di uno stram­bo dot­tore che rispon­derà alle loro argute domande in maniera alquan­to bizzarra.

I più grandi­cel­li invece saran­no pro­tag­o­nisti di un sur­reale set cin­e­matografi­co, al cospet­to di un reg­ista oltremo­do esi­gente e per­fezion­ista che non esi­ta un istante a far ripetere la parte ai suoi attori. Ciak 1, Ciak 2, Ciak 3 … chissà se alla fine rius­cirà a chi­ud­ere le riprese.

Poi sarà la vol­ta del­la casa dei mis­teri e di un uomo che ha un grosso prob­le­ma: una moglie son­nam­bu­la e clep­tomane. Chia­ma l’amico per sfog­a­r­si, ma ad un trat­to irrompe la coni­uge e … il resto è tut­to da sco­prire, così come a lietis­si­ma sor­pre­sa saran­no le ultime due rap­p­re­sen­tazioni, pro­tette da mas­si­mo riserbo.

Le sigle di aper­tu­ra e chiusura saran­no affi­date alle voci dei gio­vanis­si­mi, men­tre i can­ti che si susseguiran­no nel cor­so del­lo show daran­no occa­sione di esi­bir­si ai più pic­coli dell’A.C.R. Pre­sen­tazione e salu­ti finali affi­dati alle parole di Don Ange­lo Buon­aiu­to che ha volu­to man­tenere viva ques­ta tradizione ultratrentennale.